Cerca

Caserta, scoppia rissa durante partita di calcetto: 1 vittima

Un 24enne è morto accoltellato, un altro è ferito gravemente. Preso l'omicida 19enne. La lite sarebbe scoppiata per futili motivi

Caserta, scoppia rissa durante partita di calcetto: 1 vittima
Doveva essere una partita di calcetto come tante e invece si è trasformata in una tragedia. Mercoledì pomeriggio a Sant'Arpino, in provincia di Caserta, Il match si è subito trasformato in una rissa e c'è scappato il morto: un 24enne originario di Aversa, Elpidio Ianniciello, è stato infatti accoltellato, mentre un altro ragazzo, Giulio Iorio, di 23 anni, è stato ferito all’emitorace destro. Nella notte, ha subito un intervento chirurgico all’ospedale di Caserta e versa in gravi condizioni.

Una partita al sangue - Giovedì mattina, gli agenti del commissariato di Polizia di Aversa hanno identificato il presunto omicida di Iannicello. La lite avvenuta nel campo di calcetto del centro sportivo "Ludi Atellani" sarebbe stata provocata da una disputa sul comportamento tenuto in campo dalla vittima, durante una partita per un torneo organizzato dal centro sportivo, e contestata dal presunto omicida, un diciannovenne di Grumo Nevano, con precedenti per reati contro il patrimonio e destinatario di un provvedimento della questura partenopea di divieto ad assistere a manifestazioni sportive.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    24 Giugno 2011 - 11:11

    Auguriamoci che la sua sia una cosa onesta. Ma da uno che difende anche le porcherie napoletane quando ci sono delitti, non mi aspetto molto.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    24 Giugno 2011 - 10:10

    MI auguro che la tua sia una cosa onesta.. Intanto qualche dubbio me lo tengo, visto che difendi i napoletani e te la prendi con chi ti mantiene da troppo tempo. Ma è normale. anche le zecche mordono la pelle dei loro ospiti

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    23 Giugno 2011 - 17:05

    La pensione la lascio a tè...Ho lavorato,lavoro tuttora e posso spendere. La sociale la lascio a voi del nord,e approfittatene prima che gli arabi,ormai l'etnia dominante in padania ve la scippino ! Ahahahahaaaaa.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    23 Giugno 2011 - 17:05

    che sei di Napoli e prima o poi succedera' anche a te. allora e' vero che siete un po' cerebrolesi se avete ancora da riprendervi dal giogo Piemontese.Mi risulta che se non ci fossero stati i Piemontesi, stareste ancora mangiando le saponette e lavarvi nei fossi. Cosa vuoi che ti abbiano portato via, se siete riusciti durante l'ultima guerra, fregare, smontando dei carri armati americani e una corazzata in porto. Da quanto malandrini siete, siete gli unici che riescono portarti via le mutande senza toglierti i pantaloni. C'era una canzoncina che diceva" Gigante, pensaci tu..." ora e' cambiata, in " Vesuvio, pensaci tu..." Vai a lavorare, non vivi di rendita, ma da mantenuto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog