Cerca

Nipote di Farinacci si suicida su tomba di famiglia

Pietro Ercole Mola si è sparato un colpo di fucile al petto nel cimitero di Cremona, sulla bara del nonno gerarca fascista

Nipote di Farinacci si suicida su tomba di famiglia
Il nipote del gerarca fascista Roberto Farinacci, Pietro Ercole Mola, di 65 anni, si è suicidato questa mattina nel cimitero di Cremona sparandosi un colpo di fucile al petto, sulla tomba del nonno. Il medico era molto conosciuto in città per il suo lavoro al pronto soccorso dell'Ospedale civile. A trovare il cadavere sono stati alcuni addetti al camposanto, sul posto sono ancora presenti i carabinieri per i rilevamenti.

Secondo i primi accertamenti, l’uomo sarebbe uscito da casa questa mattina presto portandosi dietro un fucile regolarmente detenuto. Poi, una volta davanti alla tomba di famiglia, si è rivolto l’arma contro e ha esploso un colpo.  Spaventati per lo scoppio, alcuni visitatori del cimitero si sono diretti verso la tomba, ma il medico è morto sul colpo. La notizia ha lasciato stupiti gli amici e i parenti dell’uomo che hanno riferito ai carabinieri che il medico non soffriva di particolari problemi di salute


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    11 Maggio 2011 - 19:07

    Se stavi zitto nessuno si accorgeva che non eri stato a scuola.Invece hai voluto strafare e adesso tutti sanno quanto sei deficiente.Sei parzialmente giustificato, perchè sei di sinistra , dico parzialmente perchè ci hai aggiunto del tuo.

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    11 Maggio 2011 - 18:06

    se ben ricordo, tu sei l’avvoltoio che affondava il becco nei cadaveri dei militari caduti sfregiandone morte e memoria pur di blaterare vili invettive politiche di parte, ma anche il sordido individuo che insultava le F.A. vaneggiando di putsch e sollevazioni militari. Ciliegina sulla torta, baccagliavi ossessivamente sulla sorte riservata ai pedofili in carcere, dimostrando di averne un’esaustiva conoscenza diretta e personale. Ora, ricomparso dopo notevole assenza (berci altrimenti firmati o soggiorno al gabbio per rinfrescar la memoria?), persisti nelle tue abitudini di spregevole necrofago, sfruttando un suicidio per le tue urla scomposte. La cosiddetta “lotta partigiana” (troppo lungo descrivere cosa realmente sia stata in un’infinità di casi) dei comunisti aveva come unica mira la consegna dell’Italia ad una dittatura ben più laida del fascismo. Il resto dei tuoi schiamazzi, tragicomici “partigiani del nuovo millennio” in primis, parrebbe il proclama di una blatta da devastazione urbana, ma è lo sproloquio del miserabile relitto impotente, pateticamente in cerca di un riscatto di tastiera. Partigiano di ‘sto … , seppellisci la tua viltà nel mucchio della canaglia rossa e spera di non dover mai mostrare la faccia: i pidocchi non si combattono, si schiacciano. Anima cattiva

    Report

    Rispondi

  • folgore38

    11 Maggio 2011 - 16:04

    Il problema non e' tanto che tizio parla come se ci fosse ancora il migliore . No ! Non e' questo il problema che dobbiamo risolvere: dobbiamo stabilire se tizio e' in condizioni di argomentare un semplice problema di storia vera; si, quella storia scritta col sangue degli innocenti a guerra finita.Se non si chiariscono le idee, certi personaggi guasconi e un po stupidi e, soprattutto ignoranti(dal verbo ignorare)non ci e' possibile discutere: e' tempo perso.Insomma, sono irrecuperabili soprattutto quando affermano che la cosidetta resistenza ha liberato il nostro Paese dal NaziFascismo. Sara' pure vero, pero': a me risulta che l'Italia tutta ha perso la guerra per la vigliaccheria dei voltagabbana di stampo badogliano. E poi, diciamoci la verita': i cosi detti partigiani non hanno liberato un bel niente. Si sono accodati alle baionette dei soldati di cinque continenti quando la guerra era gia finita.Altro che liberatori. Molti sono risultati degli autentici assassini della peggior spe

    Report

    Rispondi

    • Pegasus310

      11 Luglio 2014 - 10:10

      abbiamo perso la guerra per tante ragioni oltre a quelle citate da folgore 38. Riguardo ai partigiani e i loro discendenti, dico solo che sono stati e continuano ad essere la rovina del paese.

      Report

      Rispondi

  • Era

    11 Maggio 2011 - 15:03

    L'ho sepre detto che gli animali molto spesso sono meglio delle persone :) Poverini questi che nell'ignoranza ancora sperano nella permanenza al potere del loro ducetto. Presto o tardi gli italiani lo mandaranno via. E poi li vorrò vedere tutti i suoi sudditi piangere alla corte del papi. Ricordatevi prima di riportare a casa le vostre bambine...non lasciatele a casa di B....poverine....che fine fate fare alle vostre bimbe.....con quel culo flaccido......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog