Cerca

Cgil, lezione di civiltà: "C'è il Cav? Usate il bastone"

Maniere forti. In una vignetta sui volantini per lo sciopero generale un uomo parla al nipote: "Se incontrassi Silvio..."

Cgil, lezione di civiltà: "C'è il Cav? Usate il bastone"
La Cgil vuole  prendere a bastonate Silvio Berlusconi.  Per ora, è soltanto il disegno di un nonnetto, vagamente ispirato ad Abraham Simpson, ma uscito dalla penna assai meno talentuosa di Snake (in inglese: biscia, serpente). «Nonno, ti serve il bastone per camminare?», chiede il nipotino a un vecchio signore con un fazzoletto al collo stile partigiano, che risponde: «No, tranquillo Paolino, cammino benissimo. Mi serve nel caso incontrassi il premier....». I puntini di sospensione stanno ovviamente a indicare un’intenzione di aggredire fisicamente il presidente del Consiglio. E il dialogo fra le generazioni la volontà di trasmettere la cultura dello scontro fisico. L’aveva già fatto qualche decennio prima, a poca distanza, cioè nel Reggiano, un ex combattente della Resistenza, consegnando la propria rivoltella al brigatista Alberto Franceschini.

Si potrebbero attribuire altri significati più soft e benevoli alla vignetta, che compare su un volantino di convocazione dello sciopero generale del 6 maggio prossimo, firmato dal sindacato dei pensionati della Cgil di Modena. Il testo del proclama accusa il governo del “fare” di aver ridotto le pensioni, aumentato le tasse, ridotto le tutele. E fin qui, è critica politica. Eppure sono le risoluzioni politiche, cioè le legnate, a colpire, per ora metaforicamente. Ma, visto il peso numerico ormai preponderante della sezione anziani, guidata dal segretario generale Carla Cantone, all’interno del sindacato rosso, l’invito alla violenza fa pensare.

Ci sono ricascati, come se facessero a gara, tra le varie componenti interne, a chi si mostra più oltranzista. L’escalation era partita durante la gestione di Guglielmo Epifani. All’epoca la Fiom -Cgil di Bergamo, su un volantino diffuso il 9 ottobre 2009, aveva indicato come obiettivi Alberto Bombassei, già presidente di Federmeccanica, Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti, segretari generali, rispettivamente della Cisl e delle Uil, e il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi. Erano stati tutti ritratti in fotografie formato tessera sovrastate dalla scritta «Fermiamoli», ridotta a un colabrodo, dove era difficile distinguere fra i segni di colpi d’arma da fuoco e le lacerazioni sulle lettere, tracciate in rosso. Il tutto aveva il sapore di un’indicazione del «nemico del popolo», che richiamava alla memoria gli innumerevoli attentati compiti in Italia dalle Brigate Rosse e dai loro emuli fino a pochissimi anni fa.

Sembrava che qualcosa fosse cambiato con l’arrivo nel novembre scorso di Susanna Camusso, già messa ai margini dalla Fiom ai tempi di Gianni Rinaldini. Ieri a Bologna, dal palco dell’attivo dei delegati della Cgil Emilia Romagna, anche la pasionaria ha picchiato duro: «A chi dice che lo sciopero generale sarà politico per denigrarlo ed esporlo al pubblico ludibrio, io dico sì sarà uno sciopero politico». Il loro slogan, d’ora in poi potrebbe diventare: «Politica e manganello, sindacalista modello».

di Andrea Morigi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucia elena

    28 Aprile 2011 - 16:04

    Mio caro avendo tu donato il cervello all'ammasso ho l'onore di nominarti TRINA RICCIUTO.

    Report

    Rispondi

  • dontfeedtheboss

    28 Aprile 2011 - 11:11

    Sono "giornali" come Libero che pur di fare del vittimismo proBerlusconi mistificano una battuta (+ o - riuscita) pur di dipingere l'avversario come violento. Il tutto mentre mandano a puttante (con grand epiacere del premier) la democrazia e il patto sociale che unisce i cittadini. Siete voi che fomentate la guerra civile, come se non ce ne fossero già motivi sufficienti, considerando il disastro democratico dei governi del PDL.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    27 Aprile 2011 - 23:11

    Scusa, anima buona, mi è sfuggito un "é" al posto di un "ha" (asservito). Meno male che ci sei tu a correggere noi komunisti, sai a furia di masticare il russo...l' italiano ce lo dimentichiamo un pochino. Andrò a prendere lezioni da Pionati!

    Report

    Rispondi

  • gicchio38

    27 Aprile 2011 - 19:07

    La Cgil vuole prendere a bastonate Silvio Berlusconi. Per ora, è soltanto il disegno di un nonnetto, vagamente ispirato ad Abraham Simpson, ma uscito dalla penna assai meno talentuosa di Snake (in inglese: biscia, serpente). «Nonno, ti serve il bastone per camminare?», chiede il nipotino a un vecchio signore con un fazzoletto al collo stile partigiano, che risponde: «No, tranquillo Paolino, cammino benissimo. Mi serve nel caso incontrassi il premier....». I puntini di sospensione stanno ovviamente a indicare un’intenzione di aggredire fisicamente il presidente del Consiglio. E il dialogo fra le generazioni la volontà di trasmettere la cultura dello scontro fisico. L’aveva già fatto qualche decennio prima, a poca distanza, cioè nel Reggiano, un ex combattente della Resistenza, consegnando la propria rivoltella al brigatista Alberto Franceschini. E CON QUESTE STR... RIMARRETE ALL'OPPOSIZIONE PER ALTRI CINQUANTA ANNI. BRAVI... BRAVISSIMI... E PPPRRRRR...............................

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog