Cerca

La Cgil: "Sciopero generale" Sognano un'Italia alla greca

Camusso: "6 settembre mobilitazione contro pacchetto anticrisi". Il Pd e Bersani svelano la 'contromanovra': dieci punti, tanto fumo

La Cgil: "Sciopero generale" Sognano un'Italia alla greca
Un'Italia alla greca. E' il sogno della Cgil, il sindacato rosso che ha annunciato uno sciopero generale di 8 ore per il 6 settembre, con manifestazioni articolate a livello locale. Il motivo è semplice: la manovra-bis studiata in piena emergenza dal governo così non va. Una posizione non dissimile a quella dei sindacati greci che poche settimane fa hanno paralizzato Atene proprio mentre l'esecutivo di Papandreou stava varando un pacchetto di rigore per salvare il Paese. Contestualmente al proclama del sindacato rosso, il segretario del Partito Democratico, Pier Luigi Bersani, ha presentato la cosiddetta contromanovra scritta dal suo partito: per ora, una serie di misure piuttosto fumose.

Le motivazioni della Cgil - Il sindacato guidato da Susanna Camusso non vuole ascoltare gli appelli all'unità delle parti sociali in un momento così delicato. Va per la sua strada, contro la politica, contro la Confindustria, contro gli altri sindacati. L'obiettivo, evidentemente, è ancora una volta sfasciare tutto. La Camusso spiega cosa del pacchetto anti-crisi non le va giù. Puntare sulla dismissione degli immobili pubblici solo per fare cassa, si legge nella nota della Cgil, "è sbagliato" ed il rischio è quello "di una grande svendita del patrimonio pubblico immobiliare". Il patrimonio si aggirerebbe intorno ai 500 miliardi di euro, di cui sarebbe "potenzialmente disponibile", secondo non recentissime stime del Tesoro, il 40 per cento. La Cgil denuncia il rischio di "innescare un processo di trasformazione di aree urbane che neglia nni passati è andato esclusivamente a favore della rendita e che, al contrario, deve essere gestito nell'ottica di un interesse più generale, con finalità sociali".

Sacconi: "Ingiustificabile" - Lo sciopero indetto dalla Cgil il 6 settembre “è ingiustificabile”. Il commento è del ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, che ha parlato a margine dei lavori al Senato sulla manovra. "Credo che lo strumento dello sciopero sia assolutamente legittimo e   rispetto la volontà di una grande organizzazione; tuttavia - spiega   Sacconi - nel contesto in cui viviamo credo che sia in straordinaria contraddizione con le esigenze di sostenere la produttività, la crescita e l’occupazione”. In tempi come questi - ha proseguito il ministro - dovrebbe valere di  più la disponibilità a costruire nuova occupazione e investimenti. Il conflitto appartiene al tempo nel quale si produce ricchezza e i lavoratori pensano che sia male distribuita. Oggi, che faticosamente  si produce ricchezza, si tratta di individuare i modi in cui eventualmente produrla”.

La 'contromanovra' del Pd -Pier Luigi Bersani, nel frattempo, ha presentato la cosiddetta contromanovra del Pd. "Stiamo organizzando i nostri emendamenti su dieci punti che tengono conto dei saldi e degli impegni presi con l'Europa. I cardini su cui si articolano i cambiamenti sono i costi della Pubblica Amministrazione, sviluppo e stimolo delle attività economiche. Il perimetro della Pa - ha proseguito Bersani - va ristretto. Noi lavoriamo sulle dismissioni degli immobili sull'asta per le frequenze radiotv, sull'efficienza energetica e le sue agevolazioni fiscali, sullo sviluppo del Mezzogiorno. Abbiamo un pacchetto di proposte sull'evasione fiscale, vogliamo un'imposta ordinaria progressiva sui grandi valori immobiliari, chiediamo un contributo di solidarietà ai capitali scudati, ci occupiamo anche di razionalizzazione del sistema giustizia, e di pensioni".

Pensioni - Sul capitolo previdenza, il segretario democratico ha puntualizzato: "Vogliamo dire una parola chiara. Si vuol parlare di riforma del welfare? Si discuta di questo e non di ripianare buchi di bilancio maneggiando le pensioni. Vogliamo togliere il contributo di solidarietà su chi guadagna più di 90mila e 150mila euro. Chiediamo però prima di tutto di poter discutere tutto questo con la maggioranza".

Chiesa - "Sul patrimonio ecclesiastico - ha proseguito Bersani - noi siamo favorevoli all'esenzione per gli immobili e le attività che fanno capo alla missione della Chiesa, ma alla tassazione di quelle che in realtà si rivelino come semplici attività commerciali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lorenzovan

    06 Settembre 2011 - 19:07

    veramente l'Itlia alla greca ce la'avete portata voi...8 anni su dieci al governo con maggioranze "granitiche" peccato siano stati anni passati a raccontar favole e a proteggere i business dei "manovratori>"

    Report

    Rispondi

  • annavenitucci

    25 Agosto 2011 - 10:10

    come accade da anni in italia il sindacato sfrutta i lavoratori per salvaguardare i propri interessi e quelli che già stanno bene perchè il sindacato al posto di preoccuparsi di coloro che prendono 90mila euro si preoccupasse di quelle migliaia che lavorano con 1000euro al mese,sipreoccupasse di coloro che nel 2011 non hanno quei diritti che i loro amici statali hanno,perchè lo sciopero è sempre per difendere coloro che già hanno tanto nella vita.

    Report

    Rispondi

  • amb43

    25 Agosto 2011 - 07:07

    Tale "signora" dovrebbe andare a fare la sindacalista in Cina! Là verrebbe accolta e accolt-ellata subito! Un consiglio alla Camusso: va a lavorare nelle risaie, invece di mangiare con i soldi dei LAVORATORI !

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    24 Agosto 2011 - 22:10

    pensi che è ancora andata bene ! si immagini se ci fosse stata in fotografia anche la deliziosa rosy ! Temo che mi avrebbero ricoverato d' urgenza con le convulsioni !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog