Cerca

Erba, "Olindo e Rosa uccisero

per un desiderio di vendetta"

Erba, "Olindo e Rosa uccisero
È stato "un ossessivo e pervasivo desiderio di vendetta, covato negli anni", ad armare le mani di Olindo Romano e Rosa Bazzi, condannati all'ergastolo per la strage di Erba, avvenuta l'11 dicembre del 2006. Quella sera furono uccise quattro persone tra cui un bambino di due anni. A 90 giorni dalla sentenza i giudici della Corte d'Assise di Como hanno depositato le motivazioni per 'spiegare' quella strage: la "vendetta. Una vendetta", scrivono i giudici, "che è motivo fondante fondante del triplice e spaventoso omicidio premeditato di Raffaella Castagna, del piccolo Youssef e di Paola Galli. E inoltre l'omicidio di Valeria Cherubini e il tentano omicidio di Mario Frigerio, assolutamente non premeditati, si sono aggiunti a quella sequela di atrocita solo perchè, per una tragica coincidenza, la coppia di vicini del piano di sopra, si è trovata al momento sbagliato nel momento sbagliato".
Quello dei coniugi Romano è stato "un progetto atroce, vissuto come necessario e giusto per eliminare tutto ciò che agli occhi degli imputati poteva costituire una minaccia di quel loro equilibro affettivo blindato e autosufficiente". Per Olindo e Rosa i giudici parlano di un equilibrio "costruito su una relazione esclusiva a due che negli anni non ha mai accettato 'intrusioni' e che è divenuto l'unico punto di forza, l'unica ragione di vita per entrambi arrivando ad annullarli come singoli e costringendoli a riconoscersi solo in una dinamica di coppia. Per loro nessuna sincera resipiscenza per quello che hanno fatto", I due, inoltre, si legge ancora nella motivazione, "ono totalmente privi di stimoli affettivi rispetto a tutto ciò che li circonda» e sono «capaci di reazioni emotive solo quando sono messi di fronte alla prospettiva, per loro insopportabile, di dovere fare a meno l'uno dell'altro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ziogianni

    24 Febbraio 2009 - 16:04

    *** Saranno colpevoli forse come il Poro Pacciani? In fondo si è "morto" da innocente assolto per non aver commesso i fatti. Però gli indegni lenticchiari lo trattano pur da morto come il mostro di Firenze, Che gente! Pelosissima nella sporca lingua.*

    Report

    Rispondi

  • corux

    24 Febbraio 2009 - 15:03

    E pensare che c'erano, anche su questo giornale, numerosi INNOCENTISTI. ..ma per favore, basta con 'sti buonismi. Basta col considerare i magistrati dei poveri cretini che non sanno capire nè leggere le prove e gli indizi. Una regola d'oro: prima di schierarsi a favore o contro gli imputati, INFORMARSI A FONDO: c'è internet che ci dà una mano, usiamolo.

    Report

    Rispondi

blog