Cerca

In Val di Susa la follia No-Tav: è guerra, feriti 200 poliziotti

Pansa lo aveva detto: "Sarà una giornata di battaglia". Sulla montagna si radunano e combattono violenti e black bloc

In Val di Susa la follia No-Tav: è guerra, feriti 200 poliziotti
Come aveva previsto Giampaolo Pansa, in Val di Susa è stata una giornata di battaglia: i pasdaran No-Tav insieme ad anarchici, centri sociali e black block provenienti da mezza Europa hanno messo a ferro e fuoco la montagna, uniti nel protestare contro la creazione del cosiddetto Corridoio 5, che unirà Torino e Lione. Secondo gli organizzatori, a protestare contro l'alta velocità, domenica, erano tra i 60 e i 70mila. Persone pacifiche, ma nella tarda mattinata sono entrati in azione i violenti, che hanno cercato di sfondare le recinzioni appena montate lungo il cantiere di Chiomonte.

I feriti - Da quel momento è stata un'escalatione delle violenze e degli scontri. I facinorosi hanno ripiegato solo intorno alle 17 del pomeriggio, quando il bilancio dei feriti era ormai impressionante: 188 soltanto tra le forze dell'ordine. Tra le file dei No-Tav i feriti sarebbero invece circa 200. Violenze inaudite, per le quali è arrivata la ferma condanna del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. I No-Tav, in sostanza, sono riusciti a entrare nell'area recintata del cantiere e a rioccuparla almeno in parte, ma soltanto per poco tempo.

"Organizzazione militare" - L'esercito che si batte contro l'ammodernamento del nostro Paese era ben organizzato, tanto che la polizia ha parlato di una dipsosizione e di modalità d'attacco di tipo militare. I manifestanti sono arrivati pronti allo scontro, con maschere antigas prevedendo il copioso uso di lacrimogeni da parte della polizia. Sui tre fronti sui quali combattevano - quello raggiunto dal corteo di Gaglione, quello di Ramats e il terzo di Exilles - hanno attuato una sorta di tattica miliatre con attacchi e ripiegamenti dietro le barricate che avevano creato. Il 'kit del perfetto violento', oltre alle bombe molotov, bulloni e pietre, prevedeva anche dei gavettoni d'ammoniaca "per bruciare la pelle degli sbirri" e pastigliette di Malox per resistere ai conati di nausea provocati dai lacrimogeni.

Grillo vomita un delirio - Tra i manifestanti c'era anche il giullare Beppe Grillo. Nel pomeriggio, un gruppo di manifestanti si è radunato attorno al comico genovese che è riuscito a vomitare alcune delle frasi più aberranti tra le molte improponibili che già ha pronunciato: "Siete degli eroi", ha detto il leader del Movimento 5 stelle rivolgendosi a chi stava combattendo una vera e propria guerra alle forze dell'ordine. Poi, tanto per non farsi mancare nulla, Grillo ha continuato sostendneo che "i black block sono in Parlamento". Lunedì, bersagliato dalle critiche, il comico si è cimentato in un'imporbabile retromarcia.

Gli arresti - In totale per gli scontri sono state arrestate cinque persone, tutte di trent'anni. Secondo quanto riferito dalla Questura, sono "anarco-insurrezionalisti, pluripregiudicati per reati specifici". Sempre secondo la Questura, erano presenti al corteo circa 2mila aderenti ai centri sociali, 800 dei quali appartengono all'antagonismo radicale e e resistente, "che rappresenta l'ala più dura di questo coagulo a livello europeo di professionisti della protesta, mentre circa 300 provengono dall'estero: Francia, Spagna, Austria e Germania.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kakahawaiana

    07 Luglio 2011 - 22:10

    peccato che ci sono 5000 persone che hanno visto il ragazzo picchiato e tante che hanno visto la guardia di finanza tirare sassi su gente NORMALE dal cavalcavia dell'autostrada, peccato che il lunedì 1000 persone sono stata intossicate dai lacrimogeni e c'erano anziani, professori gente della valle...2000 lacrimogeni vietati per 1000 persone indifese e senza maschere sono forse troppi valutando che alle manifestazioni studentesche di Roma ne erano stati lanciati 87....l'attacco c'è stato da entrambe le parti...ed è stato violento...i carabinieri ci hanno esasperato..io non ho tirato neanche un sasso e come me tanti altri eppure siamo stati intossicati dai gas...ci sono tantissimi video che dimostrano come le forze dell'ordine abbiano volutamente cercato lo scontro...ma accidenti sono 22 anni che lottiamo contro quest'opera...e non è giusto che voi senza conoscere i fatti diate giudizi...opinioni sì, ma parlate con cognizione di causa...sarebbe molto più intelligente

    Report

    Rispondi

  • Barbadifrate

    05 Luglio 2011 - 14:02

    Leggo su "LA STAMPA" di un giovane di 22 anni, F.D.B., da 8 anni militante del centro sociale di Bologna, che accusa la polizia di averlo picchiato. Dall'ospedale ha convocato una conferenza stampa per accusare la polizia di averlo picchiato quando era già sulla barella e dire una montagna di assurdità. Tra le quali c'è quella che è la polizia che li ha aggrediti. La mia opinione è che questi pacifisti, partono con le accuse già pronte in caso di arresto. Vogliono, oltre che prendere a sassate le forze dell'ordine, anche calunniarle, sapendo che c'è sempre qualcuno che crederà a questi mascalzoni delinquenti.

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    05 Luglio 2011 - 13:01

    vedo che mi hai capito al volo.Adesso vorrei gli stessi giudici.

    Report

    Rispondi

  • FeO

    04 Luglio 2011 - 18:06

    ...sono ancora in gabbia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog