Cerca

Cav ricattato: leggi le carte

Tarantini in cella per estorsione a Berlusconi. Tutte le intercettazioni

Cav ricattato: leggi le carte
Pubblichiamo in esclusiva l'ordinanza della Questura di Napoli che ha disposto l'arresto di Giampaolo Tarantini, sua moglie e di Valter Lavitola, ex direttore dell'Avanti. L'accusa, per tutti e tre, è di estorsione nei confronti del premier Silvio Berlusconi, ricattato in relazione al caso D'Addario. Sospetti, ricostruzioni e soprattutto le intercettazioni dei protagonisti coinvolti. Compreso  Berlusconi, che con Lavitola si sfoga: "Questo è un Paese di merda, me ne vado". Il premier ha commentato in serata ribadendo un concetto già espresso nei giorni scorsi: "Questa inchiesta è pura fantasia. Io ho dato una mano a una famiglia con figli che era abituata a vivere nell'agio e poi si è ritrovata in miseria".



Giampaolo Tarantini in manette insieme alla moglie. Valter Lavitola, l'ex direttore dell'Avanti - balzato agli onori delle cronache per il caso Fini-Montecarlo - in fuga all'estero. Nega la latitanza, spiega di essere lontano dall'Italia per lavoro, ma nel Belpaese lo attendono per arrestarlo. La faccenda ruota attorno al premier, Silvio Berlusconi, vittima secondo l'accusa della Questura di Napoli di un estorsione da parte di Tarantini, il faccendiere pugliese, 36 anni, al centro del caso D'Addario. Lavitola, nel fitto intreccio, era una sorta di intermediario tra Tarantini e il Cavliere. Girava i soldi all'uomo che fu accusato di portare le escort a casa del premier, ma ne tratteneva una tranche. Lavitola, inoltre, raccoglieva le confidenze di Berlusconi, sul quale allo stesso tempo cercava di speculare. Il Cavaliere, in una delle conversazioni con Lavitola intercettate e finite nell'ordinanza d'arresto firmata dal pool partenopeo, si sfoga: "Questo è un Paese di merda. Presto me ne vado". Poi giù il telefono, e con Tarantini l'ex direttore dell'Avanti progettava di "metterlo in ginocchio", di "tenerlo con le spalle al muro". Secondo l'accusa il Presidente del Consgilio pagava una sorta di vitalizio a Tarantini e famiglia affinchè non cambiasse mai versione sul presunto giro di escort, affinché sostensse che il Cavliere fosse all'oscuro del fatto che le ragazze venissero pagate (una fattispecie, per altro, confermata dalle intercettazioni tra Tarantini e Lavitola).

"Mettiamolo in ginocchio" - Così, nell'ordinanza di arresto che ha portato alla cattura di Tarantini, il gip Amelia Primavera mette nero su bianco le frasi scambiate dal faccendiere e Lavitola. "Dobbiamo tenere sulla corda il presidente Berlusconi fino a metterlo con le spalle al muro", dobbiamo "metterlo in ginocchio", "andargli addosso". Frasi che secondo il giudice per le indagini preliminari sono prove "incontrovertibili ed univoche" dell'estorsione. Secondo il giudice "il tenore e il significato delle espressioni letteralmente utilizzate da Lavitola nel corso delle conversazioni risultano inequivocabili e sintomatici della logica e della prospettiva ricattatoria che muove Lavitola e i coniugi Tarantini".

Linguaggio criptico - Nel giro che mirava a estorcere denaro al premier si parlava con un lingaggio "criptico, convenzionale". In particolare si faceva riferimento alla "stampa di fotografia". Nell'ordinanza di arresto sono riportati stralci di alcune intercettazioni, come quella tra Lavitola e Marinella Brambilla, membro della segreteria di Berlusconi. La donna vicine al Cavaliere spiega: "Allora, riusciamo a stampare dieci foto, mandami...chi mi mandi il solito Juannino lì, il tuo?". Dopo l'assenso di Lavitola, la Brambilla proseguiva: "Quando me lo mandi? Perché io esco alle undici col dottore, mandamelo immediatamente". Frasi criptiche, parole che ne significavano altre, differenti.

"Paese di merda me ne vado" -
Secondo il gip, l'amicizia tra Lavitola e Berlusconi "non pare giustificata da incarichi politici o istituzionali". La vicinanza tra i due è provata da diverse intercettazioni telefoniche. Tra queste, una fatta dal Cavaliere a Lavitola sull'utenza intestata a Panama di quest'ultimo. Agli atti, ci sono anche conversazioni con terzi che confermano i contatti tra l'ex direttore e il premier. C'è una frase, in particolare, che fa scalpore. "Tra qualche mese me ne vado...vado via da questo Paese di merda...di cui...sono nauseato...punto e basta". Così Berlusconi in una telefonata del 13 luglio scorso. Sarebbe questo, in particolare, il passaggio che secondo i giudici dimostrerebbe la vicinanza tra il Cavaliere e Lavitola. Secondo il Gip, l'ex direttore sarebbe stato "impegnato sostanzialmente quale attivo e riservato 'informatore' su vicende giudiziarie che, benchè riguardanti terzi, appaiono di specifico e rilevante interesse dello stesso Berlusconi". Tra i temi toccati, l'inchiesta sulla P4: "Anche di questo - spiega Berlusconi - non me ne può importare di meno... perché io ...sono così trasparente..così pulito nelle mie cose..che non c'è nulla che mi possa dare fastidio..capito?..io sono uno..che non fa niente che possa essere assunto come notizia di reato...quindi..io sono assolutamente tranquillo...a me possono dire che scopo..è l'unica cosa che possono dire di me...è chiaro?..quindi io..mi mettono le spie dove vogliono..mi controllano le telefonate..non me ne fotte niente...io..tra qualche mese me ne vado per i cazzi miei...da un'altra parte e quindi...vado via da questo paese di merda...di cui...sono nauseato...punto e basta...".

I presunti pagamenti -
Tarantini e la sua famiglia, secondo l'accusa, ricevevano da Berlusconi, tramite Lavitola, un indennizo mensile di 20mila euro "in forma occulta". Nell'ordinanza si legge che fino a questo momento è stata accertato il pagamento di 500mila euro, versati agli indagati e "altre prestazioni di rilievo economico" su cui proseguono le indagini. Secondo il gip "a Tarantini e famiglia viene fornito da tempo in forma occulta un appannaggio di quasi 20mila euro (14mila euro mensili oltre all'affitto della casa a Roma e le spese 'legali' straordinarie". Al pagamento "provvede Berlusconi servendosi di Lavitola in forme, tempi e luoghi finora non accertati". Ma Lavitola, nei passaggi di denaro, tratteneva anche delle somme "destinate a proprie iniziative economiche, avendo taciuto a Tarantini il ricevimento dell'intera somma promessa". Scoperto l'inganno, Tarantini avrebbe chiesto a Lavitola dei soldi, e quest'ultimo avrebbe risposto "di aver di fatto accantonato la somma su un conto chiuso in Uruguay per le necessità legate a un'eventuale attività all'estero dello stesso Tarantini, senza metterla a disposizione dello stesso per i consumi eccessivi del suo nucleo familiare".

La versione del Cav - Silvio Berlusconi non ha negato i pagamenti, ma ha smentito con fermezza l'estorsione e il ricatto. Quando lo scorso 25 agosto si erano diffuse le prime indiscrezioni il Cavaliere aveva spiegato: "Ho aiutato una persona e una famiglia con bambini che si è trovata e si trova in gravissime difficoltà economiche. Non ho fatto nulla di illecito, mi sono limitato ad assistere un uomo disperato non chiedendo nulla in cambio. Sono fatto così e nulla muterà il mio modo di essere".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • compagno sovietico

    06 Settembre 2011 - 17:05

    si il cavaliere è ricattato da tutti quelli che l'accusano di aver fatto le più grandi nefandezze del mondo.in realtà al berlusconi di dire alle camere quello che disse mussolini in merito agli italiani:"non è difficile governare l'italia, è inutile".inutile perchè anche i cosidetti progressisti sono dei grandi conservatori,ognuno appena vieve toccato reagisce contro il governo essendosi ormai iscritto al partito del no.dopo 60 anni di comunisti in italia noi meritiamo il socialismo reale del tipo unione sovietica.peccato che berlinguer non ci riuscì! non saremmo qui a perdere tempo a dialogare perchè non sarebbe stato consentito dai nostri stessi compagni.rifletti su questo.nei fatti berlusconi non ha mai perso le elezioni se non per il distacco di falsi alleati.perse le elezioni contro prodi per il mancato accordo con i radicali ed il partito dei pensionati, ancora la seconda volta perse alla camera per 25000 voti e vinse al senato per 600000 voti.gli italiani sempre con berlusconi.

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    02 Settembre 2011 - 12:12

    di solito non interloquisco con chi non avendo argomenti si rifugia negli insulti, ma con Lei voglio fare un'eccezione. Ciò che è capitato a Berlusca non poteva capitare a me come pure a milioni di cittadini onesti che vivono del proprio lavoro, pagano le tasse, senza corrompere giudici, testimoni, avvocati, senza assumere stallieri mafiosi, senza pagare minorenni e spacciarle per nipoti di Mubarak, senza creare società nei paradisi fiscali dove stornare capitali sotrratti al fisco. E se mi fosse capitato un centesimo di quello capito al premier sarei finito in galera non potendo farmi delle legge che avrebbero impedito alla giustizia di fare il suo corso. Reputo inutile ribadirle che non sono di sinistra anche perchè per Lei essere di destra significa essere Berlusconiano e tutto ciò che non è Berlusconiano è di sinistra. Berlusconi non solo ha rovinato questo Paese ma ha anche distrutto la vera destra liberale ed onesta di questo Paese...ma ancora per poco, spero.

    Report

    Rispondi

  • emi58

    02 Settembre 2011 - 08:08

    Che Berlusconi sia ricattato non è una novità, ma è lui che si mette in queste condizioni, non si ricatta chi non è ricattabile.

    Report

    Rispondi

  • Fairchild

    02 Settembre 2011 - 08:08

    molto facile andarsene, come se la colpa di tutto questo non fosse anche tua. pagliaccio che non sei altro, devi restare qui, a farti processare e se dio vuole anche a farti condannare. L'esilio è per chi se lo merita,no per chi scappa per paura del linciaggio che potrebbe accadere da un momento all'altro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog