Cerca

Milanese: "Date alla Procura cassette e tabulati telefonici"

Il deputato Pdl ed ex consigliere di Tremonti scrive alla Camera: "Autorizzate celermente le acquisizioni ai pm"

Milanese: "Date alla Procura cassette e tabulati telefonici"
Marco Milanese vuota il sacco, letteralmente. Il deputato Pdl ed ex consigliere politico del ministro dell'Economia Giulio Tremonti, per il quale la magistratura ha richiesto autorizzazione all'arresto, ha inviato oggi una nota alla Camera dei Deputati in cui chiede di "celermente autorizzare" le due ultime richieste pervenute dalla Procura di Napoli: quelle di acquisizione dei tabulati telefonici relativi alle sue utenze e l'apertura delle cassette di sicurezza sequestrate. Insomma, un libro aperto.

"Niente strumentalizzazioni" - A sollecitare il tutto era stato già il pubblico ministero Vincenzo Piscitelli, che ha ottenuto l'arresto di Milanese con l'accusa di associazione a delinquere, corruzione e rivelazione di atti. Milanese, attraverso i suoi legali Franco Coppi e Bruno La Rosa, ha informato il procuratore di Napoli Giovandomenico Lepore della sua richiesta alla Camera, dimostrando serenità: "Ho la certezza - si legge nella nota inviata alla Procura partenopea - che le indagini approfondite e senza pregiudizi consentiranno una lettura dei fatti secondo verità, non avendo nulla da temere dalle stesse. Auspicando che le investigazioni proseguano con grande celerità ed in ogni direzione, compresa quella diretta a smascherare le vere ragioni della calunnia e delle strumentalizzazioni".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cioccolataio

    19 Luglio 2011 - 17:05

    allora per favore ci spieghi come faceva lui, ex ufficiale della GdF e pezzo grosso del Ministero delle Finanze, a denunciare introiti per 115000 euro annui , a spendere moilto di più solo di affitti e, sempre con quei soldi, a viaggiare in Bentley, Ferrari e Porsche Carrera, nonché ad acquistare e, soprattutto, a gestire una yacht a motore da oltre un milione di euro. Dato che non sono molto lontano da quella cifra, vorrei farlo anch'io, mi piacerebbe conoscere il segreto. Inoltre qualcuno ci spieghi come mai il personale del Ministero delle Finanze possa permettersi dichiarazioni IRPEF così ridicole, senza che nessuno ci trovi nulla di strano. La prima cosa che vogliamo è che tuti i redditi e le dichiarazioni dei politic (e dei loro stretti familiari) vengano messi in rete, a disposizione di tutti, come si fa nei paesi civili. Molti abusi finirebbero immediatamente!.

    Report

    Rispondi

blog