Cerca

Fincantieri: Romani convoca il Vertice. Caos-Genova: violenti scontri e 8 feriti

Entro il 2014 saranno chiusi gli stabilimenti di Sestri e di Castellammare. Interviene Ministro: "Tavolo il 3 giugno"

Fincantieri: Romani convoca il Vertice. Caos-Genova: violenti scontri e 8 feriti
Il ridimensionamento di Fincantieri scatena la rivolta a Castellammare e Sestri. Lunedì l'annuncio della chiusura dei due cantieri, del forte 'taglio' a quello di Riva Trigoso (Genova) e di 2.551 esuberi complessivi: un piano industriale, quello 2010-2014, "lacrime e sangue" per far fronte alla crisi del settore navalmeccanico. I sindacati, però, sono subito scesi sul piede di guerra definendo la prospettiva "inaccettabile", chiedendo l'intervento del Governo e annunciando un pacchetto di 8 ore di sciopero da utilizzare entro il 6 giugno, data del prossimo confronto tra le parti. A Genova la situazione è trascesa: otto feriti tra i manifestanti, e un contuso tra le forze dell'ordine. Immediato l'intervento del governo. Il ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani ha convocato, per venerdì 3 giugno, i vertici di Fincantieri e i sindacati nazionali per fare il punto sul piano di riorganizzazione industriale.


Castellammare, gli operai devastano il Comune: guarda il servizio su LiberoTv


FIOM: "DI ROMANI NON CI FIDIAMO" - "Vogliamo incontrare il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, e non ministri finti. Finchè non riceveremo una data certa restermo qui", ha prontamente replicato Bruno Manganaro, della Fiom ligure, al termine di un primo incontro con il prefetto di genova, Francesco Musolino, e con i rappresentanti locali delle istituzioni. "Ci hanno dato tutti ragione - ha aggiunto Manganaro - dal prefetto al presidente della Regione, Claudio Burlando, al Sindaco di genova, Marta Vincenzi. Poi ci hanno fatto parlare con il ministro Romani, che ci ha detto che dovevamo fidarci e che non avrebbe chiuso niente. Noi invece - ha continuato - non ci spossiamo fidare. Vogliamo la data certa di un incontro ai massimi livelli".

IMPEGNI DELL'AZIENDA - Per quel che riguarda i progetti di Fincantieri, l'azienda ha assicurato che non si tratta di "un piano prendere o lasciare", ma ai dipendenti a rischio non basta. Potrebbero infatti rimanere senza lavoro 1.400 persone. Un dramma sociale in linea con quello produttivo: a livello mondiale la domanda armatoriale, dal 2007 al 2010, ha subito un crollo del 55%. In Europa, dal 1980, la quota di mercato complessiva è crollata dal 30% al 4% e in 2 anni (2008-2010) si sono persi 50 mila posti di lavoro (circa il 30% della forza lavoro).

OTTO FERITI - La situazione più tesa a Genova, dove un gruppo di operai ha trascinato davanti all'ingresso della Prefettura dei cassonetti dell'immondizia, con i quali i lavoratori hanno cercato di sfondare il cordone di polizia, sul quale sono stati lanciati lacrimogeni, petardi, pietre, bottiglie ed altri oggetti. Tre operai sono rimasti feriti dalle manganellate delle forze dell'ordine, uno in modo più grave: è stato ferito alla testa. Tra i contusi anche un agente. Successivamente gli scontri sono proseguiti, e il bilancio dei contusi è schizzato a otto persone.

IN CORTEO - A Genova circa 700 dipendenti del gruppo erano partiti dal cantiere di Sestri diretti verso la Prefettura del capoluogo ligure con l'obiettivo di chiedere un incontro al governo. "Fincantieri - dice il segretario generale della Uilm di Genova, Antonio Apa - deve fare un passo indietro perché è inaccettabile un'operazione, come quella che ci è stata presentata ieri dall'azienda, che prevede un drastico ridimensionamento di una eccellenza industriale nel mondo quale è la cantieristica italiana". Apa denuncia la mancanza di "prospettiva di rilancio del gruppo" nel progetto di Fincantieri. "Non chiuderete il cantiere" è lo striscione che apre il corteo dei circa 500 lavoratori.

COMUNE E STRADE OCCUPATI - Oggi, martedì, oltre a Genova la protesta si abbatte anche a Castellamare di Stabia e Sestri Ponente. Un centinaio di lavoratori dello stabilimento campano e dell'indotto ha trascorso la notte nel Municipio della città, occupato fin dalla tarda serata di lunedì. Nella mattinata di martedì, un gruppo di operai ha bloccato in entrambe le direzioni la strada statale Sorrentina tra Castellammare e Vico Equense. La circolazione dei veicoli è stata interrotta all'altezza di Pozzano prima che le forze dell'ordine rimuovessero il blocco. I manifestanti lunedì sera hanno provocato danni alle strutture del Municipio, fracassando vetri, rompendo mobili ed anche i banchi della sala del consiglio comunale. Il sindaco Luigi Bobbio, del vicesindaco Giuseppe Cannavale, del comandante dei vigili urbani, dei capigruppo dei partiti e di alcuni consiglieri comunali sono rimasti a lungo asserragliati nei rispettivi uffici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pete

    09 Marzo 2012 - 03:03

    Io come saldatore navale attualmente in Nord America rappresentando una societa' Americana che si chiama la Marinette Marine Gruppo Fincantieri che voglio specificare che i padron dell'azienda e' la nostra Fincantieri Italiana puo' dire solo questo.Mentre ce' una lotta per i posti di lavoro e che ci potrebbe stare benissimo la possibilta' di svolgere commesse in Italia qui arrivano fior di Milliardi di euro e vengono uttilizzati per debiti fatti della stessa societa' Americana.Qui in America gli stessi operai Americani che non sono della Classe A Italiana a livello di costruzione navali ridono ogni giorno su quello che sta accadendo in Italia che a me come Italiano venuto qui per cercare di vedere la mia famiglia in modo decente dovuto dal fatto che in Italia abbiamo questa crisi non gli sta bene quello che fanno sti Americani viziati con soldi stanziati dall'Italia e in piu' cosa fanno?Prendono per i fondelli noi Italiani ma dico io siamo matti?In Italia meritiamo molto di piu'.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    28 Agosto 2011 - 16:04

    Se andiamo a vedere....in prima fila ci sono indiani,pakistani,arabi in genere.Dove sono gli Italiani?

    Report

    Rispondi

  • limick

    28 Agosto 2011 - 09:09

    Un posto di lavoro anche se da 1000 euro ha senso mantenerlo se serve a qualcosa, gia' agli operai va grassa che hanno la cassa integrazione, poi cosa vogliono che lavorano gli altri al posto loro?? Un precario.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    23 Luglio 2011 - 09:09

    Genova chiude.Marghera doveva restare in piedi 100 anni con le commesse che aveva e tra non molto farà la stessa fine.Rimane da spiegare la ragione di queste chiusure:Troppe tasse sulle imprese e costi di produzione troppo alti.Sindacalizzazione estrema dell'operaio e scioperi continui come corollario hanno fatto scappare i potenziali clienti verso la Corea/Cina/Vietnam.Un'altra chicca?Le Officine Reggiani sono in Cina.Sono stati assunti in un solo colpo 50.000 persone..costo orario?45 cents.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog