Cerca

Napoli, museo archeologico alle prese con i fantasmi

Il Mattino fa rimbalzare notizia. Le prove una foto e alcuni strani eventi. Direttrice: "Tutte balle. Presto comunicato ufficiale"

Napoli, museo archeologico alle prese con i fantasmi
"Altro che fantasmi, qui aspettiamo solo turisti in carne ed ossa". È il commento di Valeria Sampaolo, direttrice di uno dei musei più importanti del mondo, l'Archeologico di Napoli (che custodisce tra l'altro i tesori di Pompei ed Ercolano e la collezione Farnese), alla notizia riportata dal quotidiano Il Mattino che sta già rimbalzando sul web e appassionando i patiti di misteri: da mesi nelle sale del Museo abiterebbero i fantasmi.

"Presto un comunicato ufficiale" - A provare le presenza paranormali ci sarebbero una foto dove compare l'immagine di una bambina, ma anche strani eventi, oggetti spostati, che avrebbero turbato a tal punto i lavoratori del seicentesco palazzo da provocare l'imminente arrivo di ghostbusters. "Sono notizie prive di qualsiasi fondamento, pura fantasia - racconta abbastanza divertita l'archeologa che appena rientrata dalle ferie si è trovata a gestire la più imprevista delle emergenze mediatiche - faremo un comunicato ufficiale di smentita anche se ci farebbe piacere se del Museo si parlasse per la sua attività. Nonostante la crisi del turismo che sta vivendo Napoli abbiamo avuto una buon affluenza in agosto, il 14, 15 e 17 circa mille presenze al giorno, manteniamo i dati dello scorso anno quando siamo stati visitati da 300mila persone - aggiunge -. Siamo ottimisti, la città sta risalendo la china e oggi è pulita, a breve annunceremo un ricco programma di iniziative.

"Gli acchiappafantasmi non arrivano" - Poi la direttrice torna sulla storia dei fantasmi: "Posso aggiungere solo che questa famosa foto è in giro da più di un anno, tempo fa me l'hanno anche mostrata: per me non ha alcun significato. D'altra parte con le tecnologie oggi si può fare di tutto. E naturalmente smentisco assolutamente che siano in arrivo degli acchiappafantasmi, ci mancherebbe...". Intanto giornalisti e telecamere affollano il Museo, forse alla ricerca di un effetto Belfagor, il Fantasma del Louvre, o della versione femminile del tradizionale monaciello, il dispettoso fantasmino delle antiche case napoletane: "Chissà cosa sperano di ripredendere....Al momento nessun turista ci ha chiesto del fantasma, qui di cose davvero meravigliose da vedere ce ne sono tante", ha concluso la Sampaolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blumarine

    24 Agosto 2011 - 20:08

    Hai la testa dura. Ti sto chiedendo di elencare i vostri pregi e tu,facendo finta di niente,ribalti i concetti.Ci vuole un bel coraggio a sostenere che noi al sud la truffa ed il raggiro c'è l'abbiamo nel sangue.Voi l'avete nel vostro DNA.Ti invito a rispondere con pertinenza,non divagare senza tema.La storia non la conosci e non conosci nemmeno Napoli ed i napoletani.Ti ho detto che la truffa l'avete nel dna,sai perchè?Siete i maestri nel svaligiare e razziare le banche ed altro,e ti permetti pure di parlare.Aspetto la risposta.Intanto al sud,qualcuno sia chiaro,truffa e raggira il prossimo per sopravvivenza,causando un danno al singolo,mentre voi truffate e raggirate in grande,causando enormi danni alla comunità intera.Ma non c'è paragone.Sei anche fermo all'età della pietra,quando parli della scarsa voglia di lavorare.Vuoi vedere che adesso siete voi a lavorare e portare avanti le imprese e le industrie del nord?Se stai zitto,fai più bella figura.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    24 Agosto 2011 - 09:09

    Non è così vero che Nord e Sud siano così 'uguali'. Bisogna ammettere che il Sud, in molti casi e per quanto riguarda truffe&raggiri è imbattibile. Anche perché visto cha lavorare stanca, è preferibile guadagnare con ciò che più hanno i meridionali nel sangue: la truffa (in questo caso specifico abbastanza leggera). Infatti tutti gli interventi non sono scandalizzati, ma pieni di divertimento. Questo è il vero segno della differenza tra mentalità di Sud e Nord. All'estero una notizia del genere imbufalirebbe chi la legge, in Italia fa divertire come bambini all'asilo e anzi suscita frizzanti entusiasmi. Purtroppo!

    Report

    Rispondi

  • jerico

    23 Agosto 2011 - 16:04

    altro ancora ,salteresti sulla sedia ,o chiameresti la neurodeliri !Se non credi in Dio è inutile approfondire l'argomento, ma se ci credi ,ti dico solamente che una domenica d'estate del 2004 ,ho incontrato un personaggio ''straordinario'' ,inimmaginabile...

    Report

    Rispondi

  • jerico

    23 Agosto 2011 - 16:04

    Amico ''proudofme'',accetto il tuo invito. Vedi, non sono io a dire che l'atomo vibra, ma eminenti scienziati che da decenni osservano la materia ai microscopi elettronici ed a scansione, per non parlare poi dei ''quanti'', che sempre gli eminenti scienziati, ''trovano'' in parti dell'Universo ,dove non dovrebbero esserci.Sull'atomo si potrebbero scrivere tomi di volumi,altro che la Treccani!Non voglio essere macabro,ma pensi che i defunti siano al camposanto?Lì c'è solamente un abito ''rotto''(il nostro corpo materiale),lo spirito (o anima)si trova dove vuole la sua coscienza(che non dipende dai neuroni ma da un qualcosa che viene da fuori(dovresti approfondire gli studi del fisico inglese John Eccles).Dovresti altresì approfondire gli scritti di Jakob Lorber,vissuto nell'800',dove afferma che il sole è abitato da esseri umani fatti di materia più sottile della nostra.Tranquillo,il caldo di agosto non mi dato alla testa,ma ti invito a fare ricerche su internet,se poi ti dicessi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog