Cerca

Omicida-suicida alla Asl

La moglie: "Un uomo violento"

Omicida-suicida alla Asl
Ci sono nuovi e drammatici risvolti sull’omicidio – suicidio di ieri sera nel consultorio dell’Asl di San Donato Milanese, alle porte di Milano, dove un pare egiziano ha ucciso il figlio di 9 anni prima di togliersi la vita. Non solo un accoltellamento, ma anche un colpo di pistola diretto nella nuca del piccolo, poi pugnalato diverse volte e, infine, una pugnalata a se stesso. Una tragedia che porta la firma di Mohamed Barakat, 52 ani, egiziano con regolare permesso di soggiorno ed una relazione con una cittadina italiana alle spalle, naufragata quattro anni fa.
Una violenza insistita perché quando il piccolo è caduto a terra per il colpo di arma da fuoco, l’uomo si è buttato su di lui e, a suo modo, ha voluto così completare l’opera, accoltellandolo. Sono morti entrambi dissanguati. L’ultima ad avere notizia dell’accaduto è stata la madre, 44 anni. Il suo avvocato, Rosalba Cilia, ha riferito al pm che si occupa delle indagini Gianluca Prisco che l’uomo aveva da tempo manifestato intenzioni minacciose, ripetendo che avrebbe portato il figlio con sé, in Egitto. Nel fascicolo dell’inchiesta sono contenute anche due denunce che la donna aveva presentato nel 2005 e nel febbraio scorso. Perché ai carabinieri aveva riferito di essere stata sottoposta a pedinamenti da parte di alcuni “amici” del compagno.
Già denunciato Due denunce conservate nel fascicolo aperto, ma un’altra decina sporta da Antonella P. “per le minacce che l’uomo le faceva e che riguardavano il bambino”, come ha raccontato il legale della donna che ha negato qualsiasi matrimonio con Barakat: hanno convissuto per pochi mesi, “ma poi lui se ne è andato un mese prima che nascesse il bambino”. Sul suo conto pendevano diversi precedenti penali: condannato negli anni ’80 a 2 anni e 6 mesi di reclusione per alcuni furti, era stato denunciato nel 1983 anche per detenzione di stupefacenti e segnalato in diverse occasioni in questura sotto diversi nomi.
Un medico del Centro socio sanitario di San Donato ha raccontato la storia della famiglia distrutta: “Il bambino aveva un doppio nome, italiano ed egiziano, era molto ben integrato, faceva sport e andava bene a scuola”. Il medico ha ammesso che Barakat “era violento con la ex convivente, ma mai con il figlio”. Fino a ieri sera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    28 Febbraio 2009 - 11:11

    E'proprio vero,le donne Italiane che si mettono con i Mussulmani non capiscono o non lo vogliono capire che la loro cultura è molto ma molto diversa dalla nostra,io ho vissuto in un paese islamico e lo dico per esperienza diretta.La donna non ha diritti,il marito la può ripudiare quando vuole,basta che lo faccia alla presenza di due testimoni,l'uomo è il padrone anche dei figli e quello che dice è legge.Inoltre,la Sharja,la legge islamica,crede e da ragione sempre all'uomo,quasi mai alla donna che è considerata essere inferiore.Con questo,non voglio denigrare l'Islam,me ne guardo bene,perchè è stato una grande civiltà,pensiamo solo ai numeri che usiamo tutti i giorni,da loro inventati,oltre all'algebra,la medicina e tante invenzioni che hanno dato spinta al progresso.Da queste considerazioni doverose per la comprensione del problema,ne discende che il Mussulmano che si accompagna con una "occidentale",per di più considerata dal Corano una infedele se non convertita,non accetterà mai di considerarla con pari dignità sociale e con gli stessi suoi diritti,pensate solo che dalla nascita in poi sono stati educati così e non cambieranno solo perchè vivono in Italia.

    Report

    Rispondi

  • misspina

    27 Febbraio 2009 - 10:10

    sono tanti anni che assistiamo a questi casini. care donne vi consiglio di non sposarvi o convivere con uomini di religione differente dalla vostra

    Report

    Rispondi

  • 2009SP

    27 Febbraio 2009 - 10:10

    Deve rendere conto, di tutto ciò che sta accadendo, chi ha la responsabilità di aver voluto che si realizzasse la società multietnica in tempi troppo veloci.

    Report

    Rispondi

  • Lorenzo1508

    Lorenzo1508

    27 Febbraio 2009 - 09:09

    non è il primo e non sarà neanche l'ultimo genitore arabo/musulmano che pretende di strappare i figli alle madri italiane; eppure le nostre care donne non riescono a capire che con quella gente non si possono instaurare rapporti di civile convivenza e tantomeno matrimoni.la violenza, prima o poi, prende il sopravvento e poi si piangono inutili lacrime.

    Report

    Rispondi

blog