Cerca

Fano: in tre stuprano 15enne, ma negano tutto

Sabato sera, approfittando della confusione, tre 17enni isolano e violentano una ragazzina. Ai Carabinieri: "Era consenziente"

Fano: in tre stuprano 15enne, ma negano tutto
Dalla notte bianca alla notte degli orrori. A Lido di Fano (provincia di Pesaro Urbino), sabato scorso una ragazzina di 15 anni è stata stuprata da un branco, mentre la cittadina era in festa per la 'Notte bianca'. Ma i tre 17enni fermati dai Carabinieri negano che ci sia stata violenza, sostenendo che ci sia stato consenso da parte della vittima.    

La vicenda - Secondo una prima ricostruzione dei militari, a commettero lo stupro sarebbero stati ragazzi, che la vittima ha conosciuto mentre si trovava insieme ad altre amiche. Mentre parlavano con la ragazza, a poco distanza dagli altri, i tre l'hanno presa per un braccio e costretta a seguirli in zona appartata, dove a turno l'hanno poi violentata. Le amiche della 15enne non si sono rese conto di quanto accaduto, ma, non vedendola hanno iniziato a cercarla e l'hanno poi trovata in stato di choc. La giovane è stata accompagnata in ospedale dove è stata accertata la violenza.

Le indagini - Domenica, i carabinieri hanno rintracciato ieri i tre ragazzi in due campeggi a Fano e Torrette, dove si trovavano con le famiglie. Ascoltati dai militari, in presenza dei loro avvocati, i tre hanno sostenuto che c'è stato consenso da parte della vittima. Ma gli accertamenti medici hanno invece riscontrato lesioni e tracce di violenza sessuale sul corpo della giovane. I carabinieri consegneranno lunedì in Procura gli esiti delle indagini, mentre si svolgeranno quasi sicuramente nei prossimi giorni gli interrogatori dei tre ragazzi davanti al magistrato.



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • patrizia1992

    27 Giugno 2011 - 15:03

    Tanto si sa come andrà a finire. Lei si porterà dentro per un bel pezzo (se non per tutta la vita) quello che ha subìto, loro la faranno franca perchè sono minorenni. Lo è anche lei, ma la colpa è solo di lei, doveva stare a casa, non si doveva fidare, chissà com'era vestita etc. etc. Loro non pagheranno mai, e magari racconteranno agli amici quanto è stato divertente, tanto era lei che ci stava. Se non cambiano le leggi, simili individui (e non mi interessa se sono minorenni, perchè sapevano bene cosa stavano facendo, eccome) la faranno sempre franca, e le donne giovani e meno giovani continueranno a subire violenze di ogni tipo. Le cronache sono piene di questi fatti, sarebbe davvero il momento di fare qualcosa perchè queste cose non avvengano più.

    Report

    Rispondi

  • bardion

    27 Giugno 2011 - 12:12

    invece di chiedere umilmente perdono, quelle bestie schifose hanno osato pure dire che era consenziente. sono vergognosi. io li lascerei qualche ora in una stanza chiusa con i famigliari della povera ragazza. voglio vedere se sono ancora così spavaldi. spero che il giudice non abbia nessuna pietà nei loro confronti solo perchè sono minorenni. lo sapevano benissimo quello che stavano facendo! hanno rovinato la vita ad una ragazzina.

    Report

    Rispondi

blog