Cerca

Stragi del '93: i pm chiedono l'ergastolo per Tagliavia

Firenze, requisitoria al processo per attentati di Roma, Milano e Firenze. Spatuzza, per il magistrato ha "intrinseca credibilità"

Stragi del '93: i pm chiedono  l'ergastolo per Tagliavia

Ergastolo con tre anni di isolamento diurno. È questa la richiesta avanzata dal pubblico ministero Giuseppe Nicolosi alla Corte d’assise nei confronti del boss mafioso Francesco Tagliavia, per gli attentati del '93, quello di via dei Georgofili a Firenze, di via Palestro a Milano e di San Giovanni in Laterano e San Giorgio al Velabro a Roma.

In aula - Si è inaugurata oggi, giovedì, a Firenze la requisitoria dei pm del processo per le stragi del '93 di Roma, Milano e Firenze. Il pm Alessandro Crini ha definito quella del pentito Gaspare Spatuzza una "intrinseca credibilità processuale". Il pm ha ritratto la figura di Gaspare Spatuzza, che con le sue dichiarazioni ha permesso di avviare il processo contro Tagliavia, ricordando che venne chiamato dopo "il fallimento dell’attentato" di via Fauro e "gli venne richiesto di esercitare il ruolo che poi Spatuzza ha svolto" a Firenze. "Viene convocato - ha ricordato Nicolosi - e gli viene detto, presenti Graviano, Tagliavia, Denaro, che si deve spostare su Firenze".

Attendibilità di Spatuzza - Parlando poi dell’attendibilità di Spatuzza, il pm Crini ha sottolineato che il collaboratore di giustizia "espone sempre cose che nella propria posizione criminale è in grado di dire. Non ci mette dentro altre cose. Ma si mantiene sempre nell’area di fatti legati al calibro che gli compete". Nicolosi ha sottolineato che la stagione delle stragi, per cui sono stati condannati con sentenza definitiva capi e gregari, tra cui Salvatore Riina, Bernardo Provenzano, Leoluca Bagarella, i fratelli Giuseppe e Filippo Graviano e Matteo Messina Denaro, è stata "unica", con il solo precedente della guerra, per la devastazione del patrimonio artistico.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • beylerbey

    17 Giugno 2011 - 15:03

    vedrà che qualcosina, prima o poi, salterà fuori anche per il Premier e, di riffa o di raffa, ci finirà dentro anche lui. D'altronde, come lei ben sa, è "colpevole" a priori, per il solo fatto di esistere. E qui non si tratta di voler difendere per forza, ma di onestà intellettuale, ergo, sei colpevole se riconosciuto come tale, concetto molto difficile da far comprendere agli amici di "maniche di camicia arrotolate" e del suo alter ego "orecchino pulsante"!Cordialmente.

    Report

    Rispondi

  • beylerbey

    17 Giugno 2011 - 15:03

    vedrà che qualcosina, prima o poi, salterà fuori anche per il Premier e, di riffa o di raffa, ci finirà dentro anche lui. D'altronde, come lei ben sa, è "colpevole" a priori, per il solo fatto di esistere. E qui non si tratta di voler difendere per forza, ma di onestà intellettuale, ergo, sei colpevole se riconosciuto come tale, concetto molto difficile da far comprendere agli amici di "maniche di camicia arrotolate" e del suo alter ego "orecchino pulsante"!Cordialmente.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    17 Giugno 2011 - 14:02

    e vi solleverò il mondo.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    16 Giugno 2011 - 18:06

    Sono passati solo 18 anni, che velocità!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog