Cerca

Spari a Desenzano del Garda: barista uccide un ragazzo

Il proprietario apre il fuoco sulla vittima che lavorava nel ristorante. Movente sarebbe economico. Ferita anche un'altra donna

Spari a Desenzano del Garda: barista uccide un ragazzo
El Kaalouli Imad, un cameriere marocchino di 19 anni, è stato ucciso a colpi di pistola a Desenzano del Garda, davanti al ristorante in cui lavorava, Il Gattopardo. I poliziotti del commissariato locale, secondo quanti si è appreso, hanno fermato il titolare del locale, Gioacchino Farruggi, di 45 anni, che secondo una prima ricostruzione avrebbe aperto il fuoco per motivi di denaro.

Quattro o cinque colpi - L'omicida ha colpito il ragazzo alla schiena, proprio fuori dal suo ristorante situato sul lungolago di Desenzano. Farruggi ha esploso quattro o cinque colpi di pistola. Nel corso della sparatoria, ha riferito la polizia, è rimasta ferita di striscio ad un fianco anche un'altra donna, italiana, di 40 anni, V. D. G. La donna era l'unica persona presente al momento della sparatoria. La questura di Brescia ha riferito che nonostante i tentativi di rianimazione, il ragazzo colpito è morto sul posto dopo pochi istanti. L'omicida è stato arrestato dagli agenti del commissariato di Desenzano, che hanno sequestrato l'arma con cui ha aperto il fuoco, una pistola semiautomatica.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • strangio

    03 Luglio 2011 - 12:12

    giusto apriamo le porte ai somali,palestinesi nigeriani,loro si che sanno come si fa la guerra civile,noi siamo solo dei piccoli mafiosi viviamo solo di scatti di ira,proprio vero la mamma degli stupidi partorisce non tutti i giorni come si diceva una volta, oggi lo fa a tutte le ore

    Report

    Rispondi

  • verofrancesco

    01 Luglio 2011 - 14:02

    A Desenzano del Garda, Lunedì viene sequestrato l'Albergo Touring per collusioni mafiose,sic! Mercoledì, dopo le ore 15 un ristoratore siciliano, conproprietario del ristorante "Gattopardo del Garda" che deteneva illegittimamente una pistola con la matricola abrasa (sic!) uccide con determinazione, scaricando l'intero detonatore, un povero, innocente e bravo ragazzo marocchino,già suo dipendente forse "colpevole" di chiedere la sua liquidazione,sic! Perchè il ristoratore avvesse a sua disposizione una pistola carica, non denunciata e con la matricola abrasa, ancora non si sà, certo che, la cronaca nera, trionfa e fà tremare i cittadini onesti di questa Desenzano da dimenticare, sic!

    Report

    Rispondi

  • resistere

    29 Giugno 2011 - 09:09

    Bisognerebbe aumentare la sicurezza contro i troppi italiani armati, violenti, senza scrupoli e senza cervello. Aprire le frontiere a popoli piu' civili e piu' pacifici

    Report

    Rispondi

blog