Cerca

Pisapia archivia la 'spectre': restano le sue prese in giro

Poteri forti contro pensiero debole. Dopo la piroetta di Giuliano restano soltanto i suoi proclama: l'importante è farsi sentire

Pisapia archivia la 'spectre': restano le sue prese in giro
Poteri forti contro pensiero debole. La cattivissima Spectre all’attacco di un  sindaco tanto “gentile” nei modi quanto evanescente nelle scelte e nei programmi.  Dopo aver evocato un’imprecisata ma potentissima centrale “occulta” che “trama  nell’ombra” per rovesciare “la novità politica” di Milano, Pisapia ne prende le distanze, chiede scusa e dice che la piovra su Palazzo Marino non esiste, si tratta di immaginazione mediatica frutto di un banale malinteso.

C’era da aspettarselo: il mite avvocato non si scompone né si smentisce mai.   Puoi prenderlo a schiaffi, suonarlo come una campana o tiragli martellate ma  lui è come Ercolino sempre-in-piedi: cortese e sorridente, pronto a riconoscere  gli errori non fatti e porgere l’altra guancia. Soprattutto se in cambio gli  offrono la prima pagina del Corriere.  Il giornalone di via Solferino lo attacca sulle tasse e lo accusa di  nascondere la realtà sotto il tappeto delle cose inutili e fru-fru (tipo la  pagliacciata della Gay Parade e il finto dibattito sul trasferimento del Quarto  Stato)? Niente paura, Pisapia è un muro di gomma. Incassa e rimbalza, corregge, precisa e  travisa: tutto è buono per i buoni, per rinfrescare il  look  di sindaco piacione e arancione. Non risponde alle critiche, in compenso   prende per i fondelli. La stangata sui biglietti di bus e metro? Vera, ma per i  lavoratori c’è sempre l’abbonamento: paghi due e prendi tre. L’addizionale  Irpef? Ok, una mazzolata sulle famiglie ma è cosa nuova che prima non c’era. E  l’Expo? Merito di Moratti e Formigoni però va bene così: l’importante non è  vincere ma partecipare. E i “poteri forti”? Via, si scherzava, soltanto una  pirlata dal sen uscita.

D’ora in poi, sguardo dritto e petto in fuori: e  che  Dio ce la mandi buona.  L’importante è esserci e Pisapia c’è. Sui media, innanzitutto.  Un diluvio di belle parole,  bravi pensieri e buone intenzioni, Tutti ancora sulla carta,  però. E, visto come sono andate le cose  in questi mesi, è già una fortuna.

di Luigi Santambrogio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jerico

    25 Agosto 2011 - 17:05

    Milanesi, di che vi lamentate ? Non sapevate che ogni città ha il sindaco che si merita ? Lo avete eletto per fare un dispetto al Cav ? Adesso tenetevelo stretto, farete indigestioni di kebab...!

    Report

    Rispondi

  • antorno

    23 Agosto 2011 - 22:10

    Qualcuno mi sa dire se Tabacci si è dimesso da parlamentare ? Per un minimo di coerenza (anche di Pisapia)l'assessore al bilancio DEVE dimettersi.Non auto-sospendersi o trucchi del genere alla Penati, ma semplicemente e coerentemente dimettersi !!

    Report

    Rispondi

  • beylerbey

    23 Agosto 2011 - 17:05

    Trasformare il proprio legittimo credo politico in una sorta di credo tipo ultras calcistico. Siamo un popolo di uomini piccoli e non perdiamo mai l'occasione per dimostrarlo. Di grazia, lasciatelo lavorare il nuovo sindaco, se farà bene o male solo il tempo, che è galantuomo, lo dirà. Se poi anche il nuovo sindaco,ogni tanto, scivola su qualche buccia di banana, cosa volete che sia, contano i fatti non le parole. Le parole si possono cambiare, addomesticare, nella lingua italiana, poi, ancor di + che con l'inglese o il tedesco. Siamo maestri nel "ciurlare nel manico", lo facciamo anche con le leggi, che hanno ben 9 possibili diverse interpretazioni. Perciò bando alle ciance, si sta a discutere solo di aria fritta. Cordialmente.

    Report

    Rispondi

  • beylerbey

    23 Agosto 2011 - 17:05

    Trasformare il proprio legittimo credo politico in una sorta di credo tipo ultras calcistico. Siamo un popolo di uomini piccoli e non perdiamo mai l'occasione per dimostrarlo. Di grazia, lasciatelo lavorare il nuovo sindaco, se farà bene o male solo il tempo, che è galantuomo, lo dirà. Se poi anche il nuovo sindaco,ogni tanto, scivola su qualche buccia di banana, cosa volete che sia, contano i fatti non le parole. Le parole si possono cambiare, addomesticare, nella lingua italiana, poi, ancor di + che con l'inglese o il tedesco. Siamo maestri nel "ciurlare nel manico", lo facciamo anche con le leggi, che hanno ben 9 possibili diverse interpretazioni. Perciò bando alle ciance, si sta a discutere solo di aria fritta. Cordialmente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog