Cerca

Delitto Olgiata, rito immediato per il filippino

Rischia l'ergastolo l'ex domestico accusato dell'omicidio della contessa Filo della Torre. Il processo ad ottobre.

Delitto Olgiata, rito immediato per il filippino
Sarà un processo con rito immediato quello che inizierà il prossimo 25 ottobre a carico di Manuel Reyes, il filippino accusato dell'omicidio della contessa Alberica Filo della Torre. Il dibattimento si terrà davanti alla I Corte d’assise. Per il capo d'imputazione Winston rischia l'ergastolo.

L'accusa - 
Omicidio volontario e rapina, sono questi i reati imputati dal pm Maria Francesca Loy all'ex domestico di casa Mattei per il delitto del 10 luglio del 1991. Omicidio confessato tra l'altro due giorni dopo l'arresto avvenuto il 29 marzo scorso. Per il giudice, inoltre, l'uomo avrebbe rubato almeno tre gioielli, per un valore di circa 80 milioni di vecchie lire.

L'inchiesta -  Ad inchiodare Reyes sono state soprattutto due tracce di sangue trovate sul lenzuolo che al momento della scoperta del delitto avvolgeva il corpo di Alberica Filo della Torre. Si tratta di una traccia di sangue di 2 centimetri appartenente in maniera inconfutabile a Reyes e di una seconda macchia di sangue misto tra quello della contessa e del filippino scoperta qualche tempo dopo l'arresto di Reyes. C'è poi un'altra traccia di dna di Reyes sull'orologio che la contessa Filo della Torre aveva al polso quando fu aggredita.

L'omicidio - Winston ha spiegato che la mattina dell'omicidio, per farsi coraggio e rientrare nella villa dalla quale era stato licenziato poco meno di un mese prima, aveva bevuto un bicchiere di whisky a stomaco vuoto. Aveva bisogno di soldi, di farsi riassumere. Andò dalla contessa e lei non lo ascoltò. Lui perse la testa. Spinse la donna, afferrò uno zoccolo, la colpì.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog