Cerca

Gli stupratori della Caffarella

l'hanno fatto per dispetto

Gli stupratori della Caffarella
L'ho fatto per dispetto. E perché lei era carina. Giustifica così il suo gesto uno degli stupratori della Caffarella, reo confesso di aver violentato, la sera di San Valentino, una ragazza di 14 anni all'interno del parco romano. Alexandru Isztoika Loyos, che in Romania faceva il pastore, martedì sera erastato portato in questura insieme a sette connazionali per accertamenti. Durante l'interrogatorio i sospetti nei suoi confronti si sono trasformati in pesanti indizi, fino alla confessione, con conseguente provvedimento di fermo. "Non so perché, non so come è successo, volevamo solo rapinarli, poi improvvisamente tutto è cambiato", ha detto il 20enne ammettendo poi che la ragazza è stata stuprata prima da lui e poi dal complice, dopo la rapina: "Perché l’ho fatto? Per dispetto", ha detto ancora Loyos che, secondo il capo della Mobile Vittorio Rizz "non si rendeva conto dell’accaduto". Durante l'interrogatorio, infatti, il giovane non solo non ha versato una lacrima, ma è sempre apparso impassibile e privo di rimorso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    19 Febbraio 2009 - 18:06

    Ho vissuto per qualche tempo in un paese islamico fondamentalista,e là cari miei,non si scherza tanto con i reati.Là vige la sharja e se uno compie un delitto,legalmente lo si da in mano ai parenti che ne fanno ciò che vogliono,e gli ritorcono contro quello che ha fatto,con gli interessi.Proprio come fanno i nostri giudici,direte voi,celiando naturalmente.Personalmente, ho assistito al taglio della mano in pubblico ad un giovane ladruncolo,fatta scientificamente,con un bisturi da chirurgo,e pensavo a quanti zingari con i moncherini ci sarebbero da noi se vigesse la sharja.Chissà cosa farebbero i parenti dei due ragazzi aggrediti da quelle due bestie schifose se li avessero in mano?Io lo saprei cosa fargli,ma non posso dirlo per la censura.

    Report

    Rispondi

  • bimbomix

    19 Febbraio 2009 - 13:01

    concordo con gli interventi precedenti: si alza l'allerta perchè si temono reazioni di autogiustizia ( e ce ne saranno molte a breve) Aggiungo una richiesta. A quella specie di brutta copia di donna che ha lasciato in circolazione le bestie , leverei ogni altra possibilità di fare altri danni.

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    19 Febbraio 2009 - 12:12

    Giusto Frank, noi per un dispetto e mezzo(ad un brigante un brigante e mezzo)gli tagliamo le pudenda o per meglio dire i genitali esterni e li buttiamo al mastino napoletano. Poi se qualcuno ci dirà che così non si fa ma si deve perdonare, comprendere, commiserare, mandare a riabilitare presso un centro sociale di don Cretino e quant'altro, lo manderemo, con tutto il fiato che abbiamo in corpo, affangala. E così sia. ARIDATECE ER PUZZONE CH'E' MEJIO !!!

    Report

    Rispondi

  • frank8

    18 Febbraio 2009 - 22:10

    per dispetto, tagliare gli attributi..solo per dispetto animale .

    Report

    Rispondi

blog