Cerca

La Began punge Bocchino: "Simpatico ma il Cav è meglio"

La showgirl intervistata da Chi: "Italo è affascinante. Ma ha della rabbia dentro. La politica è un'altra cosa".

La Began punge Bocchino: "Simpatico ma il Cav è meglio"
Se tre indizi fanno una prova, altrettanti incontri paparazzati fanno una relazione. Di che tipo sia non lo si può dire, ma che tra Italo Bocchino e Sabina Began ci sia del tenero è oramai indubbio. Di sicuro, lui ci prova e lei si fa corteggiare. Se Italo "è attratto", Sabina non ha dubbi:  "E' simpatico, mi fa molto ridere, è un uomo affascinante. Ma, dovendo scegliere, preferisco per tutta la vita Berlusconi", ammette su Chi.  Dopo la cena a luci soffuse a Ravello, la strana coppia è stata nuovamente 'beccata' dai segugi di Alfonso Signorini a Maiori tra gli scogli in costiera amalfitana: lei in topless, lui baldanzoso come sempre. 

La strana coppia - Che un falco finiano - una delle menti dello strappo di Fli -, si rilanci nella mischia delle relazioni amorose con una che continua a dirsi "platonicamente innamorata" del Cavaliere, pare strano. Tanto che l'amicizia ha scatenato un vero e proprio valzer di ipotesi, che va dal classico amore cieco alla trappola tesa a un Bocchino fresco fresco di divorzio da una Began in  versione Mata Hari. Fino all'ipotesi di realpolitik velata di rosa, secondo la quale Sabina sarebbe in missione di pace tra Fli e Pdl. 

Bocchino, un falco sulla preda - La scintilla sarebbe scoccata nella Capitale. "Ci siamo incontrati a Roma, due mesi e mezzo fa - spiega la Began a Chi -. I nostri sguardi si sono, come dire, incrociati in quel ristorante. Lui, dopo che mi ha vista, ha chiesto al proprietario chi fossi". Poi l'attacco da falco, appunto: "Si è seduto al mio tavolo, dove ero a cena con due amiche. Io ero senza parole: proprio lui! Ma era simpatico, mi faceva ridere e direi che è stato molto coraggioso", anche se sottolinea che si tratta solo di "un'amicizia". Si vedono per qulche sera, poi lui va a Maiori, dove lei trascorre le vacanze. "Sì, perché lui, più o meno, ci prova un po'", ammette candidamente.

Lo spettro del Cavaliere - "E' come se Italo avesse un po' di rabbia dentro", dice la Began riferendosi alla frattura tra Bocchino e Berlusconi. "Gli ho fatto capire che deve superare questo astio, perché la politica non può essere sempre parlare male dell'avversario. Ma, a volte, proprio non ce la fa a controllare la rabbia. Credo che sia un fatto personale". Sì, forse "gli piacciono le donne del presidente, forse vuole essere come lui, ma il presidente non parla male di Italo, mi ha detto che non ha nessun rancore verso di lui".






Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • calibio26

    27 Agosto 2011 - 16:04

    Fidarti di una persona che tradisce

    Report

    Rispondi

  • biancofiore

    25 Agosto 2011 - 09:09

    Con tutte le donne che ci sono in giro, va ad imbeccare proprio la Began!!! Italo, Italo. Fatti avanti col Cavaliere, lui non c'è l'ha con te e se non fai altre cazzate potrebbe anche farti fare carriera, non ti pare? Per la Began, complimenti..... è un bella figliola ed hai avuto una bella faccia tosta.

    Report

    Rispondi

  • nilo01

    24 Agosto 2011 - 23:11

    sono certo che la began è attratta soprattutto dal nome, ognuno nasce con una vocazione

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    24 Agosto 2011 - 23:11

    Non c'è che dire, un grandissimo articolo ...da prima pagina veramente!!! Poveri noi, dove siamo finiti....stai av edere che mi toccherà smettere di leggere Libero e commentare!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog