Cerca

Migranti, choc a Lampedusa "Cento morti per sete e stenti"

Nuova tragedia a 90 miglia dall'Italia. Barcone soccorso, le sopravvissute: molti annegati o sfiniti dalla fame. Salvi in 300

Migranti, choc a Lampedusa "Cento morti per sete e stenti"
Decine, forse un centinaio di migranti morti annegati, per fame, sete e stenti: sarebbe questo il bilancio drammatico dell'ultimo viaggio della spearanza dall'Africa a Lampedusa. Il racconto è di tre donne presenti sul barcone in avaria a 90 miglia dall''isola italiana e soccorso dalle motovedette della Guardia costiera. I sopravvissuti, gravemente disitratati e alcuni in stato confusionale, sono stati trasferiti in elicottero nel Poliambulatorio di Lampedusa. Secondo il loro racconto, che deve ancora essere vagliato dalle forze dell'ordine, i cadaveri delle vittime sarebbero stati abbandonati in mare. A fatica, anche a causa dello choc, i migranti hanno raccontato di essere partiti venerdi sera dalla Libia e di essere rimasti alla deriva dopo la rottura del motore. Le forze dell'ordine attendono l'arrivo degli altri migranti presenti sul barcone, previsto in serata, per avere il quadro esatto della vicenda. Nelle operazioni di soccorso sono impegnate quattro motovedette della Guardia Costiera, che hanno già trasbordato circa 300 profughi, e un elicottero che sta facendo la spola con Lampedusa per trasferire le persone che hanno bisogno di cure immediate. Il comandante della Capitaneria di Porto di Lampedusa, Antonio Morana, ha detto che gli equipaggi delle motovedette non hanno avvistato cadaveri nella zona dove è stato "agganciata" l'imbarcazione.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • schnee

    05 Agosto 2011 - 12:12

    Sempre e solo donne e bambini,pensa come dovete far sentire in colpa gli italiani,ora in tutt'altre faccende affaccendati.A me non importa nulla di questi c.d. migranti,solo clandestini che grazie alla Chiesa ed al perbenismo di alcuni scriteriati,troppi,godono di privilegi una volta arrivati nel Bengodi d'Europa.Se alcuni barconi saltano,non sono problemi degli Italiani,ma dell'Europa,della Fao,della Nato.Questi ultimi se ne lavano le mani,pertanto ecco le lacrime di coccodrillo di chi piange la morte di innocenti,per poi pensare alle proprie ferie ed ai propri valori materiali. Io dico a priori che non mi importa nulla. Mi spiace, cari clandestini,ma vi siete fatti malvolere con le vostre prese di posizione violente ed armate da chi sappiamo noi...Saluti e statevene a casa vostra.Punto!

    Report

    Rispondi

  • corto lirazza

    05 Agosto 2011 - 11:11

    mandiamo subito un DC9 e lo carichiamo con 150 'migranti'. Che non andiamo sotto la media. Se no come facciamo ad arrivare al fallimento del paese?

    Report

    Rispondi

  • occhiazzurri

    05 Agosto 2011 - 10:10

    questi cossiddetti PROFUCHI si imbarcano dalla Libia ma sono affricani del sud...perchè dobbniamo prenderceli noi?????????? MARONI ne dovrai rendere conto a noi cittadini, tira fuori gli attributi che avevi...fatti sentire non siamo più disposti ad anda re con motovedette e elicotteri a ns. spese a prenderli....Perche la fregata BERSAGLIERE che era nei pressi della Libia non li ha respinti da GHEDDAFI ????????? CI VUOLE UN' ESEMPIO E ,LASCIA PERDERE IL VATICANO....... siamo noi che paghiamo tutto, BOSSI CHE NE DICI??? dove sei quando arrivano e ci occupano silenziosamente... MANGIANO SONO CURATI HANNO LE CASE I FIGLI (tanti)VANNO A SCUOLA GRATIS..........BASTA...BASTA.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    05 Agosto 2011 - 10:10

    non è detto che sia vero, finora non ci sono riscontri, può essere una bufala o un'esagerazione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog