Cerca

Fango Pisapia sulla Moratti: "C'è un buco di 186 milioni"

Sindaco denuncia Letizia di aver taroccato il bilancio. Replica ex Assessore: "Diffamazione strumentale". Arriva una tempesta fiscale?

Fango Pisapia sulla Moratti: "C'è un buco di 186 milioni"
Giuliano Pisapia mette le mani avanti e lancia una bella secchiata di fango su Letizia Moratti e la sua amministrazione. Il neo-sindaco, all'unisono con l'assessore al Bilancio, Bruno Tabacci, lancia l'allarme sui conti del Comune di Milano, denunciando un potenziale disavanzo per il 2011 pari a 186 milioni di euro in spesa corrente, e accusando l'ex sindaco Moratti di aver mentito quando l'ultimo giorno del suo mandato annunciò un attivo di 48 milioni di euro. Le casse del Comune meneghino hanno certo conosciuto periodo ben più floridi, ma denunciare una voragine di quasi 200 milioni di euro significa, in buona sostanza, accusare la precedente gestione di aver taroccato i bilanci.

"Serve una manovra complessiva" - "Siamo davanti a un disavanzo potenziale - ha spiegato Pisapia - pari a 186 milioni di euro. La nostra è un'analisi che si basa su documenti che erano già in possesso all'amministrazione comunale, quindi noti anche alla passata amministrazione. Quanto detto dall'ex sindaco Moratti - ha aggiunto - non corrisponde dunque al vero". L'analisi dei conti è stata l'argomento principale della prima riunione operativa della Giunta, e Tabacci ha sottolineato la necessità di mettere in campo una manovra complessiva per riuscire a riequilibrare un bilancio che "al momento copre le spese correnti con norme straordinarie. Servono scelte di indirizzo - ha affermato l'assessore -, nel brevissimo periodo. Altrimenti non c'è copertura per le spese non obbligatorie". Entro i primi dieci giorni di luglio, l'assessore Tabacci, ex Dc, ha promesso "un abbozzo di documento complessivo, ma per il momento la nostra priorità è informare i cittadini della verità, attraverso la stampa ma anche con altri mezzi".

La verità di Beretta - Ecco, appunto. Qual è la verità? Pispaia e i suoi già da tempo adombrano il sospetto di un buco nel bilancio del Comune di Milano. La verità, però, secondo l'ex assessore al Bilancio, Giacomo Beretta, è che questo fantomatico buco non ci sia proprio. In un'intervista che verrà integralmente pubblicata su Libero in edicola domani, sabato 25 giugno, spiega che "Pispaia utilizza delle voci strumentali per far risaltare il buco in bilancio". Già tempo fa, Beretta aveva sottolineato come sia fondamentale portare a termine quelle misure messe precedentemente a bilancio e raccomandate anche dai revisori dei conti, quali la privatizzazione della Serravalla alla quale Tabacci è sempre stato contrario.

Valanga di tasse? - La nuova giunta, insomma, si è insediata e vuole ribaltare il lavoro fatto da quella precedente. Se per la tenuta economica di Palazzo Marino era stato prospettato un ventaglio di misure, queste possono anche andarsi a far benedire. Quel che conta è mettere in cattiva luce la Moratti. O prepararsi il campo per poter varare una serie di misure con cui tappare la falla, quali l'aumento dell'Irpef o l'inserimento di diversi balzelli fiscali. Il mite ministro Giulio Tremonti, ai tempi dell'infuocata campagna elettorale per il comune di Milano, aveva lanciato il monito: "Con Pisapia gli abitanti del capoluogo lombardo si dovranno attendere una pioggia di tasse".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vrmoski

    04 Luglio 2011 - 07:07

    Si finche in questo paese il grado di democrazia rimarrà quello attuale ( e questo è inutile sottolinerlo dipende solo dal cittadino e non dalle istituzioni che lo rappresentano che anche qui è inutile dirlo ma queste istituzioni sono lo specchio di chi le elegge) in questo paese diventa difficile comprendere anche le cose semplici e scontate, altrimenti tanti settori che vivono da parassiti in questo paese non troverebbero terreno fertile come invece è. parassitismo è anche contestare un sitema e contemporaneamente utilizzarlo per scopi non certamenti volti a far crescere appunto il livello di conoscenza e di conseguenza di democrazia.

    Report

    Rispondi

  • Edea161090

    25 Giugno 2011 - 14:02

    ovviamente adesso questo la prima cosa che fa appena viene nominato sindaco cos'è?? lamentarsi e dare la colpa agli altri, ovvio, son capaci tutti. stessa cosa de magistris, prima dice "città ripulita in 5 giorni" poi vede che è impossibile e prima dà la colpa alla lega nord, e ora se la prende con la mafia. questi 2 sindaci di sinistra hanno cominciato il loro lavoro lamentandosi e dando la colpa agli altri... MAH!

    Report

    Rispondi

  • kingapache

    25 Giugno 2011 - 09:09

    tutte le volte che cambiano le amministrazioni come nel comune di milano dal dopo le ultime elezioni amministrative,si ascoltano o si leggono sempre le solite cose : buchi nei bilanci di amministrazioni precedenti. per ovviare a tutto ciò perchè non si affida la revisione contabile e certificazione di bilancio a società come DELOITTE & TOUCHE oppure ERNST &YOUNG, KPMG o altri ancora e esporre per i cittadini i documnti? in questo modo i cittadini non si sentiranno presi per i fondelli dalla precedente o nuova amministrazione e capiranno chi cerca di fare il furbo.........

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    25 Giugno 2011 - 08:08

    Vero o no è quello che succede regolarmente quando i sinistroidi succedono alle poltrone, un avviso per il popolo sul quale pioveranno nient'altro che TASSE!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog