Cerca

Pisapia ostaggio estremisti: "Niente Israele a Milano"

Su internet petizioni contro l'esposizione in piazza Duomo per la settimana del turismo. A rischio la sicurezza

Pisapia ostaggio estremisti: "Niente Israele a Milano"
Messa da parte la campagna elettorale, a  Milano continua a respirarsi aria di tensione. A finire nel mirino delle minacce degli estremisti, questa volta, è l' Esposizione celebrativa "Unexpected Israel", prevista in piazza Duomo in occasione della settimana del turismo. Secondo quanto riporta il giornale israeliano Yediot Ahronot, ci sarebbero state minacce lanciate dai siti antagonisti ad Israele che costringerebbero addirittura la questura a cambiare collocazione della manifestazione. Una possibilità, questa, che getterebbe in serio imbarazzo il neo Sindaco di Milano che, ad una sola settimana dall'elezione, si ritroverebbe già sotto il ricatto degli estremisti. Lui, però, rimanda ogni ordine all'alto. "La decisione spetta a Roma" ha dichiarato Giuliano Pisapia.  "Credo che su questo il ministro degli Interni, le forze dell'ordine e il Questore siano i più adatti per ogni decisione sulla base della situazione. Quello che posso dire è che da parte mia -ha concluso- ho sempre creduto in due popoli e due Stati e questo continua ad essere il mio impegno per il futuro".

 
MOBILITAZIONE ANTI ISRAELE - La campagna filopalestinese è partita su internet con il lancio di petizioni contro l'occupazione israeliana di piazza del Duomo. L'evento sarebbe in bilico secondo il quotidiano Yediot Ahronot: la polizia italiana avrebbe manifestato dubbi sulla possibilità di garantire la sicurezza dell'evento in quel luogo, suggerendo di trasferirlo altrove. Magari al chiuso, in un posto in cui sia possibile garantire la sicurezza. La Settimana di Israele a Milano prevede la realizzazione di un padiglione di 900 mq, un concerto di Noa, una mostra a Palazzo Reale o a Palazzo Litta, un'installazione tra piazza Duomo e piazza Castello e una serie di appuntamenti con scrittori israeliani.

ALTA TENSIONE - Dopo l'assedio con fumogeni e bombe carta alla casa dell'ex vicesindaco Riccardo De Corato, domenica un gruppo di no global si è reso protagonista di una vera e propria irruzione nella chiesa di san Giuseppe Calasanzio, in via don Gnocchi. Armati di cori e striscioni, gli estremisti hanno interrotto la celebrazione della messa e messo in pericolo i fedeli. Il bersaglio del blitz pare fosse il parroco della chiesa, padre Alberto, reo di aver organizzato dei corsi di educazione sessuale, secondo il  dettato del Vangelo.
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wicio

    08 Giugno 2011 - 22:10

    e si! cari Milanesi, questo è solo l'inizio, avete consegnaro la vostra città nelle mani di Pisapippa abdullah mhoamed e chi più ne ha più ne metta!! è facile prevedere il degrado 'totale' a cui è destinata Milano, già adesso come città faceva letteralmente vomitare! con il voto a favore delle scimmie urlanti di sinistra e dei loro 'fratelli' Islamici vi siete cacciati in un guaio da cui ne uscirete solo dopo che Milano sarà ridotta come una delle tante merdose città Arabo-mussulmane, altro che parlare male del sud e di Roma! tra un annetto nella vostra città non ci vorranno venire nemmeno i profughi appena sbarcati! è proprio vero che esiste una giustizia divina! dopo decenni di 'snobbismo' culturale e di supponenza sociale accompagnati da 'repulsione' verso i 'veri' Italiani arrivati da sud per insegnarvi a vivere adesso siete lo zerbino dei comunistelli drogati e degli Imam vostri 'Paesani' spero di vivere abbastanza a lungo per poter vedere il Duomo convertito in moschea!

    Report

    Rispondi

  • raucher

    07 Giugno 2011 - 18:06

    vivano un dissidio: per motivi storici sono allineati a sinistra, tranne rari casi , ma da anni si ritrovano a collaborare con una sinistra pro-islamici e decisamente anti-Israele. Come la chiesa cattolica. Aspiranti suicidi?

    Report

    Rispondi

  • silvio40

    07 Giugno 2011 - 18:06

    Milanesi siete contenti ora ? Ma non vi preoccupate e' solo l'inizio della trasformazione della vostra citta' in un bordello voluto dall'amico dei terroristi ed esaltato dall'uomo con l'orecchino a cui voi,imbecilli e irresponsabili, avete spalancato le porte.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    07 Giugno 2011 - 13:01

    A quando i corsi intensivi di marxismo?Lo avete votato?TENETEVELO.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog