Cerca

Imperia, arrestato il presidente del tribunale

Scattano le manette per Boccalatte: l'accusa è quella di corruzione. Gli inquirenti: "Ha concesso scontri di pena e favori a criminali locali"

Imperia, arrestato il presidente del tribunale
I Carabinieri del comando provinciale di Imperia, su disposizione della Procura di Torino, hanno arrestato il presidente del tribunale locale, Gianfranco Boccalatte. Il magistrato era accusato di corruzione nell'ambito di un'inchiesta che, alla fine di gennaio, aveva fatto scattare le manette per il suo autista, Giuseppe Fasolo.

LE ACCUSE - In aspettativa dal servizio e in attesa di un trasferimento a Firenze che gli era stato recentemente concesso, Boccalatte era accusato di aver concesso degli sconti di pena, nonché altri favori, ad esponenti della criminalità organizzata ligure. Sempre nell'ambito della medesima inchiesta, nella mattinata di giovedì i carabinieri hanno arrestato anche due pregiudicati per il reato di millantato credito.

GLI ARRESTI - Oltre al Presidente del tribunale, il Gip di Torino ha emesso un'ordinanza di custoda cauterlare anche per due calabresi ritenuti vicini alla malavita, i quali avrebbero beneficiato, secondo quanto emerge dal quadro accusatorio, dei favori del giudice e dell'autista. In particolare il giudice avrebbe concesso misure di prevenzione attenuate. I due calabresi, secondo gli inquirenti, non sarebbero però gli unici ad aver goduto dei favori di Boccalatte, ma al momento non risultatno i nomi di altre persone nel registro degli indagati.

RUOLO DELL'AUTISTA - Il Gip di Torino ha emesso un ordine di arresto anche per l'autista del presidente, Giuseppe Fasolo, che però si trovava già in cella: l'ordinanza gli è stata notificata in carcere. Dalla ricostruzione degli inquirenti, sembra che Fasolo avesse il ruolo di intermediario tra le persone legate alla malavita e il giudice che poi avrebbe deciso sulle loro sorti. Sarebbe stato lo stesso autista a garantire ai criminali, tramite l'intercessione del giudice, che avrebbero ottenuto trattamenti di favore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    20 Maggio 2011 - 13:01

    O mi sono spiegato male o hai travisato.Il riferimento hai domiciliari era in risposta al fatto che qualcuno affermava che finalmente un magistrato pagava.Io ho fatto osservare che non stava pagando proprio niente, e tra le ipotesi di custodia cautelare ha avuto quella più attenuata.Riguardo alle sentenze, devo prendere in considerazione solo quella della Cassazione che è poi quella che fà testo.Tu invece mi spieghi che è stato preso un palo e il successo è avvenuto con un'autorete.Intanto il risultato non cambia,il giudice Carnevale ha avuto ragione e stato reintegrato e risarcito.Semmai questo ti deve fare nascere la convinzione che è possibile far fuori un Magistrato scomodo.Esiste un'altro Magistrato ,tale Gartano Dragotto che è stato fatto fuori per gli stessi motivi,criticava aspramente la preparazione giuridica dei suoi colleghi.Sebbene avesse ragione è stato spedito in pensione.

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    20 Maggio 2011 - 11:11

    Guarda che sei tu che ti lagnavi del fatto che gli avessero dato solo i domiciliari nella casa al mare invece di sbatterlo in cella. Per quanto riguarda la mia affermazione "non fermarti alle sentenze della cassazione" era solo un invito a valutare anche i fatti che hanno portato a quella sentenza e alle precedenti.

    Report

    Rispondi

  • helpid

    20 Maggio 2011 - 10:10

    per la gente della zona i commenti potrebbero essere diversi, molti direbbero:finalmente!!!! Certo che poi ci vanno di mezzo i magistrati onesti, ma c'è da dire che da lustri, per esempio, in quelle zone del ponente ovest, gravitano ed agiscono indisturbate bande di truffatori che agiscono imperterrite rovinando la vita a centinaia di persone ed aziende del luogo. VEDERE CHE TALI SIGNOROTTI, NONOSTANTE ABBIANO C.V DI KM!!! vivono liberamente ed agiatamente utilizzando il frutto del loro 'lavoro', non credo sia un plauso per la magistratura, molti scommettevano sulle pene -insignificanti - che tali cialtroni avrebbero ottenuto una volta scoperti, chiaro che c'era in atto un certo protezionismo nei loro confronti!

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    19 Maggio 2011 - 18:06

    Bravo,stai migliorando sensibilmente.Se casomai gluschi , mi riprendesse accetterei come sempre le critiche per la mia pessima grammatica.Non è mai sbagliata una critica ma lo può essere il tono e gluschi ha il tono più dolce del forum.( se non la fai irritare,naturalmente )

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog