Cerca

Stupro al parco della Caffarella

Fermato un romeno

Stupro al parco della Caffarella
Il primo l'hanno preso. Il secondo, di cui è già stato stilato l'identikit, avrebbe ormai le ore contate. Un cittadino romeno è stato fermato in serata nel quartiere di Primavalle dagli agenti del locale commissariato: il ragazzo potrebbe essere uno dei responsabili dello stupro ai danni di una 14enne avvenuto sabato scorso a Roma, nel parco della Caffarella. Il romeno, secondo quanto riferisce un testimone oculare, è stato prima condotto negli uffici del commissariato e poi trasferito in Questura negli uffici della Squadra Mobile. I due fidanzatini aggrediti sabato scorso nel parco romano della Caffarella si trovano ora negli uffici della squadra mobile di Roma e potrebbero essere sottoposti ad un confronto all'americana col romeno fermato a Primavalle.
Intanto si continua a stringere il cerchio anche intorno all'altro presunto responsabile della violenza di Caffarella: si tratta di un rumeno 20enne, pregiudicato, alto, biondo e robusto. L'uomo, noto alle forze dell'ordine, il 24 gennaio scorso era stato fermato e fotosegnalato dalla polizia ed è sospettato di far parte del branco che a fine gennaio in via Andersen violentò un'italiana di 40 anni.
E controlli straordinari sono in corso al Parco della Caffarella per mano dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma: a partire da oggi stesso, ogni giorno, dalle 15 alle 20, cinque pattuglie del Reggimento Carabinieri a cavallo saranno impiegate nella valle ed avranno il compito di vigilare sul fitto reticolo di sentieri pedonali, piste ciclabili e percorsi sterrati che si addentrano in tutto il parco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • idomeneo41alice.it

    18 Febbraio 2009 - 01:01

    Auguriamoci che sia uo dei colpevoli,in modo che poi lo si metta in cella con qualche ragazzotto di buona lena,e poi,mandiamole i Radicali a controllare se le hanno dato qualche scapelloto.In galera devono marcire.

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    18 Febbraio 2009 - 01:01

    I francesi lo chiamavano "passage au tabac". Una volta in questura les gendarmes ti pestavano a dovere.Vallo a fare oggi e Pannella sicuramente ricomincerà con i suoi soliti scioperi della fame e della sete. Ma dopo le ultime vicende di Eluana Englaro da lui perorate , chissà se lo lasceranno andare, disidratato anch'esso? Se po' fa'!Yes we can!!

    Report

    Rispondi

  • puntiglioso

    17 Febbraio 2009 - 20:08

    Gli devono spaccare la faccia! Dovrebbero ripristinare le torture medioevali! Dovrebbe subire una viiolenza sessuale così capirebbe fino in fondo quello che quella povera ragazza ha subito!Schifosi delinquenti!

    Report

    Rispondi

blog