Cerca

Omicidio-suicidio a Verona, il movente è passionale

Un uomo ha ucciso la moglie e poi si è tolto la vita. All’origine del tragico gesto, una causa di separazione in corso

Omicidio-suicidio a Verona, il movente è passionale
Omicidio-suicidio a Garda (Verona). Un uomo ha ucciso la moglie e poi si è tolto la vita. I carabinieri sono giunti subito sul posto e mentre in un primo momento si pensava ad un movente economico, all'origine del tragico gesto, ora gli inquirenti sono più propensi a una spiegazione passionale: i due infatti  si stavano separando.

Una prima ricostruzione dei fatti - 
Autore della tragedia è il commerciante Simone Galazzini di 43 anni che, probabilmente durante la notte, ha ucciso con due colpi di pistola la moglie Elena Martelli (27 anni) e poi ha rivolto l’arma verso se stesso uccidendosi con un terzo colpo. I coniugi gestivano il negozio di calzature Jek e Gio, al piano terra della palazzina dove abitavano.  Non ce l'avrebbe fatta a vederla partire e lasciare quella casa che abitavano da sei anni, dal giorno del loro matrimonio da cui non erano nati figli. Un addio che la donna voleva concretizzare, da quanto si è appreso, proprio martedì. Sembra essere esplosa per questo motivo la rabbia di Simone. A ritrovarli sono stati il padre di lui, Adelino Galazzini e la madre di lei. Quest'ultima aveva chiamato il consuocero preoccupata perchè il telefono della coppia suonava libero senza che qualcuno rispondesse.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog