Cerca

Omicidio Rea, casa Parolisi perquisita. Forse interrogato

Gli inquirenti setacciano la casa del marito a Folignano. Sequestrati alcuni oggetti. Probabile nuova audizione

Omicidio Rea, casa Parolisi perquisita. Forse interrogato
Non è ancora indagato, ma rimane ancora l'unico e il maggiore indiziato. Appena rientrato nella casa di Folignano, Salvatore Parolisi - il marito di Melania, la 29enne scomparsa il 18 aprile scorso e ritrovata straziata e senza vita due giorni dopo - si è visto piombare in casa i Carabinieri per una perquisizione. Il nido di quella che prima della tragedia, agli occhi dei più, appariva una coppia da favola, è stato messo a soqquadro dagli inquirenti, controllato in ogni angolo nella speranza di trovare una traccia che possa condurre all'assassiono della donna. I militari hanno sequestrato qualche oggetto per effettuare ulteriori esami. A un mese esatto dal ritrovamento del cadavere, sono ancora troppe le ombre e gli interrogativi che pesano sul mistero di Ascoli Piceno. Conti che non tornano anche per le tante bugie e le omissioni del caporalmaggiore e marito della vittima. Secondo fonti del tribunale di Ascoli, è possibile che Salvatore Parolisi venga di nuovo interrogato, nelle prossime ore, dagli inquirenti che indagano sull'omicidio della moglie Carmela.

I 'NON DETTO' DEL MARITO -  Il giallo di Melania si annoda ogno giorno di più, quasi come se fosse impossibile snodarlo definitivamente. Sono tanti i punti oscuri nella vita della mamma di Vittoria, tante le bugie raccontate da Parolisi agli inquirenti, troppe le smentite alle sue deposizioni da parte degli altri teste. Le indagini - in quello che è stato definito dal procuratore Monti un vero "rompicapo" - proseguono senza sosta, ma sono sempre ferme allo stesso punto. A un mese dal ritrovamento del cadavere di Melania, tutto ruota intorno al 235esimo reggimento di Ascoli Piceno, lì dove Salvatore addestrava (e corteggiava) le donne soldato.  Ludovica Perrone - a quanto pare - non è l'unica recluta ad aver avuto una liaison con Parolisi, ma avrebbe avuto quella più importante. Una storia che andava avanti parallelamente a quella con Melania da più di anno e che era ancora in corso. I due pare avrebbero dovuto incontrarsi a Napoli il 19 aprile. Della relazione extraconiugale sembra che anche la stessa Melania fosse a conoscenza: cira un anno fa avrebbe telefonato alla soldatessa per intimarle di non intromettersi nella sua famiglia. Particolari, questi, su cui Salvatore ha sempre taciuto. Verità non rivelate che si pongono come una spada di Damocle sul suo capo.

L'ORA DEL DELITTO - Resta da capire l’ora esatta del decesso di Melania. Adriano Tagliabracci, il medico che ha effettuato l'autopsia, ritiene che Melania sia morta fra le 14 e le 17 di quel 18 aprile, dopo una breve colluttazione. Un lasso di tempo troppo dilatato per stabilire con certezza se Salvatore c'entri qualcosa o meno.  Ma se l’ora della morte fosse tra le 14 e  le 15.20, la posizione del marito si complicherebbe ulteriormente: in questo caso l'uomo avrebbe avuto tutto il tempo per andare alla pineta del delitto e per poi salire al Pianoro, dove nessuno ha visto Melania.  


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    20 Maggio 2011 - 10:10

    Ci si mettono anche gli inquirenti. E la Giustizia langue....

    Report

    Rispondi

  • lucas59

    19 Maggio 2011 - 23:11

    . Certo che in fatto di rapidità e intuizione i nostri sherlock holmes non sono secondi a nessunolo Dopo un mese controllano la casa di Parolisi,fra qualche settimana transennano il luogo del delitto per evitare l'inquinamento delle prove da parte dei curiosi,ancora qualche mese e finalmente controlleranno anche l'ufficio e pc del Parolisi in caserma: Huela Bambela, sveglia,non é la caccia al tesoro!!!!! C^é una mamma e donna che non c`é più e ha bisogno urgente di giustizia.

    Report

    Rispondi

  • Il cobra

    19 Maggio 2011 - 20:08

    Mi sorprende come mai dopo l'ennesima bugia del marito, ancora rimane come persona infomata dai fatti e non indagato. Ma il PM cosa aspetta ? che nel rimorso confessi ? Allora Cogne non ha insegnato niente? E' possibile che un marito, follemente innamorato della moglie, nello stesso tempo corteggia mezzo esercito ?

    Report

    Rispondi

  • michele1972

    19 Maggio 2011 - 17:05

    Potevano aspettare un altro po', cos'è tutta questa solerzia? E' passato appena un mese... (mah.. sempre + allibito)

    Report

    Rispondi

blog