Cerca

Se De Magistris batte Vendola: 'Compagni, ora la vostra forza'

L'appello su Twitter di Gigi lo spazzino fa un baffo alla retorica comunista di Nichi: chi a sinistra si eccita con la puzza di rivoluzione

Se De Magistris batte Vendola: 'Compagni, ora la vostra forza'
Il vento sarà pure cambiato, l’aria sarà anche diventata più pulita, ma a sinistra c’è ancora chi si eccita a sentir puzza di rivoluzione. Lo testimoniano le giustificazioni più o meno accalorate provenienti da più parti per le violenze in atto in Gran Bretagna. Liberazione, il manifesto, il Fatto avevano celebrato  le rivolte generazionali londinesi trascinando con loro anche  Nichi Vendola, che sul Corriere aveva apertamente giustificato i mantenuti arrabbiati dicendo che «si fa male a criminalizzarli», perché testimoniano «fisicamente il proprio disagio».  Non sono passate nemmeno 48 ore e un altro big della sinistra ha dovuto dir la sua, andando oltre le posizioni del presidente della Regione Puglia: Luigi De Magistris.

Non ha resistito il sindaco di Napoli  ed è voluto scendere metaforicamente in strada anche lui. Da ex pm manettaro ha messo da parte le sue convinzioni giustizialiste e, per far più bella figura in un campo ancora sconosciuto per lui, ha scavato nel patrimonio culturale del suo amico-collega Nichi. De Magistris ha scelto di citare Antonio Gramsci - che fa sempre figo - e per diffondere il suo pensiero gramsciano ha scelto Twitter. Che fa ancora più figo. «Compagne e compagni agitatevi perché abbiamo bisogno del vostro entusiasmo», ha scritto Giggino, «organizzatevi perché abbiamo bisogno della vostra forza». Un richiamo al suo popolo - quello tinto d’arancio che ne aveva salutato l’elezione a sindaco come l’avvento di un nuovo Rinascimento napoletano - a farsi sentire? Un invito alle masse popolari ad appoggiarlo nella sfida di settembre sulla «rivoluzione ambientale» (porta a porta per 300mila cittadini e addio agli inceneritore)? Ad appiccare gli incendi, però, si rischia sempre di rimanere bruciati. E se non riuscirà a risolvere l’emergenza rifiuti in tempi accettabili (altro che «cinque giorni», De Magistris rischia di trovarsi davvero una Napoli in fiamme.

di Antonio Cantoro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gicchio38

    14 Agosto 2011 - 10:10

    Il vento sarà pure cambiato, l’aria sarà anche diventata più pulita, ma a sinistra c’è ancora chi si eccita a sentir puzza di rivoluzione. Lo testimoniano le giustificazioni più o meno accalorate provenienti da più parti per le violenze in atto in Gran Bretagna. Liberazione, il manifesto, il Fatto avevano celebrato le rivolte generazionali londinesi trascinando con loro anche Nichi Vendola, che sul Corriere aveva apertamente giustificato i mantenuti arrabbiati dicendo che «si fa male a criminalizzarli», perché testimoniano «fisicamente il proprio disagio». Non sono passate nemmeno 48 ore e un altro big della sinistra ha dovuto dir la sua, andando oltre le posizioni del presidente della Regione Puglia: Luigi De Magistris. CHE PAGLIACCIATE...... MA VERAMENTE VOGLIAMO AL POTERE PAGGLIACCI DI QUESTO GENERE??? VERAMENTE..... MA ALLORA IL MIO TEMPO E' FINITO A VADANO TUTTI AFFANCULO ED INSIEME AD ESSI L'ITALIA TUTTA CHE GIA' E' SULL'ORLO DEL BARATRO. UNA PICCOLA SPINTA E GIU'. AUGURONI

    Report

    Rispondi

  • Napolionesta

    14 Agosto 2011 - 09:09

    o`Munnezzaro, ciarlatano, incompetente,bugiardo, presuntuoso, ecco chi e`il sindaco di Napoli, povera Napoli mia.

    Report

    Rispondi

  • mammagigi1

    14 Agosto 2011 - 03:03

    il primo non ne azzecca una e mi diverte, il secondo è presuntuoso, ma in due non fanno un cece.

    Report

    Rispondi

  • compagno sovietico

    14 Agosto 2011 - 01:01

    perchè non vi va bene giggino? farà bene in politica come ha fatto bene da magistrato. è vero ha avuto qualche defaiance come magistrato ma se lo confrontate con quello che per tre anni ha processato un signore che aveva rubato un a confezione di biscotti in un supermercato e che a fronte della decisione del giudice di assolverlo il pm ha proposto appello. questo pm deve essere premiato dal csm perla sua estrema abnegazione dimostrando nei fatti che tutte le cause in essere sono una stupidaggine e non sono importanti come questa.secondo voi non sarebbe giusto sottoporre periodicamente i magistrati ad un test psicotecnico così come fà una grande azienda per i suoi dipendenti?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog