Cerca

P4, pool Milano apre indagine per rivelazione segreto ufficio

Fascicolo a carico di ignoti che riguarda la presunta soffiata del generale Adinolfi alla banca Mediolanum sull'ispezione fiscale

P4, pool Milano apre indagine per rivelazione segreto ufficio
Il procuratore aggiunto di Milano, Alfredo Robledo, ha avviato un fascicolo di indagine a carico di ignoti con l’ipotesi di reato di rivelazione di segreto d’ufficio in relazione ad una presunta 'soffiata' arrivata dal generale della guardia di finanza, Michele Adinolfi, a Mediolanum con riferimento a un’ispezione fiscale. A marzo era arrivata nella procura milanese un’informativa firmata dal comandante della polizia tributaria di Milano, Vincenzo Tomei, in cui si dava conto del ritrovamento di un bigliettino in cui si citava l'imminente ispezione. Nell’ambito dell’indagine napoletana sulla P4, uno degli indagati, l'ex consulente di Giulio Tremonti, Marco Milanese, aveva riferito agli inquirenti del ritrovamento di questo bigliettino. Stando a quanto si apprende da fonti investigative, il fascicolo di indagine sarebbe arrivato a Robledo già mercoledì.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fdrebin

    15 Luglio 2011 - 17:05

    soprattutto quando fai parte di un gruppo famoso per aver riempito di mazzette i finanzieri negli anni passati. Per quanto riguarda il mio cliente, parole sue: "ormai da un po' abbiamo almeno un'ispezione all'anno. Sa, partecipando ad appalti di un certo livello siamo come sorvegliati speciali". Non ha detto: "Maledetti Finanzieri Comunisti! E' un complotto!". Il fatto e' che in questo paese, di controlli, se ne fanno pochissimi. E quando si scopre qualcosa finisce sempre a tarallucci e vino. Raramente, patteggiando, lo stato ti costringe a versare piu' di un quinto del dovuto.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    15 Luglio 2011 - 16:04

    Ogni anno un'ispezione e non si lamentano.Ma dai fdrebin,mi vuoi prendere in giro?A proposito l'indagine nasce da un'email tra due funzionari di Mediolanum che s'interrogano sulla procedura da tenere in caso d'ispezione.Come vedi, basta niente per essere inquisiti in Italia,una frase fraintesa ( apposta) e sei fregato,ti chiami l'avvocato,tiri fuori tanti soldi e speri nella madonna.Questa è la Giustizia in Italia.

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    15 Luglio 2011 - 15:03

    E quindi? Io ho un cliente che si occupa di edilizia, partecipano ad appalti molto grossi e, da dieci anni a questa parte, ogni anno hanno la finanza in casa per controlli. Nessuno li avvisa e loro non si lamentano. Solo B. ha il diritto di gridare al complotto? Ma ci mancherebbe altro che con tutte le aziende e tutti i settori dove ha le mani in pasta non avesse mai controlli. Certo, se il controllo dovrebbe essere a sorpresa e qualcuno ti citofona qualche giorno prima... Cianno, lascia perdere. Alla teoria del complotto contro B. non ci credi piu' neppure te.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    15 Luglio 2011 - 11:11

    Che abbia preannunciato una ispezione è da dimostrare,che le aziende del Premier siano state perquisite,intercettate,ispezionate è un dato certo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog