Cerca

Caso Orlandi, un testimone: "E' viva, in manicomio a Londra"

Telefonata di un presunto ex agente del Sismi a una tv romana: "Il rapimento di Emanuela nel 1983 legato all'attività del padre e a Roberto Calvi"

Caso Orlandi, un testimone: "E' viva, in manicomio a Londra"
"Io so dov'è Emanuela. E' viva e si trova in un manicomio in Inghilterra, nel centro di Londra ed è sempre stata sedata. Con lei ci sono due medici e quattro infermiere". La rivelazione è arrivata con una telefonata durante la trasmissione Metropolis, su RomaUno, andata in onda in diretta giovedì sera e dedicata all'anniversario della scomparsa di Emanuela Orlandi, il 7 maggio 1983, e alla presentazione del libro di Pietro Orlandi e Fabrizio Peronaci Mia sorella Emanuela. L'uomo, che si è presentato come un ex agente dei servizi segreti del Sismi con il nome "in gergo" di Lupo Solitario, ha raccontato che Emanuela sarebbe stata prelevata da una Bmw nera, auto che sarebbe stata lasciata nel sotterraneo del parcheggio dove poi è stata ritrovata; sarebbe stata trasferita su una Mini verde e sedata e a bordo ci sarebbero stati anche un agente inglese e una donna. "Emanuela è passata per la Germania, la Francia e l'Inghilterra - ha detto l'uomo - a Bolzano invece non è mai passata". L'uomo rompe il silenzio soltanto dopo ventotto anni dalla scomparsa della ragazza perché "stuzzicato" e "tirato in ballo con delle falsità" e "a questo punto paga di deve pagare", ha detto. Alla richiesta di spiegazioni sul movente del sequestro da parte di Pietro Orlandi, "Lupo solitario" risponde: "Devi scovare in fondo a cosa faceva tuo papà, mi dispiace Pietro, scoprirai cose che non ti piaceranno", e poi spiega che Ercole Orlandi era venuto a conoscenza di giri consistenti di denaro da "pulire", legati all'Istituto Antonveneta. Secondo il presunto testimone il rapimento di Emanuela Orlandi sarebbe legato a Roberto Calvi. L'emittente RomaUno metterà a disposizione della magistratura tutto il materiale. La trasmissione Metropolis andrà in onda in replica oggi alle 15 su Roma Uno, visibile su canale 11 del digitale terrestre, su satellite sulla freq. 860, in streaming sul sito www.romauno.tv e su Iphone e Ipad.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aifide

    19 Giugno 2011 - 12:12

    La magistratura italiana non si attiva perchè andrebbe a scoperchiare il vaso di Pandora degli intrighi vaticani! Ior, Marcinkus, l'assassinio di Giovanni Paolo I, e via via fino al governo "ombra" di sua Eminenza (!) il cardinale: i "poteri forti" non lo consentirebbero. In Vaticano ci sono le "chiavi" per capire perchè l'Italia, ma non solo, è "ridotta" in queste condizioni e per comprendere i fatti eclatanti accaduti nel mondo almeno negli ultimi dieci anni.

    Report

    Rispondi

  • jerico

    17 Giugno 2011 - 19:07

    Se quello che dice il presunto ex agente SISMI è vero, allora tutto è probabile che coincida.Si spiegherebbe così l'omicidio di Roberto Calvi a Londra(che combinazione,dove si troverebbe Emanuela Orlandi!), come pure l'omicidio di Sindona,tutto coincide. E' probabile che lo IOR sia stato la ''lavatrice'' dei capitali mafiosi ,quando era diretto da Paul Marcinkus,il quale fù allontanto dalla Banca Vaticana da Karol Wojtyla, all'indomani della sua elezione al Soglio Pontificio.Se questa storia è vera, perchè la Magistratura italiana non si attiva perchè Emanuela Orlandi rientri in Italia, avrebbe molte cose da raccontare.

    Report

    Rispondi

blog