Cerca

Pubblicare i redditi di tutti Sondaggio: una buona idea?

Giovedì su Libero in edicola il dibattito: è una misura corretta? I commenti di Maria Giovanna Maglie e Gianluigi Paragone

Pubblicare i redditi di tutti Sondaggio: una buona idea?
La stretta sull'evasione potrebbe andare in porto. Tra le nuove misure della manovra -  concordate nel vertice di Arcore - figurerebbe infatti anche la pubblicazione (obbligatoria?) dei redditi dei cittadini in rete. A farsene carico, in questa riedizione della misura (nel 2008 ci aveva provato Visco, ma i 730 rimasero in rete solo per alcuni minuti, giusto il tempo di far divampare la polemica) non sarà lo Stato, ma i sindaci: pubblicando i redditi e contando sulle soffiate di qualche concittadino potrebbero recupare parte dell'imponibile evaso (e fruirne). Che cosa ne pensate? Pensate che sia una norma corretta e utile a combattere l'evasione fiscale? Votate il nostro sondaggio. Su Libero in edicola giovedì 1 settembre il dibattito sulla proposta, con il parere di Maria Giovanna Maglie e quello di Gianluigi Paragone.

Controllo sociale della fedeltà fiscale - Con quali tempi e modi verrà attuata la misura che mira alla trasparenza dei redditi è ancora da capire, ma la norma sul 'controllo sociale della fedeltà fiscale' - così come chiamata dagli addetti ai lavori -  dovrebbe essere presentata già mercoledì sera.  Restano da mettere in chiaro, inoltre, le cifre che ci si attendono in termini di gettito. E se sarà presentato anche una specie di paracadute per compensare l'alleggerimento dei tagli ai Comuni e compensare le entrate negli enti.

I modi del controllo- Il 'Visco-bis' potrebbe funzionare perfettamente nelle piccole realtà: nei Comuni di minori dimensioni, dove si sa tutto di tutti, anche nel caso in cui il Sindaco (spaventato da una realtà simil-orwelliana) avesse parua di andare fino in fondo nella lotta contro i compaesani furbetti. Capitolo ancora più complesso, sarebbe quello relativo alla redazione di un'anagrafe dei redditi per le grandi città.

Il piano anti evasione - La stretta sui 'furbi' è necessaria, specie in conseguenza alle modifiche che dovrebbere essere apportate alla manovra bis.  Per far quadrare i conti pubblici (dopo aver eliminato il contributo di solidarietà sui redditi più alti e dopo aver stralciato la norma sul riscatto degli anni per il calcolo delle pensioni) bisognerà individuare nuove risorse. Anche le società cooperative potrebbero pagare, con un taglio delle agevolazioni fiscali che dovrebbero essere del 10%, e anche i grandi patrimoni potrebbero essere coinvolti. Nel mirino, le cosiddette società di comodo: la norma dovrebbe prevedere che società cui è intestato un bene, ma utilizzato di fatto solo da una persona fisica, dovranno diventare fiscalmente 'trasparenti'. Nel senso che gli agenti delle imposte l'ignoreranno del tutto, andando a batter cassa direttamente a casa di chi effettivamente gode di quel bene.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • quintinosella

    04 Settembre 2011 - 13:01

    L'idea di pubblicare online le dichiarazione dei redditi oltre a violare le più elementari leggi sulla privacy , espone il contribuente al rischio della malavita , così i ladri prima di visitare le case da ripulire si informeranno online sui più ricchi del quartiere. Ma per favore smettiamola con queste sciocchezze. E basta con questo stato di polizia che ci deve controllare come ai tempi di Stalin per mantenere in piedi il carrozzone dei dipendenti pubblici meridionali che poi votano in maniera clientelare per chi gli garantisce i loro privilegi. Cominciamo ad accorpare INPS, INAIL Doane , Motorizzazione e Agenzia delle Entrate. Caro Tremonti visto che lei dimostra di avere la stessa vision di Bersani , Visco , ecc , dia l dimissioni da un governo di centro destra e si candidi con il PD alle prossime elezioni. E per quanto riguarda la Lega , guardate che le uscite sinistreggianti di Tosi vi fanno solo perdere voti, il Nord produttivo aspetta ancora risultati dalla Lega Nord ,..

    Report

    Rispondi

  • alberto51

    02 Settembre 2011 - 20:08

    Pubblicare on line serve solo ai delinquenti per sapere chi colpire e alle "fattucchiere" con la linguetta.Se i cittadini fossero stutti stipendiati dallo Stato Italiano allora sarebbe giusto, ma chi si procura il suo reddito e o è assunto presso aziende privte questo sistema danneggerebbe l'economia e sopratutto le relazioni sociali. LASCIATE PERDERE QUESTA STRONZATA.Perchè non si privatizzano le poste? perchè no si mette sul mercato tutto ciò che non è strategico per il nostro paese.Si faccia l'accordo con la Svizzera così come ha fatto il Regno Unito e la Germania.bene per l'evasione fiscale .Ottimo il lavoro della guardia di Finaza che ultimamente ha alzato il tiro su grosse società risultate poi non in regola con le tasse.Penalizzare chi ha risparmiato tanto o poco è ingiusto ed è controproducente. L'opposizione la smetta di di creare ad arte la confusione, fa un danno enorme a tutti loro compresi.Questo vale anche per il Tony, quelle prese non erano tic tac capito!

    Report

    Rispondi

  • roda41

    02 Settembre 2011 - 20:08

    che appena sbarcano il lunario e reggono lo stato loro,meglio di no se non si vuole una rivoluzione.

    Report

    Rispondi

  • piffi

    02 Settembre 2011 - 11:11

    la scoperta dell'acqua calda ???!!! esiste uno strumento chiamato: TRACCIABILITA' che ti permette di ridurre al minimo l'evasione ficsale. Ma i nostri politici naturalmente non sanno neanche di cosa parliamo , perchè allora non inviarli in qualche paese del nord europa , magari in svezia a fare uno stage conoscitivo della materia??? evitando se non altro di essere ridicoli!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog