Cerca

Marrazzo 2 anni dopo scandalo "I trans sono donne al cubo"

L'ex governatore del Lazio confessa: " Non sono omosessuale ma le prostitute sono rassicuranti. Mi pento per mia figlia"

Marrazzo 2 anni dopo scandalo "I trans sono donne al cubo"
I trans? Sono donne all'ennesima potenza, esercitano una capacità di accudimento straordinaria. A parlare è l'ex governatore del Lazio, Piero Marrazzo, che per la prima volta dopo lo scandalo che l'ha coinvolto nel 2009 si confessa con il quotidiano La Repubblica. "Non sono omosessuale" tiene a precisare e "non faccio uso di droghe" anche se, come lui stesso ammette, "quel giorno è successo. Pure in questo ho sbagliato".

"Debolezze" - L'ex governatore del Lazio, che dopo lo scandalo a base di trans e cocaina ha rassegnato le dimissioni, spiega le ragioni che, a suo dire, lo hanno portato a fare "scelte sbagliate". Specilamente la scelta di vivere in leggerezza certe "debolezze" che, date in pasto all'opinione pubblica, l'hanno reso un cattivo esempio e hanno fatto male ai suoi figli. Questo è ciò che Piero non si perdonerà mai. Come è andata con sua figlia di dieci anni? "Le ho detto che papà è andato alla festa sbagliata".

Le scuse -
"Ho sbagliato. Ho fatto un errore. Si tratta di una mia fragilità. Di questo errore voglio chiedere scusa. Un uomo che assume un incarico pubblico non può avere debolezze. Le deve controllare. So di non aver commesso reati, di non aver violato alcuna legge. Umanamente però, nei confronti della mia famiglia, e politicamente, verso i miei elettori e la comunità che governavo, ho sbagliato". Marrazzo avanza così le sue scuse che però, precisa nell'intervista concessa a Concita De Gregorio, "non sono giustificazioni".

Rapporti a pagamento - L'ex governatore vuole far chiarezza sulla sua sessualità: "Ho amato solo donne. Moltissimo, e con frequente reciprocità. Dai transessuali cercavo un sollievo legato alla loro femminilità. Il fatto che abbiano attributi maschili è irrilevante nel rapporto, almeno nel mio caso. Non importa, non c'è scambio su quel piano". Allora viene da chiedersi, perché andare con un trans? "So che non è bello da sentire e non è facile da dirsi, ma una prostituta è molto rassicurante. È una presenza accogliente che non giudica. I transessuali sono donne all'ennesima potenza, esercitano una capacità di accudimento straordinaria. Mi sono avvicinato per questo a loro. È, tra i rapporti mercenari, la relazione più riposante". Secondo Marrazzo, avere rapporti con prostitute è qualcosa che agli uomini accade, specie se oberati dal dovere di essere all'altezza delle aspettative, pubbliche e private.

E sulle droghe - Non faccio uso di droghe. Mi sarà successo tre o quattro volte nella vita, a distanza di molti anni. Da ragazzo, un paio. Un paio da adulto. Sono pronto a fare l'analisi del capello per dimostrarlo", ci tiene a sottolineare. "Quel giorno è successo: anche in questo ho sbagliato. Penso al messaggio devastante che ho mandato, soprattutto ai più giovani".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    19 Agosto 2011 - 23:11

    il tipo!!

    Report

    Rispondi

  • Albachiara23

    18 Agosto 2011 - 15:03

    Caro Marrazzo, come DONNA con i propri pregi e i propri difetti , come mamma che vive per i propri figli, dico solo che sei una gran delusione!! Chissà perchè a un certo punto della vita, molte persone decidono che "Il RISPETTO" di sè stessi, della famiglia non esiste più e allora largo a tutto ciò che è alternativo e soprattutto Trasgressivo. Con tutto il rispetto per i transessuali, mi è davvero difficile pensare a loro come donne all'ennesima potenza, credo piuttosto a "controfigure,,,,," che riescono molto bene nel campo della recitazione. Peccato che sia tutto una finzione pagata a caro prezzo!

    Report

    Rispondi

  • biribixi

    18 Agosto 2011 - 14:02

    Daje Marrà, nun te lascià intimidì. Hai fatto bbene a diglielo a a tutti che noi prostitute transessuali semo mejo de le femmine. Ahò, noi ci avemo il pasto e l'antipasto, la frutta e il contorno, l'anda e il rianda.. insomma, te ce lo sai, chi viè co noantre resta sempre soddisfatto. Grazie, Marrà, te sì che sei un bongustaio! Io, e le mie amichette Jessica, Debora e Vanda (quella alta, grossa, co' quel treciolone... hai capito no?) ce lo semo detto e l'abbiamo detto a tutte quante: te vojamo vedè ar Governo, Marrà. Sei mejo de Vendola!!

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    18 Agosto 2011 - 00:12

    Caro Marrazzo io non ti voglio fare lezione di moralità,ma mi sembra che tu abbia esagerato un pochino. Consiglio : rifatti una reputazione al di fuori della politica , quella non aiuta , la famiglia sì. Auguri.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog