Cerca

Ruby, Minetti: "Non sono sorpresa, ma l'accusa è odiosa"

Chiesto rinvio a giudizio per favoreggiamento prostituzione: "Me l'aspettavo". Lei alla Camera? "Fantasie"

Ruby, Minetti: "Non sono sorpresa, ma l'accusa è odiosa"
Scioccante no, odioso sì. Nicole Minetti, in un'intervista al Corriere della Sera, commenta così la richiesta di rinvio a giudizio della Procura di Milano a suo carico sul caso Ruby: "Me l'aspettavo, era nell'aria. Non è stato per niente scioccante". Quello che affligge la consigliera Pdl è però l'accusa di induzione e favoreggiamento della prostituzione. "E' davvero odioso per una donna essere accusata di aver favorito la prostituzione di altre donne. Posso prepararmi soltanto psicologicamente, il resto è nella mani degli avvocati". Avvocati che la Minetti ha deciso di cambiare, senza pressioni esterne: "Non c'è stata nessuna pressione esterna. La decisione di cambiare difensore è arrivata solo perché l'avvocato Paolo Righi, che ho appena nominato, è di Rimini ed è un amico della famiglia di vecchia data. Il mio punto di riferimento è la mia famiglia, in modo particolare in questa fase della mia vita. Questa decisione l'abbiamo presa tutti insieme". Altro capitolo, i rapporti con il premier Silvio Berlusconi. Smentita con fermezza l'ipotesi di un seggio alla Camera ("Fantasie incommentabili"), la Minetti racconta:"Non ho sentito il premier in questi giorni, ma i nostri rapporti non si sono mai deteriorati".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    07 Maggio 2011 - 16:04

    Forse chi ci scherza su non ricorda come andarono i fatti. L'On.le Staller fu eletta nelle liste del partito radicale nel 1987, risultando la seconda eletta. La legge elettorale prevedeva la scelta del candidato, non come ogggi che si viene nominati dalla segreteria del partito. All'epoca il segretario storico, Marco Pannella, dopo 2 anni chiese alla Staller di dimettersi per permettere ai non eletti di fare pratica politica in Parlamento. La Staller rifiutò di dimettersi poichè, così motivò la decisione, lei rispondeva solo ai suoi elettori. Si fa presto a dire pornostar!

    Report

    Rispondi

  • tuccir

    07 Maggio 2011 - 14:02

    Cicciolina è molto più dignitosa di queste donnine che siedono in Parlamento per meriti di letto: è patetico vederle poi difendere i valori "conservatori" sulla famiglia.

    Report

    Rispondi

  • Lillognogna

    07 Maggio 2011 - 10:10

    anni fa ci si scandalizzava per l'elezione di Cicciolina, una pornostar in parlamento..... adesso tra Ministre showgirls, e false igieniste dentali non ci scandalizza più di nulla. Come cambiano i tempi.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    07 Maggio 2011 - 10:10

    Ci fossero ancora dubbi, la Minetti è una t-ro-i@ : il minimo che possa aver fatto (intercettazioni docet) è la procacciatrice di prostitute e organizzatrice del via vai verso Arcore. Spero che venga condannata ed esclusa per sempre da ogni carica pubblica!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog