Cerca

Mazzate su tasse e pensionati, ma la Casta non fa la dieta

In piena bufera economica non cambiano idea: i singori del Palazzo pronti a tutti pur di non rinunciare nemmeno a un loro euro

Mazzate su tasse e pensionati, ma la Casta non fa la dieta
Siamo nella bufera, la Borsa crolla e i Btp affondano. E neppure questo riesce a smuovere i signori del Palazzo. Ostinati e disposti a tutto pur di non rinunciare ad uno solo dei loro euro.

Breve riassunto. Anzi, brevissimo: la manovra economica sarà probabilmente rivista. Ci sarà un rafforzamento, nel senso di un anticipo di alcune misure correttive,  in particolare quelle riguardanti il fisco. E già oggi, al ritorno a Roma, Giulio Tremonti incontrerà una delegazione della maggioranza per fare il punto sulle modifiche da introdurre. Traduzione: restrizioni più ravvicinate nel tempo. Per noi. Per loro, nulla. Allo studio non c’è un singolo emendamento, una microscopica proposta che tiri in ballo Lorsignori. Al momento, nessun intervento sui vitalizi degli ex deputati, dei senatori e dei consiglieri regionali. Nessuna modifica che incida sulle indennità dei parlamentari, che diminuiranno, ma solo dalla prossima legislatura, solo quando l’apposita commissione di esperti, dopo approfonditi studi, avrà stabilito quello che già oggi tutti sanno: i nostri parlamentari guadagnano troppo, quasi il doppio dei colleghi europei. I rimborsi elettorali  subiranno solo una lieve limatura, e resteranno i più alti in Europa. Tanto per capirci: in Germania, secondo il Sole 24 Ore, un singolo voto vale, per i partiti, tra i 38 e gli 85 centesimi. Da noi, 3,5 euro, anche a beneficio di chi non siede in Parlamento. Così era e così rimarrà. La Casta non si piega.

Ricordate questa cifra: 23 miliardi di euro all’anno, quasi 2 miliardi al mese. E’ il costo della politica. Ventitré miliardi in un Paese che, per risparmiare, ogni due per tre mette mano alle pensioni, un Paese costretto a bloccare gli stipendi dei pubblici dipendenti, a tassare di fatto il risparmio, ad imporre superbolli e ticket sanitari. E su 23 miliardi gli Intoccabili riescono a tagliare solo inezie.

Conosciamo l’obiezione (i signori del Palazzo hanno sempre un’obiezione per mantenere intatto il loro portafoglio): la politica costa, se aboliamo i rimborsi ai partiti si ricomincia con la piaga dei sovvenzionamenti occulti (per meglio dire: la piaga si aggrava). Eccetera eccetera. Vero. E però ora basta. Se bisogna stringere la cinghia, a stringerla devono essere tutti, non solo i poveracci. E non solo per questione di etica, giustizia o uguaglianza o senso civico. I mercati vogliono più rigore, vogliono segnali precisi. E che segnale manda un Paese che taglia e non riesce a toccare i privilegi della Casta? Come possono gli investitori avere fiducia se i primi a non mettersi in regola, a non uniformarsi al sacrosanto rigore sono proprio quei politici che si riempiono la bocca di rigore? Un Paese incoerente non è un Paese affidabile.

Proposta ai signori della Casta: dimezzate subito le vostre indennità. Dimezzatele a partire dal prossimo mese, non dalla prossima legislatura. I mercati sorrideranno e noi tutti saremo contenti. Poi, forse, vi premieremo anche. Siamo sicuri che la proposta sarà rispedita al mittente. Diceva De Gasperi: «I politici guardano alle prossime elezioni, gli statisti alle prossime generazioni». Umilmente ci permettiamo di aggiungere: i politici, non gli statisti, guardano anche al proprio portafoglio. E si vede.

di Mattias Mainiero

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 7ernesto

    10 Agosto 2011 - 21:09

    Andando avanti di questo passo , fra poco ci sara' una seconda Londra.

    Report

    Rispondi

  • Agostino Tizzi

    09 Agosto 2011 - 11:11

    Sono del parere che ai parlamentari non si debbono decurtare nulla dai loro stipendi tranne togliere alcuni previlegi anche perchè sono tanti. Quello che invece si deve togliere senza alcuna esitazione è la pensione a tutti coloro che hanno svolto la loro attività parlamentare per una legislatura. Consentire la pensione a tutti coloro che hanno lavorato in parlamento per ben trentanove anni ed elargirla dopo sessantacinque anni di età, come un qualsiasi lavoratore.

    Report

    Rispondi

  • nonhoparole

    09 Agosto 2011 - 11:11

    Il centro destra strombazza vantando miracoli per la Nazione.Dopo le elezioni mostra un'altra faccia(ben mascherata).L'opposizione strombazza promettendo meraviglie in caso di successo elettorale.Dopo le elezioni mostra un'altra faccia.Si deduce che al di là del colore politico(che serve per individuare il carrozzone su cui viaggiano)ENTRAMBI hanno lo stesso comportamento e obbiettivo,come un vagone rosso e un vagone bianco trainati dalla stessa locomotiva.E' forse la sindrome della CASTA?Vale ancora la pena votare?

    Report

    Rispondi

  • paolino pierino

    12 Luglio 2011 - 20:08

    Prendiamo esempio dai paesi del quinto mondo Egitto Tunisia Libia Siria loro riescono a farsi ascoltare noi no. viste le resistenze ai tagli dei politici nuovi e vecchi dei senatori a vita dei presidenti della repubblica delle banane ancora viventi che io chiamo carogne diamo l'assalto ai palazzi romani e italiani sparsi nel nostro paese dalle Alpi alla Sicilia senza remore neppure per le regioni a statuto speciale se non cambiano metodo tagliando i loro emolumenti faraonici le loro sontuosissime agevolazioni durevoli fino a che morte non li prenda tagliando i tantissimi enti inutili le provincie dimezzando le regioni i comuni i quartieri e i tanti poltronari che sono ex politici trombati ecc.da subito, bruciamoli tutti vivi.Questa feccia di politici fa solo vomitare

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti