Cerca

Vuole dar fuoco alla madre: esplode la casa di riposo

Palermo, il pregiudicato 61enne ha provocato quattro vittimeed ora è agli arresti. Il movente è economico

Vuole dar fuoco alla madre: esplode la casa di riposo
Ha fatto irruzione nella casa di riposo per uccidere la madre, ma ha fatto saltare in aria l'intero edificio provocando quattro vittime. E' quanto avvenuto all'alba di giovedì a Caccamo, cittadina in provincia di Palermo. Artefice dell'impresa, Salvatore Muriella, un pregiudicato di 61 anni finito poi in manette e, ora, piantonato nel reparto Grandi Ustione dell’ospedale Civico di Palermo.

La deflagrazione - Secondo una prima ricostruzione, il pregiudicato ha fatto irruzione intorno alle 5.30 nella casa di riposo che ospitava la madre, Rosa Gallitano, di 87 anni, con una bottiglia di plastica contenente liquido infiammabile. L' uomo si è avvicinato al letto dove dormiva la mamma e dopo averla cosparsa di benzina le ha dato fuoco. L'incendio ha innescato anche l’esplosione che, secondo i vigili del fuoco, potrebbe essere stata causata da una bombola di ossigeno. Muriella, nonostante l’intervento di un infermiere che ha cercato inutilmente di bloccarlo, è riuscito quindi a fuggire.

L'arresto -  I carabinieri hanno bloccato l'uomo nella sua abitazione, con ustioni al volto e alle braccia. Due anziani ospiti della casa di riposo, lievemente feriti e in stato di choc, sono stati ricoverati in osservazione nell’ospedale di Termini Imerese; altre sei sono stati trasferiti. Il pregiudicato ha detto agli investigatori che il suo raid punitivo sarebbe stato originato da contrasti familiari con la madre per motivi economici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    08 Agosto 2011 - 10:10

    Se avesse abortito non avrebbe messo al mondo un mostro e creato lei il suo assassino.

    Report

    Rispondi

blog