Cerca

"Mills fu corrotto". Condannato

a 4 anni e 6 mesi di carcere

"Mills fu corrotto". Condannato
Il Tribunale di Milano ha condannato l'avvocato inglese David Mills a 4 anni e sei mesi per corruzione in atti giudiziari. I giudici hanno ritenuto valido l’impianto dell’accusa secondo cui Mills fu corrotto "con almeno 600mila dollari" da Silvio Berlusconi per testimoniare il falso in due processi a suo carico per i casi Guardia di Finanza e All Iberian. Il legale è stato inoltre interdetto per 5 anni dall'esercizio dei pubblici uffici e dovrà risarcire 250 mila euro alla presidenza del consiglio, costituita parte civile. Insieme a Mills era imputato anche Berlusconi, ma la posizione processuale del premier era stata stralciata in attesa del verdetto della Corte Costituzionale sulla legittimità costituzionale del Lodo Alfano. "Impugneremo la sentenza", ha subito affermato Federico Cecconi, legale di David Mills, che ha voluto commentare la condanna al suo assistito: "La sentenza è contraria alla logica. Senza l'ombra dell'altro coimputato (Berlusconi ndr.) questo processo sarebbe stato esaminato in modo più sereno".

Grande delusione è stata espressa anche dallo stesso Mills, che nelle scorse settimane aveva presentato alla corte un memoriale nel quale affermava che Berlusconi era stato vittima dei suoi errori e chiedeva scusa al premier. Secondo la ricostruzione fatta dai consulenti della difesa, invece, i 600mila dollari versati a Mills erano parte di quanto ricevuto dall'imprenditore Diego Attanasio perché ne fosse il gestore. Il legale inglese si è professato nuovamente "innocente, ma questo è un caso dalla forte valenza politica. I giudici non hanno ancora dato la loro motivazione per la decisione, così non posso dire come abbiano gestito l'ammissione dello stesso pubblico ministero di non avere prove. Spero che verdetto e sentenza siano cancellati in appello, e mi dicono che avrò ottimi motivi per sperarlo. Ho la massima fiducia nel mio eccellente avvocato, Federico Cecconi. La sentenza non diventa effettiva fino a quando non si saranno conclusi i due gradi di appello. Mi è stato consigliato di non fare altri commenti pubblici fino a quando il caso non sarà finalmente chiuso. Nel frattempo, andrò avanti con la mia vita professionale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LuigiFassone

    20 Febbraio 2009 - 01:01

    Rimando il mio commento di ieri 18 febbraio - Ci vogliono alcune "circostanze" per far muovere il sedere ai Magistrati. Una,Di Pietro che corre il rischio di essere accusato di vilipendio al Presidente della Repubblica , da lui "larvatamente" accostato al silenzio mafioso,quindci giorni quindici, e viene scagionato. Poi (ricordiamo quante migliaia di procedimenti giudiziari sono andati in prescrizione per decorrenza dei termini) ci sono accadimenti che caricano l'orologio a cucù che alberga nei tribunali della Repubblica . Il Centrodestra vince in Abruzzo ? Si carica l'orologio a cucù. Il Centrodestra,contro tutte le previsioni,stravince in Sardegna ? Si apre lo sportelletto e,CUCU', esce l'uccellino ,ossia la sentenza per il "corrotto" dal Berlusca. A' l'è noeuva !.....

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    17 Febbraio 2009 - 20:08

    Lo so che mi beccherò un altro vaff da kompagnuzzi e cialtroni forumisti, ma la verità non mi sembra che sia quella Di Pietro, Travaglio - Santoro e Sinistrati in merito la condanna di Mills. Chi come io ha visto molto tempo fa a Matrix condotta dal Compagno Mitraglia, poteva capire, come e perché coni tanti testimoni e carte che oggi al Palazzaccio il Tribunale Giustizialista ha dato altro segnale di come la Giustizia sia morta dal 1992! Credo solo chi ha ancora le rancide fette di mortadella davanti agli occhi: non vede non sente e capirà mai che in Paesi Democratici è negato al PM procuratore che è avvocato giudicare chi ha già chiesto condanne. Io stesso in questo Tribunale o avuto problemi e cosa strana che dopo 15 ancora aspetto una sentenza per la rettifica della mia pensione. Visto che per lavoro conoscevo miglia di Agenti e avvocati già nel 1980 alla sola Busto Arsizio VA v erano giacenza per oltre 10 mila pratiche, lavoro per anni. La Polizia e Carabinieri amici d infanzia e di Scuola ed Università iniziale: avevano uno stipendio da fame senza straordinari, notturni e con stellette dire signorsì: allora tutto questo è colpa di Berlusconi? D Alema e la Segreteria PD compresa Napolitano dov erano? Fini avrà ragione dei tanti Decreti criminologi, ma è possibile Governare senza se per fare le Leggi Napolitano ha raggiunto 84esimo anno con 64 di Politica? Allora, si vuole Governare? Subito modifica della Costituzione per l elezione diretta del capo dello Stato e Premierato alla francese o alla Tedesca ma serve subito non dopo altri 64 anni! vincenzoaliasilcontadino@gmail.com Matera

    Report

    Rispondi

  • anna96

    17 Febbraio 2009 - 20:08

    Se c'è un corrotto, è fuori di dubbio che ci sia un corruttore e che questo corruttore sia l'uomo che governa l'Italia, mi fa a dir poco inorridire. Mi vergogno di essere italiana, all'estero, quando va bene, mi prendono in giro, altrimenti mi insultano. Sono messa alla stessa stregua dei rom che rubano e stuprano. Eppure la maggioranza degli italiani continua ad inneggiare a Berlusconi e al PDL (vedi elezioni in Sardegna). Forse sono sbagliata io e tutti quegli stranieri che mi sbeffeggiano....... Mah...!

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    17 Febbraio 2009 - 18:06

    Il problema è che in un Paese normale uno come Berlusconi... non lo avrebbero neanche eletto. E' questa la consapevolezza veramente triste... che in fondo agli Italiani non importi poi così tanto se chi li governa sia onesto oppure no. In un altro Paese, il solo dubbioo avrebbe screditato un tale personaggio per sempre. Pensate che nei tanto odiati Stati Uniti, il Presidente (Nixon) si dimise a causa della corruzione non sua, ma di un suo collaboratore. Ma in Italia la disonestà è un'esperienza di tutti i giorni... dal vicino che evade le tasse, al parente statale che prende finta malattia....VERGOGNATEVI BERLUSCONIANI

    Report

    Rispondi

blog