Cerca

Arresi Lo spazzino Gigi alza bandiera bianca Napoli, i rifiuti sono più grandi di lui

L'immondizia spazza via le promesse elettorali: la giunta la trasferirà fuori dal Paese. Le prime navi a settembre

Arresi Lo spazzino Gigi alza bandiera bianca Napoli, i rifiuti sono più grandi di lui
Il sindaco di Napoli, Giovanni Lettieri, ha mantenuto l’impegno preso in campagna elettorale: pronta la delibera per il conferimento all’estero dei rifiuti. Scusate, c’è un errore.
Rewind. Il sindaco di Napoli non è Giovanni Lettieri, ma Luigi De Magistris, che lo ha sconfitto al ballottaggio. E che diceva, più o meno, questo sulla proposta dell’avversario: «Si tratta del solito meccanismo arraffa-soldi legato alla cricca della munnezza, sprechi sistemici che spazzeremo via come il vento». Infatti, appena conquistata la poltrona De Magistris ha messo in cantiere esattamente la stessa idea lanciata dal suo ex competitor del Pdl. «La differenza tra me e Lettieri è che lui alla fine del ciclo prevede il termovalorizzatore che invece io non farà mai», ha detto di recente a chi gli faceva notare il piccolo plagio in salsa napoletana. Ma il personaggio è così, nessuna sorpresa: ha pontificato contro le immunità parlamentari (altrui) considerandole scudi abusivi contro l’invadenza giudiziaria, salvo poi avvalersene un paio di volte quando toccava a lui. Il prof. Sartori lo chiamava «rovesciofrittatismo».

È di ieri la notizia che la giunta ha approvato lo schema di delibera che consentirà il trasporto della spazzatura all’estero, precisamente in un paese del Nord Europa. Olanda in primis. «La priorità di consentire la liberazione di Napoli dalla piaga dei rifiuti», si legge in una nota, «ci ha spinto a continuare l’attività dell’amministrazione anche in pieno agosto, tenendo presente i tempi stretti del progetto perché, come abbiamo annunciato e secondo gli impegni pubblicamente presi, già a settembre dovrà partire la prima nave di rifiuti verso il Nord Europa». Da notare la sottolineatura della «attività anche in pieno agosto»: sta cascando il modello occidentale, Napoli casca più degli altri perché c’ha pure la spazzatura in seno, non si capisce perché la “rivoluzione” dovrebbe fermarsi. Ma veniamo alla delibera.

Nel testo si parla della costituzione di un nuovo consorzio pubblico tra l’Asìa e la Sapna, società pubbliche rispettivamente di Comune e Provincia, per la gestione del ciclo dei rifiuti. Insomma, è il patto dei “Giggini”, tra  «’a manetta» (De Magistris) e  «’a purpetta» (Cesaro). Inutile dire che si abbonda di precisazioni, secondo cui il neonato consorzio esterno «sarà a costo zero e non potrà comportare aumento di spesa». Questo in linea di principio, dal momento che «tale consorzio potrà stipulare convenzioni e contratti per conto delle società consorziate, con imprese ed enti anche in ambito transfrontaliero, e compiere tutti gli atti giuridici (ivi comprese operazioni finanziarie e commerciali) finalizzati alla realizzazione dello scopo comune». Ma, come sempre, il diavolo si annida nei dettagli. «L’Asìa Napoli spa ha sottoscritto due intese preliminari, da trasformare in contratti: la prima con la società che svolge anche per diverse importanti municipalità olandesi il servizio di smaltimento dei rifiuti, per fronteggiare l’attuale fase di emergenza per una quantità massima di rifiuti di 48mila tonnellate a partire dal prossimo mese di settembre e fino al mese di marzo 2012; la seconda con il consorzio costituito dalle società pubbliche di diverse città olandesi per una quantità di rifiuti pari a 200mila tonnellate e per una durata di 24 mesi». Ventiquattro mesi? Ma la percentuale di raccolta differenziata non doveva arrivare al 70% entro fine anno (per la verità era settembre 2011, poi, si sa, una proroga non si nega a nessuno)? Se 200mila tonnellate sono previste in viaggio per due anni, cos’è che sarà trasportato se la promessa sulla differenziata sarà mantenuta? C’è una sola risposta: non potrà essere mantenuta. A Napoli, e non solo, lo sanno tutti, ma tutti fingono di crederci per non far infuriare il sindaco rivoluzionario che «in 5 giorni libererò Napoli e la provincia».
Un po’ come con l’altra grande promessa: «Rottura totale con il bassolinismo». Davvero? Per ora i due, Bassolino e De Magistris, sono separati solo dal mare e dal nome del paese straniero. Nel senso che, il primo i rifiuti li portava in Germania e con la ferrovia. Il secondo lo farà via mare. Anche se pure questo non è del tutto vero. In delibera, infatti, c’è scritto che il trasporto avverrà «prevalentemente per via marittima». Appunto, prevalentemente.

di Peppe Rinaldi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    13 Agosto 2011 - 15:03

    non si ritrovano il governo che meritano? o solo i napoletani hanno governanti zero?Zittite anime prave

    Report

    Rispondi

  • maurnarg

    13 Agosto 2011 - 10:10

    Non capisco le critiche, in fondo questa è la famosa arma segreta con cui Lettieri credeva di vincere l'elezioni: il trasferimento dei rifiuti presso una nazione estera segreta. In realtà mentre le Regioni del Nord, a gestione leghista, lavorano contro il Paese e se stessi, all'estero sono felici di incassare i rifiuti napoletani che sanno ben trasformare in euro sonanti. In un momento di crisi come questo, sarebbe ora di finirla con la politica del "tagliarsi i cogl..... per fare dispetto alla moglie" e tutti insieme sperare e aiutare chi in questo momento è Sindaco di Napoli a risolvere i problemi della città, che direttamente e indirettamente sono anche i nostri. A nulla serve "fare cagnara" sino alle prossime elezioni amministrative se non appunto a tagliarsi i propri cogl.....

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    13 Agosto 2011 - 08:08

    Gigi er bullo dovrebbe fare di se stesso quello che fa dei rifiuti.Andare all'estero , farsi incenerire e convertirsi in bioenergia.

    Report

    Rispondi

  • europol

    13 Agosto 2011 - 04:04

    Ma che questo signore era un bluff,un bidone lo si sapeva già;quindi peggio per i napoletani che l'hanno votato,come si dice,ogni paese ,nazione,città c'ha il governo che si merita.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog