Cerca

Luca e bebè senza casco Montezemolo italiano medio

Il presidente Ferrari (e futuro politico?) a Cortina con moglie e figlioletto in vespa: un po' impunito ma moltro strapaesano

10
Luca e bebè senza casco Montezemolo italiano medio
Ma allora fa sul serio, scocca davvero l’ora decisiva. Beninteso: la lunghissima marcia di Luca Cordero di Montezemolo, sino a ieri, aveva attirato ironie infondate e scioccarelle, come la vulgata secondo la quale avrebbe preannunciato un nuovo partito migliaia di volte: il che non è vero, sono solo poche centinaia.
Se ne parlava quando il manager compì i cinquant’anni, e ora ne ha 64, ma non significa: ha detto, ora, che entro un anno e mezzo - cioè un nanosecondo, secondo i suoi parametri - potrebbe succedere qualcosa, «potrebbe esserci una politica nuova».  E magari giovane.
Ma non è questa la ragione per cui tutti hanno capito, ora, quanto faccia sul serio; e non è neppure per l’ormai capillare distribuzione delle succursali di Italia Futura, incombenti come potevano sembrarlo i club azzurri di Angelo Codignoni (ci perdoni Andrea Romano) nel 1994, alba di Forza Italia.
Neppure la tournée   nazional-popolare di Montezemolo nell’ultimo periodo (Capri, Cortina, Formentera, forse Montecarlo) aveva fatto credere che  stavolta ci fossimo davvero, e tantomeno la discesa in campo di testimonial e fiancheggiatori di largo successo come Sergio Marchionne e - si dice - Diego Della Valle, visti alla stregua di quanto fecero Iva Zanicchi e Raimondo Vianello per sorreggere il Cavaliere.
L’immagine decisiva, infatti,  è indubbiamente quella immortalata dal fotografo Umberto Pizzi e pubblicata ieri da Dagospia: si vede lui, anzi loro, che montano in Vespa in tre; c’è lui, appunto, c’è la moglie e c’è - unico senza casco - il figlioletto di un anno, poveretto.
Stanno circolando per Cortina, indisturbati - perlomeno dai vigili urbani, e dalla legge - e fatte le debite proporzioni, tenendo conto che la scena appartiene alla nordica Cortina, è   come se a Napoli, su una Vespa, li avessero beccati in nove.
Ma il punto chiave è, finalmente, la ritrovata e forse studiata sintonia di Montezemolo con l’italiano medio. L’espressione disinvolta e impunita della carovana-Piaggio (guardare foto, please) è quanto di più strapaesano si osasse anche solo sperare, e vale perlomeno quanto la celebre invocazione di Berlusconi secondo la quale non pagare le tasse, talvolta, è quasi giusto.
Un’assurda legge e assurdi codici, allo stesso tempo, vorrebbero impedire che una classica famiglia media - i Montezemolo - possano arrangiarsi come possono per trasportarsi da una parte all’altra in assenza evidente di altri mezzi, forse anche economici: perciò l’unica è fare il trio sul sellone, come farebbe qualsiasi di noi: eternamente in bilico, come siamo noi tutti, tra la Vespa, la Ferrari e l’elicottero.

di Filippo Facci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rogerhal

    26 Agosto 2011 - 20:08

    Dopo l'unto del Signore brianzolo, ecco il vanesio da quel di Montezemolo cuneese. Che Gesù, Allah, Budda, Confucio, Manitou, e tutti gli altri, si muovano a compassione e ci concedano, nonostante i nostri italici peccati, qualcuno di finalmente decentemente accettabile!!!

    Report

    Rispondi

  • bellanto

    26 Agosto 2011 - 17:05

    non si puo' dire altrettanto dell'ottantenne tricotrapiamtato eternamente arrapato con guaglioncelle e nipotine varie! Ma via , sia serio lei e i suoi adoratori!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • ateo39

    26 Agosto 2011 - 17:05

    da Fabrizio De Andrè: Si sa che la gente da' buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio si sa che la gente da' buoni consigli se non può dare cattivo esempio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media