Cerca

Pedofilia e droga, un parroco arrestato a Recco

Pesanti accuse su Don Riccardo Seppia, la Cei lo sospende. Bagnasco: "Preghiamo per le vittime e le famiglie"

Pedofilia e droga, un parroco arrestato a Recco
Lo scandalo pedofilia torna a colpire la chiesta. Riccardo Seppia, parroco della chiesa di Santo Spirito di Sestri Ponente, in Liguria, è stato arrrestato con l'accusa di violenza sessuale su minore e cessione di stupefacenti. Gravato da queste ipotesi di reato, il prete è stato sospeso dall'arcivescovo di Genova e presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco. "L'Arcivescovo Bagnasco - riferisce un comunicato della Curia genovese - manifesta piena fiducia nell'operato della magistratura, fraterna vicinanza alle eventuali vittime e ai familiari, rinnovata solidarietà alla Comunità cristiana così dolorosamente provata. Per tutti prega perché il Signore illumini e conforti. In conformità alla disciplina canonica e in particolare alle 'Linee guida' della Congregazione per la Dottrina della Fede - prosegue il comunicato della Curia -, si dispone nei confronti del sacerdote la sospensione da ogni ministero pastorale e da ogni atto sacramentale, nonchè la revoca immediata della facoltà di ascoltare le confessioni sacramentali". Don Riccardo, prima di diventare parroco a Sestri Ponente nel 1996, ha esercitato a Recco e in val Brevenna.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Roberto P.

    16 Maggio 2011 - 13:01

    Vergognoso e indecente quanto è emerso sulla vicenda del parroco porco e pedofilo, e semplicemente scandalose le trascrizioni delle sue telefonate, pubblicata da diverse fonti... Quello non è altro che un gay qualsiasi, che, non avendo voglia di lavorare, è andati o a fare il prete per sco..rsi tutti i minorenni della parrocchia. Ecco cos'è diventata la Chiesa Cattolica oggi, e per favore che non ci vengano a mostrare i missionari e le suore laiche e le loro vicende strappalacrime per estorcerci l'otto per mille! Io dovrei versare l'otto per mille per pagare al parroco di Genova la cocaina con cui adesca i minorenni? E che Ratzinger, Bagnasco, Crociata, Tettamanzi, Sciortino e tutti gli altri sapientoni e moralisti d'accatto la finissero una buona volta di interferire nelle vicende italiane, imponendoci l'accoglienza dei delinquenti extracomunitari; si occupassero dei Cristiani assassinati dai musulmani e dei preti infami, corrotti e corruttori come quello di Genova.

    Report

    Rispondi

  • Roberto P.

    16 Maggio 2011 - 12:12

    Vergognoso e indecente quanto è emerso sulla vicenda del parroco porco e pedofilo, e semplicemente scandalose le trascrizioni delle sue telefonate, pubblicata da diverse fonti.... Quello non è altro che un gay qualsiasi, che, non avendo voglia di lavorare, è andato a fare il prete per sco..rsi tutti i minorenni della parrocchia. Ecco cos'è diventata la Chiesa Cattolica oggi, e per favore che non ci vengano a mostrare i missionari, le suore laiche e le loro vicende strappalacrime per estorcerci l'otto per mille! Io dovrei versare l'otto per mille per pagare al parroco di Genova la cocaina con cui adesca i minorenni? E che Ratzinger, Bagnasco, Crociata, Tettamanzi, Sciortino e tutti gli altri sapientoni e moralisti d'accatto la finissero una buona volta di interferire nelle vicende italiane, imponendoci l'accoglienza dei delinquenti extracomunitari; si occupassero dei Cristiani assassinati dai musulmani e dei preti infami, corrotti e corruttori come quello di Genova.

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    16 Maggio 2011 - 12:12

    Lei è quasi più reazionario di me!

    Report

    Rispondi

  • Teseotesei

    16 Maggio 2011 - 12:12

    ...questa classe religiosa viene diretta dal Concilio Vaticano II, il fumo di satana alla fine da i suoi frutti. E' fallita la chiesa dei vescovi danzanti a ritmo rock, degli annacquamenti dottrinali, e del peccato che in fondo è solo un mettersi d'accordo perché l'inferno è vuoto...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog