Cerca

La Minetti bombardata dall'ex "Bugiarda che gioca sporco"

Simone Gianicola intervistato da 'Vanity' colpisce duro la consigliera: "Mi diceva di essere dai suoi, era in piscina con il Cav"

La Minetti bombardata dall'ex "Bugiarda che gioca sporco"
"Bugiarda e spregiudicata". Nicole Minetti, accusata di induzione e favoreggiamento alla prostituzione nel processo Ruby, viene scaricata  così dal suo ex fidanzato, Simone Giancola. Intervistato da Vanity Fair, il ragazzo (ex anche di un'altra vip in cattive acque, Sara Tommasi) prende le distanze dalla consigliera regionale Pdl della Lombardia: "Una cosa è essere spregiudicati - sottolinea Giancola -, ben altra è giocare sporco, dice Simone Giancola. Non parlo di legalità: quelle sono cose che stabilirà il processo. Esistono anche i paletti morali delle persone perbene. Io sono stato educato a quei valori, e li ho applicati anche nella mia storia con Nicole. Sono sempre stato al suo fianco, anche quando il livello dei dubbi mi arrivava alla gola".

Veleni e rancori - L'ex fidanzato, imprenditore, ha raccontato di aver conosciuto l'ex showgirl di Colorado Cafè su Facebook e di aver iniziato una relazione sostanzialmente virtuale, a distanza di web. "Abbiamo cominciato a chattare e ci siamo visti la prima volta a febbraio 2010 - ha ricordato Giancola a Vanity -, Nicole era insieme a me quando è stata chiamata a soccorrere Ruby in Questura". La delusione dell'ex prende il sopravvanto sull'amore che fu: "Mi telefonò per dirmi che era dovuta andare a Rimini dai genitori. Ebbene, nelle intercettazioni del Rubygate ho letto che quella chiamata me l'aveva fatta dalla piscina di una villa di Berlusconi". La Minetti "è una donna che riesce a mentire anche nei sentimenti, e forse non c'è cosa più brutta per un essere umano, no?"


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • beylerbey

    30 Giugno 2011 - 10:10

    Si sa, in amore ed in guerra tutto è lecito. E la politica è ormai divenuta 1 guerra, senza esclusione di colpi. Anche fare le scarpe agli esponenti del proprio partito per issarsi su 1 sedia + importante è giocare sporco ma nessuno, all'epoca, disse nulla, anzi, si festeggiò il nuovo venuto con 1 punta d'orgoglio, esaltando l'acume del "politico di razza". Sappiamo poi bene tutti com'è andata a finire, ma tant'è. Dipende sempre qual'è la "parte" che gioca sporco: se da 1 lato si tratta di "spregevoli individui", dall'altro ci troviamo di fronte a "illuminati politici", se non addirittura a "statisti lungimiranti" e via di questo passo. E' sempre la solita storia, il tifo non si limita più agli spalti degli stadi ma prospera anche e soprattutto nel mondo politico. Cordialmente.

    Report

    Rispondi

  • chiavari

    29 Giugno 2011 - 21:09

    Su dai cari commentatori scandalizzati, se vi fosse possibile fareste di peggio, commentate in modo agre perchè vi anima la rabbia di non poterlo fare e cioè avere soldi, donne belle e in fondo in fondo fare giochi che rivestono solo la privacy di chi li compie, nulla di più, ma in questa Italia bigotta, a corto di idee di come far fuori il premier ci si attacca anche al gossip. Mi sa che siete a corto di qualcosaltro oltre che di idee.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    29 Giugno 2011 - 19:07

    E' proprio quello che apprezza il nano.

    Report

    Rispondi

  • eaman

    29 Giugno 2011 - 18:06

    Mentre in america si discuteva di matrimonio gay ad arcore si era gia' avanti con i dettagli: la Minetti che limonava con la ancora minorenne Ruby per far eccitare il padron di casa. E il bello e che questa manco si dimette!

    Report

    Rispondi

blog