Cerca

Melania, su siringa e laccio non c'è traccia suo dna

Giallo Ascoli, i Ris: nessun frammento nemmeno del codice genetico del marito. La pista: "Carmela voleva lasciare il coniuge"

Melania, su siringa e laccio non c'è traccia suo dna
Sull'involucro esterno della siringa trovata infilzata nel cadavere di Carmela Melania Rea non ci sono il dna né della vittima né del marito, Salvatore Parolisi, negli ultimi giorni al centro dell'attenzione degli inquirenti. Neppure sul laccio emostatico recuperato accanto al corpo della giovane mamma assassinata è stato trovato il codice genetico dei due. Proseguono le indagini sulle tracce di liquido misto a sangue che si trovava all'interno della siringa. Sono queste, secondo le indiscrezioni trapelate, le prime conclusioni a cui sono giunti i carabinieri dei Ris che hanno analizzato i due oggetti trovati nel bosco di Ripe di Civitella, in provincia di Teramo, dove Melania, scomparsa il 18 aprile scorso dal pianoro di Colle San Marco, ad Ascoli Piceno, è stata rinvenuta cadavere.

"VOLEVA LASCIARE IL MARITO" - L'attenzione degli inquirenti si è concentrata su Parolisi, il marito, dopo le dichiarazioni rilasciate da un'amica di infanzia di Melania, Imma: "Voleva lasciare il marito", ha spiegato. A confermare l'intenzione della ragazza ci sarebbe anche un conoscente, Raffaele, che proprio nel giorno della scomparsa avrebbe visto nel bagagliaio dell'auto del marito il trolley di Melania. Sempre più, quindi, i sospetti degli inquirenti si concentrano su Salvatore Parolisi, il consorte della donna uccisa. Sono ancora in corso le analisi dei Ris sui reperti contenenti tracce ematiche, come quelle ritrovate nella stessa auto di Parolisi e nella baita nella quale si sarebbe appartato con la moglie.

MELANIA E IL MARITO, LITIGI CONTINUI - Secondo un'amica intima, Melania sarebbe stata sul punto di lasciare il marito. I litigi fra i due erano continui e la ragazza era costretta a vivere una vita molto solitaria, a causa della gelosia del marito e dei suoi impegni lavorativi. Già durante la gravidanza Melania era tornata a vivere dai suoi genitori e Parolisi aveva ammesso che il motivo dell'allontanamento era stata una sua relazione extraconiugale, troncata alla nascita della bambina. Melania era quindi tornata ad abitare con il marito, senza però riuscire a ritrovare l'amore di un tempo.

TROLLEY SCOMPARSO - L'intenzione di Melania di tornare dai genitori era nota anche ad altri conoscenti, fra i quali l'amico Raffaele, che ha raccontato di aver visto il trolley della donna nell'auto di Parolisi lo stesso 18 aprile. E' possibile che Carmela avesse preso la sua decisione e preparato i bagagli per partire. Forse la gita in montagna doveva rappresentare un ultimo tentativo di riavvicinamento. Forse l'addio definitivo.




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Lupetto99

    06 Maggio 2011 - 21:09

    L' assasino è Bruno Vespa aiutato da Salvo Sottile con la supervisione dell' ex Generale del ris Garofalo. Gli unici a guadagnare sulla morte di povere vittime sono loro con i loro programmi improntati alla morbosità. Lasciamo lavorare gli inquirenti in santa pace. La mia opinione è che il marito ha progettato l' omicidio con l' aiuto dell' amante. Niente maniaci ma la solita storia degli amanti diabolici che uccidono il presunto ostacolo al loro amore. Squallida faccenda.

    Report

    Rispondi

  • sahid

    01 Maggio 2011 - 10:10

    ...il racconto del marito fa acqua da tutte le parti : 1) La moglie sarebbe andata in bagno scegliendo la via più lunga, non se ne capisce il perché. 2) Il Parolisi si accorge della prolungata assenza della moglie dopo quasi un'ora, la cosa mi lascia perlomeno perplesso 3) Si presenta dal barista in brachette e maglietta corti, aveva caldo, sostiene: ma 4 ore prima si reca al supermercato indossando il piumino, altra stranezza incomprensibile, visto che il luogo del delitto è situato in collina. 4) Il trolley dov'è finito? Volatilizzato senza alcuna spiegazione plausibile 5) Infine una considerazione morale:aveva una relazione mentre la moglie aspettava un figlio da lui: ma che uomo è? Detto ciò ci vogliono riscontri e prove inoppugnabili: sarà questione di attendere un pò di tempo.

    Report

    Rispondi

  • penelope10

    01 Maggio 2011 - 06:06

    confermo "cobra" ...... il mondo è affollato da pazzi criminali !! purtroppo non è una novità

    Report

    Rispondi

  • joe50

    01 Maggio 2011 - 03:03

    bella lei ,geloso lui per i prossimi tre mesi siamo a posto con RIS, piantine del bosco , il corpo riesumato 40 volte, criminologi, ecc..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog