Cerca

Napoli riparte dall'immondizia: rifiuti in strada

In attesa del ballottaggio, solita emergenza: monnezza sparsa nelle vie della città, trenta interventi dei vigili

Napoli riparte dall'immondizia: rifiuti in strada
Lettieri o De Magistris che sia, il prossimo sindaco di Napoli dovrà ripartire dall'eterno problema: i rifiuti. Il simbolo dell'ecodramma napoletano è la protesta di ieri sera, in concomitanza con lo spoglio dei voti per Palazzo San Giacomo. Immondizia in fiamme e spazzatura sparsa per strada hanno obbligato i vigili del fuoco ad una trentina di interventi, tra città e provincia. In molti punti di Napoli, l'immondizia è stata sparpagliata lungo le carreggiate. Segnalazioni, anche alla polizia, sono pervenute da corso Amedeo di Savoia, via don Bosco, via Pasquale Scura, viale Traiano a Soccavo. Cumuli incendiati, invece, a Fuorigrotta come nel centro storico della città e in via Santa Teresa degli Scalzi e via Monteoliveto dove le fiamme hanno anche danneggiato la fiancata di un'automobile. Interventi dei vigili del Fuoco anche in provincia, in particolare a Melito e Casandrino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jerico

    29 Maggio 2011 - 18:06

    Ma ,scusate, che ci stà a fare l'esercito ? Per raccogliere la spazzatura ?Occorre predisporre una ''cintura sanitaria'' attorno a Napoli e dintorni,utilizzando l'esercito,anzichè tenerlo nelle caserme!Ma sono certo che se dovesse vincere De Magistris,la spazzatura come per incanto sparirà dalle strade,per imposizione della camorra ed un dispetto fatto al Premier.Se poi le cose non dovessero cambiare,inquisire il nuovo sindaco di Napoli,per ''disastro ambientale'', possibile che non si trova un magistrato che sia ,non dico di destra , ma neutrale ?Non facciamo come la Jervolino e Bassolino,che la faranno franca,come al solito ,solo perchè sono schierati a sinistra .

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    18 Maggio 2011 - 20:08

    Allora...La verita' sulla "munnezza" di Napoli,è che li,comanda la Camorra,e polizia carabinieri a ltreforze dell'ordine,temono la Criminalita' perchè sanno che da Roma in giu',sono loro che comandano.....Quanto vorrei che gli U.S.A. ci invadessero e mandassero i MARINES a combattere contro le mafie al posto dei pagliacci carabinieri...

    Report

    Rispondi

  • blues188

    18 Maggio 2011 - 13:01

    Dopo la terza volta consecutiva che succede la stessa storia le speranze di considerare i napoletani come gente civile sono perdute per sempre. Via Napoli dal'Italia!!!

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    17 Maggio 2011 - 18:06

    Se una persona avesse un minimo di orgoglio e di sensibilità,non si candiderebbe a fare il sindaco di Napoli.Io me ne gurderei bene.Però la vanità umana non ha confini ed ecco che uomini altezzosi si presentano candidati.Per che fare? Per risollevare le sorti della città dicono.Come se non si sapesse che Napoli è ingovernabile,è un porto franco senza legge o forse con la sola legge della camorra,CUI TUTTI SI PIEGANO. Difficile smaltire i rifiuti ,unico modo è prenderli e spedirli altrove,come faceva la grifagna Jervolino. 1-Non ci sono discariche,causa un abusivismo edilizio selvaggio,che ha occupato tutti i possibili siti di stoccaggio 2-Una politica falsamente ecologica,ha fatto sì che non ci fosse alcun termovalorizzatore da utilizzare.3-Inutile reclamare la raccolta differenziata,i napoletani non la farebbero mai,nemmeno con le frustate. Eppure c'è gente che vuole fare il sindaco della città,credendosi il Padreterno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog