Cerca

'Ndrangheta, preso boss Pesce E' capo cosca di Gioia Tauro

Arrestato anche un fiancheggiatore. Classe 1979, Pesce era latitante del maggio 2010. E' accusato di associazione mafiosa

'Ndrangheta, preso boss Pesce E' capo cosca di Gioia Tauro
Un nuovo colpo è stato inferto alla 'Ndrangheta: il boss Francesco Pesce, latitante da più di un anno, è stato arrestato martedì sera a Rosarno, nel Reggino. Pesce è stato rintracciato in un bunker trovato in una azienda agricola in campagna. A stringergli le manette ai polsi sono stati i carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria e il Ros di Reggio Calabria.

Il sorriso del boss - Ai Carabinieri che gli infilavano ole manette, il boss opponeva un ironico sorriso stampato sulle labbra. "Sono diventato un personaggio", ha detto detto agli agenti che lo accompagnavano in al carcere. L'arresto è stato effettuato dai militari del comando provinciale e del Ros di Reggio Calabria. Al momento della cattura Pesce era rimasto in silenzio.

Il complice - Insieme al latitane, capo dell'omonima Cosca, è stato arrestato anche Antonio Pronestì, 44enne di Rosarno, responsabile di favoreggiamento personale con l'aggravante mafiosa e titolare della ditta Demol sud sas, dove era stato realizzato il bunker. La ditta era attiva nel settore delle autodemolizioni. Il bunker era munito di autorizzazione prefettizia per l'attività di deposito giudiziario.


Il profilo diesce - Nonstante i soli 32 anni, Francesco Pesce figurava già nell'elenco dei latitanti pericolosi. "Cicciu Testuni", figlio del boss ergastolano Antonino Pesce, è considerato il reggente della cosca della piana di Gioia Tauro. L'uomo era ricercato dal maggio del 2010, quando scattò l'operazione della Dda di Reggio Calabria "All inside" contro la potente cosca di Rosarno. Pesce è accusato di associazione mafiosa e molti altri delitti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    10 Agosto 2011 - 22:10

    ...e pure tris; alla faccia degli...smemorati di Collegno che a loro insaputa(hanno detto),era stato eliminato detto articolo...non si sa da chi, in questa solita sibillina Italia misteriosa...e meno male che hanno sempre avversato la mafia!!

    Report

    Rispondi

  • blues188

    10 Agosto 2011 - 13:01

    In padella

    Report

    Rispondi

blog