Cerca

Chiomonte, No Tav all'assalto pietre e bombe carta su agenti

Appena comiciati i lavori di ampliamento del cantiere della Torino-Lione eplode tensione. La calma torna dopo le 16.00

Chiomonte, No Tav all'assalto pietre e bombe carta su agenti
Poco dopo le 16.00 è tornata la calma al cantiere della Tav, alla Maddalena di Chiomonte. In giornata, la tensione è nuovamente esplosa tra i manifestanti e le forze dell'ordine a colpi di lancio di pietre e bombe carta, cui la polizia rispondeva con l'uso di lacrimogeni e idranti.  Mercoledì mattina, infatti, sono cominciati i lavori di ampliamento del cantiere del tunnel per la realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione.

L'azione di disturbo  - Alla ripresa dei lavori di ampliamento dell'area del cantiere, in mattinata un gruppo di manifestanti No Tav ha prima fatto molto rumore battendo con oggetti metallici la recinzione e, poi ha tentato di tagliare la rete per entrare nel cantiere. Per bloccarli, le forze dell'ordine hanno lanciato lacrimogeni, cui i manifestanti hanno risposto con le pietre. Intanto, i lavori proseguivanoe un corteo di No Tav è
partito dal campo sportivo di Giaglione (Torino) per giungere alla baita della Clarea, dove c' è stat un'assemblea. Una ragazza è stata bloccata dalle forze dell'ordine mentre tentava di salire su una ruspa nella zona del cantiere

Un fermo -  Il manifestante bloccato è un giovane romano appartenente - secondo le forze dell'ordine - all'area anarchica della capitale. E' stato trovato in possesso di due bombe carta che - da quanto si è saputo - ha detto di aver trovato per terra nell'area intorno al cantiere. I manifestanti hanno tentato più volte di scavalcare la recinzione dell'area del cantiere, ma sono stati sempre respinti dalle forze dell'ordine che in alcuni momenti sono anche entrati in contatto con i manifestanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marari

    25 Agosto 2011 - 11:11

    Quando si manifesta lanciando pietre e bombe carta contro gli agenti si è SEMPRE FUORILEGGE e come tali perseguibili penalmente!!! che a Lei piaccia o meno.

    Report

    Rispondi

  • sumeete

    25 Agosto 2011 - 11:11

    Per quanto ancora dobbiamo leggere di questi contestatori? Di agenti feriti? Di lancio di sassi e di bombe carta? Di gente mascherata che dovrebbe essere arrestata? Siamo tutti conigli a permettere questi fatti stomachevoli. Se le forze dell'ordine non possono fare di più,tipo sparare proiettili di gomma,dovremmo essere noi gente per bene a rivoltarci contro questi energumeni, che sia gente di valle o blok-blok o centri sociali. Una marcia sul posto per sostenere i nostri poveri(anche di paga)agenti dell'ordine che non c'è.

    Report

    Rispondi

  • Era

    25 Agosto 2011 - 11:11

    Chiedetevi come mai pld e pd siamo in accordo sul mandare l'esercito a sgombrare i manifestatanti... Chiedetevi quanti sono gli interessi economici in questa storia.... Gli interessi del Pease e dei cittadini non importano.... E' tutta una storia di mafia e appalti corrotti..... Non serve il treno veloce...c'è già ed è sottoutilizzato. Questa è la goccia che farà traboccare il vaso...grazie ai valligiani (anziani e piccini) che resitono. Più di 10 anni di lotte in Val di Susa qualcosa vorranno pur dire :D

    Report

    Rispondi

  • alvit

    25 Agosto 2011 - 08:08

    Prenderli e marchiarli visibilmente, così che si riconoscano in ogni posto che vanno, e' proprio reato?? Cosa aspetta lo stato, che anche in questo frangente si dimostra inesistente, a reagire con fermezza? Se sono valligiani si sa dove abitano e dove vivono, basta mandare qualche bella cartella di tasse per pagare i danni che stanno provocando e vedrete che spariscono tutti. Toccateli sul portafoglio se gli eventuali calci in k@@o non fanno effetto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog