Cerca

Torino, tre nomandi

picchiano ragazzo per 2 euro

Torino, tre nomandi
Picchiato per due euro da tre nomadi: è la brutta avventura che ha vissuta un ragazzo del Torinese ieri sera, quando è stato avvicinato dai delinquenti che gli avevano chiesto due euro. “Non ho menta”, avrebbe risposto il ragazzo italiano. Quel tanto che è bastato per provocare la violenta reazione dei nomadi che hanno aggredito il sedicenne. E’ accaduto ieri sera, verso le 22, a Moncalieri, dove i carabinieri hanno immediatamente arrestati i tre aggressori, tutti provenienti dell’Europa dell’est. Sono un ventenne, un diciottenne e un altro sedicenne che vivono nel campo nomadi di Strada Brandina.
Erano quasi le dieci di sera quando i tre balordi hanno accerchiato il giovane che stava aspettando un autobus nella piazza della stazione di Moncalieri. Gli hanno chiesto due euro, l’italiano ha risposto di non averne e i tre hanno scatenato calci e pungi al volto. La vittima è però riuscita a liberarsi dalla presa dei suoi aggressori e a chiamare i carabinieri che sono intervenuti immediatamente. I tre sono stati fermati con l’accusa di rapina e lesioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    28 Febbraio 2009 - 17:05

    Ormai,invece di comportarsi da ospiti,questi esseri simili alle bestie,(lo dico con buona pace della Bindi che li difende e si incavola se li si chiama bestie),si sentono invasori a cui nulla è vietato.Gli invasori barbari del basso medioevo,infatti rapinavano,violentavano e uccidevano,tanto per loro non esistevano leggi.Siamo ai corsi e ricorsi storici di G.Vico,la storia che periodicamente si ripete tragicamente.

    Report

    Rispondi

  • limick

    28 Febbraio 2009 - 17:05

    fosse mio figlio non ci sarebbe bisogno di nessun processo. Risolti all'istante tutti i problemi. Per 2 euro si puo' fare..

    Report

    Rispondi

  • antari

    28 Febbraio 2009 - 15:03

    Perche' il signor presidente del consiglio non fa un decreto per processare per direttissima chi compie atti simili? Che senso ha fare attendere una condanna? Sarebbe bello che Libero ci facesse sapere quale sara' la richiesta dell'avvocato difensore dei tizi in questione.

    Report

    Rispondi

blog