Cerca

La Lega mette l'orso in tavola Insurrezione Pdl: "Barbari"

In Trentino il Carroccio offre un banchetto a base d'orso. Esplode l'indignazione dei ministri animalisti: "Bossi ora intervenga"

La Lega mette l'orso in tavola Insurrezione Pdl: "Barbari"
Lo stufato d’orso rimane sulla stomaco alla Lega Nord. è stata indigesta la provocazione del Carroccio trentino: un banchetto a base di carne di orso. Un’iniziativa pensata dal deputato Maurizio Fugatti  per  protestare contro il reinserimento dell’orso sloveno nella provincia di Trento.  L’iniziativa che ha attirato sui leghisti le proteste non solo delle associazioni animaliste - Enpa, Lav e Wwf - ma soprattutto ben tre ministri alleati. In testa Franco Frattini: «L’orso è un animale in estinzione, che stiamo faticosamente riportando sulle montagne italiane che ha abitato per secoli», ha scritto il titolare della Farnesina sul suo blog, prima di emanare una nota congiunta con il ministro del Turismo, Michela VIttoria Brambilla, con cui si chiede «a nome di tutti gli esponenti del Pdl, che il segretario del partito (Umberto Bossi, ndr), nostro alleato, intervenga per fermare questa scandalosa iniziativa».

«Ciò che lascia di stucco è la superficialità orgogliosa con cui è stato annunciato un evento barbarico», ha commentato infine il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo. «Non mi aspettavo tutta questa reazione, il nostro obiettivo non è promuovere il consumo di carne d’orso», dice a Libero lo stesso Fugatti, segretario della Lega Nord Trentino, «in Italia tra l’altro la caccia all’orso è vietata. La carne è stata acquistata legalmente in Slovenia. Volevamo solo porre l’attenzione sullo sciagurato progetto Life Ursus». Iniziato 15 anni fa con l’intento di reinserire una cinquantina di orsi nelle montagne della zona, sarebbe sfuggito di mano alle autorità locali.

«È la solita idea bizzarra delle amministrazioni di centrosinistra che amano sprecare denaro pubblico.  Per anni hanno preso in giro le popolazioni locali con la favola “dell’orso Yoghi” buono e simpatico», accusa l’onorevole del Carroccio, «ma questi animali enormi si avvicinano alle abitazioni, azzannano le pecore. Sul monte Bondone, vicino Trento, una persona che stava correndo si è trovata davanti un orso ed è stata rincorsa». Le minacce non sempre vengono riportate dalla provincia di Trento che, secondo il Carroccio, nasconde al ministero dell’Ambiente la reale entità del problema. «È una mafia bianca, chi ad esempio lavora per la Provincia non denuncerà mai un episodio del genere. Se c’è tanto clamore, abbiamo colto nel segno», conclude Fugatti. La motivazione sarà anche giusta, ma l’idea che sulle tavole di Imer possa finirci magari la carne del celebre orso Dino - ucciso “a tradimento” oltre il confine sloveno - chiude lo stomaco.

di Francesco Perugini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sardaccio

    04 Luglio 2011 - 13:01

    Ma perché perdete tempo a rispondere al "signor" blues188 (che fantasia, è il 188esimo!)? Quello che ha scritto -sicuramente utilizzando un traduttore online- non merita alcun commento, solo un sonoro e corale "vaffa".

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    04 Luglio 2011 - 12:12

    volevo rispondere alla sua filippica contro il sud ed i meridionali in genere,solo questo.Sapere che lei discende da antenati del sud e del centro mi stupisce non poco:nel ostro dna c'e' stata sempre molta tolleranza,a volte forse troppa.

    Report

    Rispondi

  • sardaccio

    04 Luglio 2011 - 12:12

    ... hanno paura degli orsi? Semmai sarebbe il povero plantigrado a morire di paura se si trovasse muso a muso con un borghezio, un calderoli o un loro succedaneo. Sempre peggio, sempre più cialtroni. E pensare che una volta questi sgangherati mi stavano quasi simpatici con le loro uscite da scemi del villaggio.

    Report

    Rispondi

  • giulietta50

    04 Luglio 2011 - 12:12

    Probabilmente a causa della scarsa capacità di discernimento derivante dai miei antenati del centro e del sud, mi sfugge il nesso fra il suo commento e l'argomento dell'articolo. A meno che naturalmente lei non voglia sostenere che le leggi non contano e non vanno rispettate.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog