Cerca

Bologna, nordafricano abusa di 21enne romena: arrestato

La giovane adescata in periferia. Il tunisino l'ha attirata in casa e ha abusato di lei. Manette: violenza e sequestro di persona

Bologna, nordafricano abusa di 21enne romena: arrestato
Un tunisino di 23 anni, incensurato e provvisto di un permesso provvisorio di soggiorno per motivi umanitari, è stato arrestato dai carabinieri di Bologna per violenza sessuale e sequestro di persona ai danni di una ragazza romena di 21 anni. Una donna guardia giurata, ieri pomeriggio, mentre si trovava in via del Tuscolano, nella periferia di Bologna, è stata avvicinata dalla straniera che sconvolta ed in stato confusionale chiedeva aiuto perché aveva subito violenza. La vigilante ha immediatamente chiamato i carabinieri che sono prontamente intervenuti ricostruendo la dinamica dei fatti. Secondo le verifiche dei militari, la giovane romena era arrivata in città proveniente dalla provincia e mentre si trovava a bordo di un autobus è stata avvicinata dal tunisino che dopo averla intrattenuta a parlare lungo il tragitto la convinceva a seguirlo a casa sua con la scusa di volerla fare incontrare con un comune amico. Una volta all'interno dell'appartamento l'avrebbe trattenuta contro la sua volontà ed avrebbe abusato di lei. La 21enne ha tentato di opporre resistenza e, cercando di liberarsi, ha più volte graffiato l'uomo sulle mani e sulle braccia. La ragazza è poi riuscita a scappare ed è corsa in strada a chiedere aiuto. I carabinieri, su indicazione della giovane, hanno rintracciato il nordafricano, che risulta nullafacente, mentre si trovava ancora nella sua abitazione intento a disinfettarsi i graffi. Il 23enne è stato così bloccato ed arrestato. Informata dagli investigatori dell'arma, l'autorità giudiziaria ha disposto la restrizione in carcere del tunisino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • annunziata

    04 Gennaio 2012 - 14:02

    la convinceva a seguirlo a casa? dunque era consenziente e la violenza l'ha inferta più che subirla ma il maschietta é in carcere e lei libera: c'é qualcosa che non va!

    Report

    Rispondi

  • lallo1045

    24 Luglio 2011 - 16:04

    Facciamo pagare i danni provocati dai PROTETTORI DEGLI IMMIGRATI e da quanti li vogliono in Italia. In Tunisia, per un reato del genere, il ragazzo ha chiuso con la libertà. E pure lo fanno lavorare per pagarsi le spese di vitto-alloggio in galera. Alla faccia dei BUONISTI italiani. Ma mi sorge un dubbio: prendono soldi questi BUONISTI per perder tempo a correre incontro agli immigrati e servir loro cellulari, schede telefoniche, pasti caldi, sigarette e i famosi 30,00€/giorno, naturalmente gratis per loro ma pagati con le tasse dagli italiani? Visto che per fare ciò non lavorano, questi signori, come fanno vivere e mantenere la famiglia? Non è che hanno la percentuale con minimo mensile dallo stato italiano e quindi anche loro ricevono la mercede come e più degli immigrati?

    Report

    Rispondi

  • lumaca

    23 Luglio 2011 - 19:07

    Faccio notare che tutte queste spese (polizia carabinieri carcere ecc) le paghiamo noi italiani, senza tuttavia ottenere nulla in cambio. A coloro che obiettano sostenendo che anche i nostri nonni emigravano all'estero...ricordo che prima di poter partire era necessario ottenere una lista infinita di documenti, tra cui anche il certificato di buona condotta e di "buona moralità", e che si partiva il più delle volte con un posto di lavoro già pronto o comunque, nella maggioranza dei casi, si andava per lavorare onestamente. Qui in Italia invece si lascia entrare chiunque, inclusi delinquenti e scansafatiche e poi, oltre alle disgrazie, ci carichiamo anche dei costi che la delinquenza stessa produce. Vorrei tanto capire a chi conviene questa situazione perchè sono limitata e da sola non ci arrivo.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    23 Luglio 2011 - 18:06

    erano, nella stragrande maggioranza, composte da uomini giovani. Ne consegue che abbiano le loro necessità sessuali che sfogano come capita. Perchè stupirsi?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog