Cerca

Roma: muore bimba di 3 anni, segni di percosse

Il decesso prima di arrivare in ospedale. Sul corpo ecchimosi e morsi, ma la Polizia pensa a una morte per cause naturali

Roma: muore bimba di 3 anni, segni di percosse
Una bambina di 3 anni è morta mentre veniva trasportata all’ospedale Sant'Andrea di Roma da un'ambulanza del 118. Sul corpo aveva segni di percosse. A chiamare i soccorsi verso le 11 di martedì 26 aprile sono stati i genitori della piccola, che avevano denunciato una crisi respiratoria. Nel corso dei primi accertamenti, però, i sanitari hanno riscontrato ecchimosi, morsi e contusioni sul corpo della piccola, che è morta prima di arrivare in ospedale. Il padre ha spiegato che la figlia soffriva di attacchi epilettici, senza però trovare una giustificazione per le ferite alle gambe. La polizia, che indaga sul caso, ritiene comunque probabile la morte per cause naturali. L'autopsia, prevista per mercoledì 27 aprlie, chiarirà ogni dubbio. 

MORSO SOTTO AL PIEDE
- La piccola viveva con i genitori in una palazzina a Fonte Nuova, alle porte di Roma nel nord-est. Secondo il primo referto dei medici, i segni trovati sul corpo - contusioni, ecchimosi e segni di morsi - "sarebbero compatibili con dei maltrattamenti". Nel dettaglio, la bimba ha un morso sotto la pianta di un piede, e i segni della dentatura sono riconducibili a una mascella umana. Gli inquirenti ancora non escludono che le ecchimosi possano essere state causate da un attacco epilettico e che il morso sia il frutto di un estremo tentativo di uno dei genitori di rianimarla. Gli agenti della polizia di Stato hanno effettuato un sopralluogo nell'abitazione della piccola e ascolteranno i genitori per ricostruire la dinamica dell'accaduto. Dalle informazioni che sono trapelate, la bimba aveva una sorella gemella, era disabile e non in grado di alimentarsi autonomamente. Sulla morte, la Procura ha aperto un fascicolo per accertarne le cause e ha disposto l'autopsia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog