Cerca

Roma, ucciso stalker 38enne. Gli inquirenti: "Una vendetta"

Aggerdito e ammazzato a coltellate vicino a un distributore di benzina. Gli investigatori non escludono che si tratti di rappresaglia

Roma, ucciso stalker 38enne. Gli inquirenti: "Una vendetta"
Estate di sangue a Roma. Un uomo di 38 anni è stato aggredito e ucciso a coltellate nella notte tra sabato e domenica. L'omicidio è avvenuto verso mezzanotte e mezza in via Tiburtina, nella zona San Basilio, a pochi passi da un distributore di benzina. L'uomo, subito soccorso, è però morto prima di arrivare all'ospedale Sandro Pertino.

Colpito durante la fuga - La vittima, si è scoperto, era uno stalker. Gli investigatori, dunque, non escludono che l'omicidio possa essere la vendetta di persone vicine a una vittima. Nella caserma di Montesacro i carabinieri hanno ascoltato diverse persone. L'uomo, 38 anni, da diversi anni perseguitava l'ex convivente. Secondo la prima ricostruzione, l'uomo anche nella notte tra venerdì e sabato l'avrebbe importunata per poi fuggire. E proprio durante la fuga sarebbe rimasto senza benzina e si sarebbe fermato al distributore, nei pressi del quale è stato ripetutamente accoltellato; è stato poi colpito con altri oggetti contundenti.

Il precedente - L'omicidio ha anche un precedente che risale a pochi giorni fa. A fine luglio, infatti, un altro stalker è morto a Roma. Si trattava di Bernardino Budroni, che nella notte tra il 29 e il 30 luglio, dopo un litigio all'alba con l'ex fidanzata, morì colpito da un proiettile durante un inseguimento con la polizia sul Grande raccordo anulare. Dopo essere stato rintracciato dagli agenti, intervenuti dopo la segnalazione al 113 della sua ex fidanzata, Burdoni tentò di scappare salendo in macchina e raggiungendo il raccordo anulare dove fu inseguito da una volante per una ventina di chilometri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Bobirons

    16 Agosto 2011 - 13:01

    Da padre di una figlia non mi sento di condannare a priori chi ha liberato la propria famiglia da questo9 incubo. Se le autorità non hanno le leggi opportune per prendere adeguate misure, signori (si fa per dire) politici, cosa aspettate ad emanarne una apposita !

    Report

    Rispondi

  • uliclin

    16 Agosto 2011 - 07:07

    Troppe volte è successo che questi stro...i hanno ammazzato le loro vittime! Non aveva altra alternativa! Colpa di una giustizia che tutela i colpevoli e se frega delle vittime! Basta guardare al problema delle carceri; invece di costruirne di nuove e imporre i lavori coatti ai condannati (per risarcire i danni e scontare una pena adeguata), i soliti buonisti si preoccupano dell'affollamento e dei diritti dei condannati! E i diritti delle vittime???

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    16 Agosto 2011 - 07:07

    Ha fatto bene il padre della ragazza ad ammazzare lo stalker...andra' in galera,ma avra' salvato la figlia dal MOSTRO...Avrei fatto altrettanto !

    Report

    Rispondi

  • Lupetto99

    15 Agosto 2011 - 20:08

    Se la giustizia non funziona e scarcera chi commette crimini la gente comincerà a farsi giustizia da sola. Brutto episodio chedovrebbe far capire alla politica la rabbia e la sfiducia che i cittadini cominciano a covare per questo stato buonista.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog