Cerca

Bacco Etichette del terrore sulle bottiglie Così ci mandano di traverso anche il vino

Un calice come un pacchetto di sigarette. Dopo l'Austria anche il Canada obbligherà alle etichette "Bere fa male alla slaute" / BARBIERI

Bacco Etichette del terrore sulle bottiglie Così ci mandano di traverso anche il vino
Le bottiglie di vino come i pacchetti di sigarette. Dopo l'Australia anche il Canada si prepara a introdurre l'obbligo di indicare in etichetta messaggi come: "Bere fa male alla salute". Rendendo un po' meno politically correct uno dei pilastri del buon vivere, il nettare di Bacco.  Di vino in Italia se ne beve sempre meno. Per fortuna nel resto del mondo avviene l'esatto contrario: negli Stati Uniti, ma soprattutto sui mercati dei Paesi emergenti, la domanda di bottiglie made in Italy è in forte crescita. Su tutti la Russia che ha fatto segnare un +90% nell'import di bollicine italiane, inducendo il governo locale a imporre un dazio pesantissimo, pari all'80%. Ma l'effetto-tappo delle tariffe doganali è nulla a confronto che quel che potrebbe accadere se dovesse diventare legge un provvedimento per ora soltanto allo studio: l’obbligo di inserire in etichetta avvertenze simili a quelle che già ci sono sui pacchetti di sigarette: "Bere fa male", oppure un più esplicito e preoccupante: "L'alcol può provocare il cancro".
A darne notizia per primo è stato il portale internet Winenews: in Australia  una organizzazione non profit, DrinkWise,  ha lanciato una campagna per anticipare una legge approvata da Camberra e destinata a entrare in vigore solo il prossimo anno. L'obiettivo è ridurre lo "sballo" collettivo cui si abbandona un numero crescente di giovani bevitori, moltissimi addirittura under 16.  Le etichette con l’allarme per ora sono top secret, ma si sa che le "avvertenze" saranno ben visibili e graficamente evidenti. In effetti nel Paese-continente dell’emisfero australe, l'abuso di alcol è molto diffuso, tanto che alcuni ritengono di far risalire l'abitudine addirittura alla fine del Settecento quando i galeotti inglesi, esiliati in Australia a scontare la pena, festeggiavano la fine di una lunghissima e altrettanto scomoda traversata con una sonora sbronza.
Ma non è solo Canberra a studiare le bottiglie di vino con l'allarme. Anche il Canada, che non scherza in fatto di "eccessi di prevenzione", ha in preparazione qualcosa di simile. Sono addirittura tre le Università del Paese nordamericano a studiare sugli effetti dell'alcool: a Ottawa, Toronto e Montreal è in corso uno studio epidemiologico per accertare le relazioni fra il consumo di alcool e il tumore al seno. Non ci avventuriamo nell'analisi dei fattori genetici su cui interverrebbero le bevande alcoliche, resta il fatto che i canadesi rischiano di essere gli apripista nell’emisfero Nord anche per le etichette di vino con l’avvertimento, dopo aver introdotto - seppure con risultati insoddisfacenti - i pacchetti di sigarette “bianchi”: nessun marchio, stesso carattere e stesso colore per tutti i brand.
Ma sul nettare di Bacco pende ben altra minaccia. L'Organizzazione mondiale della sanità ha inserito l’alcool tra le sostanze cancerogene di gruppo 1, quelle più pericolose, assieme all'amianto, trovando una valida sponda addirittura nel nostro Istituto superiore di sanità che ha definito l'accoppiata "alcol-cancro sottovalutata con proporzioni allarmanti". A nulla vale far notare che il consumo di vino in quantità moderate viene consigliato addirittura da nutrizionisti e dietologi per le proprietà benefiche sulla digestione e sull'apparato cardiocircolatorio. Il prodotto della vite rischia di essere la prossima vittima della ventata salutista e antiedonistica che percorre l'intero pianeta, da Nord a Sud. Poco importa sapere che i fenomeni di alcolismo diffuso, comuni a molti Paesi come Russia e Australia, si possano far risalire a un consumo smodato non di vino ma di super alcolici. A Mosca e dintorni, per esempio, fino a pochi anni or sono Chianti, Prosecco e Moscato erano quasi del tutto sconosciuti. Eppure gli alcolisti non mancavano.
A voler essere maligni ci sarebbe anche da dubitare che questa operazione di "dissuasione preventiva" non sia casuale. Il nettare di Bacco è uno dei simboli riconosciuti a livello mondiale del buon vivere ed è per definizione francese o italiano, anche se sui mercati italiani si stanno affermando da alcuni anni i nuovi produttori: Cile, Australia, Sudafrica, Stati Uniti (con la California). Se dovesse passare la nuova stretta a danno del vino non possiamo escludere che gli inventori del Chiantishire (così gli inglesi hanno ribattezzato gran parte della Toscana) siano costretti a trovare un nuovo nome per sostituire quello divenuto "politicamente scorretto".

di Attilio Barbieri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    01 Agosto 2011 - 12:12

    allora scrivano anche sulla cocacola , sulla birra, sull'whisky e liquori vari, su tutte le schifezze che mangiano. Non lo fanno per non infastidire i potenti Usa?

    Report

    Rispondi

  • erni70

    01 Agosto 2011 - 09:09

    è ovvio che esagerare nel bere sia dannoso alla salute,come dannosa alla salute è qualsiasi cosa facciamo o mangiamo in maniera esagerata.Quanto al fatto che un buon bicchiere di vino faccia bene,io non credo che faccia nè bene nè male,per cui chi lo beve volentieri è bene che non si faccia problemi,al più non si metta alla guida subito.Con questo ormai è meglio se la smettono di rompere con tutte queste avvertenze e tolgono il tichet sugli esami che si fanno per prevenire certe malattie ,visto che curarle costa di più,e visto che pure queste inutili campagne costano parecchio

    Report

    Rispondi

  • napoleon46

    31 Luglio 2011 - 14:02

    La comunita medico/scientifica raccomanda l'uso del vino rosso in moderazione in considerazione delle proprieta antiossidante che producono uno scudo naturale contro i tumori. Che base scientifica hanno gli Austriaci ed i Canadesi.....vogliono essere parziali nei confronti della birra di cui sono grandi produttori e consumatori??

    Report

    Rispondi

  • tempus1

    31 Luglio 2011 - 14:02

    visto che sul pacchetto di sigarette è scritto che "il fumo uccide", e che quanto prima qualcosa del genere sarà scritto pure sulle etichette delle bottiglie di vino e spumante (e non dimentichiamo che qualcuno, qualche anno fa, "sognava" di imporre ai ristoranti il peso delle porzioni... perché trgliceridi, zuccheri e colesterolo fanno male), auguriamoci almeno che sulle cartelle esattoriali venga stampigliato che "pagare le tasse è bello, anzi bellissimo..." come gridava la buonanima di Padoa Schioppa!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog