Cerca

Caso Scazzi, torna zio Michè ma viene subito ricoverato

Poco dopo essere rientrato a casa Misseri è stato portato in ospedale: era depresso e aggressivo. Adesso è di nuovo nella villetta

Caso Scazzi, torna zio Michè ma viene subito ricoverato
Michele Misseri, poche ore dopo essere tornato in libertà nella sua abitazione, la stessa dove sarebbe avvenuto l’omicidio di Sarah Scazzi, è stato ricoverato all’ospedale di Taranto. All'inizio si era supposto che il contadino fosse stato sottoposto a TSO, trattatamento sanitario obbligatorio, per disposizione dello stesso sindaco di Avetrana. Il primo cittadino aveva però smentito: "Non è stato un trattamento sanitario  obbligatorio - ha spiegato -  ma ho aderito alla richiesta di alcune persone preoccupate per  lo stato di salute di Michele, che appariva un pò depresso". L'agricoltore avrebbe dato segno di squilibrio appena arrivato in casa, così poco dopo la mezzanotte i carabinieri avrebbero richiesto l'intervento dei sanitari. A quanto si è appreso Michele , accompagnato in casa dalla figlia Valentina, avrebbe cominciato a dare in escandenscenza già pochi minuti dopo essere tornato nella sua villetta di via Deledda. Il controllo è stato disposto per verificare lo stato psicologico dell'uomo, tornato a casa dopo oltre sette mesi di carcere, e per evitare che mettesse in atto azioni autolesionistiche. Non è stato trovato nulla di anomalo, così Michele ha potuto rientrare a casa. Adesso sembra che stia bene.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Lupetto99

    01 Giugno 2011 - 19:07

    L' omicidio è avvenuto in casa con tutta la famigliola riunita (meno Valentina), sono tutti colpevoli. Se il caro Zio Michele fosse stato un uomo non avrebbe fatto la metà delle cose di cui si è reso colpevole. Chi di voi spoglierebbe il corpo della nipote di 15 anni e lo getterebbe come spazzatura in fondo ad un pozzo? Nessuna pietà per questa gente.

    Report

    Rispondi

  • Angizia

    01 Giugno 2011 - 18:06

    deve essere brutto per il sig.Misseri essere a casa.La sua famiglia che lo vuole come capro espiatorio di un delitto che secondo le ricostruzioni non ha commesso. Deve essere stata dura per lui, persona debole,ascoltare tutte le panzane della figlia sulla scomparsa della povera cuginetta. Forse è stato l'ecceso di menzogna spudorata,che lo ha convinto a denunciare l'orribile fatto. So che è impossibile uscire indenni da una storia così truce,e mi spiace che abbiano rilaciato il sig.Misseri, di nuovo in balia ad una famiglia inquietante che certamente non ha mai apprezzato la sua mitezza.

    Report

    Rispondi

  • emanresu1970

    01 Giugno 2011 - 18:06

    l'italia è piena di errori giudiziari: cercate, ad esempio, L'assurda storia dei coniugi Covezzi

    Report

    Rispondi

  • emanresu1970

    01 Giugno 2011 - 18:06

    due donne in carcere si sono sempre dichiarate innocenti (sabrina e cosima) ed il Michele, che è in libertà, si dichiara colpevole e lo mette per iscritto in varie lettere alla figlia: e se fosse lui l'unico colpevole che in un accesso di follia ha ceduto a tentazioni represse? sarebbe solo un altro errore giudiziario...uno dei tanti. www.errorigiudiziari.com

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog