Cerca

Monito Agcom: "Troppo Silvio nei tg, riequilibrare"

L'Autorità garante per le Comuncazioni rileva una "sovraesposizione del premier": Sotto accusa anche Ferrara e Annunziata

Monito Agcom: "Troppo Silvio nei tg, riequilibrare"
"Obiettiva sovraesposizione del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi", con questa motivazione l'Agcom, l'Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni, richiama i telegiornali a riequilibrare il tempo dedicato ai partiti politici nei servizi. Particolare attenzione hanno meritato anche due programmi di approfondimento, Qui Radio Londra di Giuliano Ferrara e  Potere di Lucia Annunziata: "Richiamiamo la Rai ad assicurare un maggiore rispetto verso le istituzioni".

SOVRAESPOSIZIONE DEL CAV NEI TG - L'Autorità ha reso noti oggi i dati del monitoraggio sul pluralismo politico relativi alla campagna elettorale in corso, che hanno evidenziato una sovraesposizione del premier Berlusconi: "La presenza del presidente del Consiglio deve essere controllata, soprattutto dal momento che è direttamente coinvolto nelle elezioni amministrative in quanto capolista a Milano". Per questo motivo l'Agcom ha ribadito a tutti i tg "di attenersi con particolare rigore ai principi di completezza, correttezza, obiettività, equità, imparzialità e parità di trattamento di tutte le liste e i soggetti concorrenti, fino alla fine della campagna elettorale, ricordando che non è consentito un uso di riprese televisive con presenza diretta, non giustificata, di membri del Governo o di esponenti politici".

FERRARA E ANNUNZIATA - Nel mirino dell'Agcom anche Ferrara e l'Annunnziata, rispettivamente per la puntata del 19 aprile di Qui Radio Londra e per quella del 18 aprile di Potere. Nella prima il giornalista si era rivolto direttamente al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, chiedendogli di non "ignorare" lo "spirito di eversione politica" in atto contro "un governo liberamente eletto", accusando poi la magistratura di atti eversivi per destabilizzare l'esecutivo.  Era dedicata ai giudici anche la puntata di Potere in cui Lucia Annunziata ha ospitato i magistrati milanesi Pierluigi Davigo e Armando Spataro e l'ex ministro della Giustizia Roberto Castelli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • perigo

    perigo

    30 Aprile 2011 - 01:01

    Nemmeno una parola per i due conduttori con la fisima del Cav. L'autorità garante guarda la pagliuzza ma trascura la trave di un'informazione faziosa e settaria, ovviamente di sinistra, che quotidianamente fa a pezzi il Premier, senza alcuna soluzione di continuità e senza che alcuno si prodighi per riequilibrare i valori in campo.

    Report

    Rispondi

  • nevenko

    29 Aprile 2011 - 15:03

    sciocchezze.

    Report

    Rispondi

  • chet57

    29 Aprile 2011 - 13:01

    Allora la smettiamo con tutte queste bugie fabbricate ad arte e diciamo le cose come stanno?Berlusconi e' il presidente del consiglio e guarda caso e' l'editore /padrone di Mediaset.ovvero di 3 canali televisivi: Rete 4, Canale 5 e Italia 1: ci siamo ?Avete capito ?Da quando governa e lo fa soprattutto per questo, controlla la sua informazione privata , Mediaset , e quella pubblica ,che e' sempre sua ovvero la RAI :Per Mediaset ottiene vantaggi a discapito della RAI , in ascolti e ritorni pubblicitari, tanto e' vero che la RAI che paghiamo, ci perde a vantaggio delle reti private di Berlusconi.In nome del LIBERISMO , lui fa sempre di tutto per essere un MONOPOLISTA ( e se altri non fanno come dice lui ,sono solo degli sporchi comunisti , come TG 3 , SKY, La7, che non si comportano da COMPETITORS ,bella parola che fa scattare l'orgoglio di quegli inebetiti col cravattone azzurro e la grisaglia di ordinanza da replicanti che si vedono alle convention del PDL.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    29 Aprile 2011 - 12:12

    non ho ancora letto un vostro commento sulla parzialità a senso unico di Ferrara e sulla mancanza di contraddittorio, come invece anche qui si blatera suSantoro e Floris: da loro ci sono sempre le controparti; anche Lui Lui è stato invitato; solo che Lui Lui non gradisce un confronto; sono anni che non partecipa ad un dibattito; se en va dal ciambellano Vespa e esonda per tutta la trasmissione, qualche volta con giornalisti tappetini che riecono a malapena a fare una domanda, magari sulla salute. Ma per piacere!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog